chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Mondo arabo: ‘tweet’ per ricordare l'11 settembre 2001

Nel giorno in cui il mondo ricorda gli orrori commessi dai terroristi di al-Qaeda che dieci anni fa dirottarono dei voli civili facendo schiantare quattro aerei in USA, anche gli utenti arabi di Twitter rendono omaggio alle 3.000 vittime dell'11 settembre 2001.

Secondo Malek Nejer, un disegnatore di cartoni animati saudita, indipendentemente da chi abbia compiuto l'attentato, si è trattato di un crimine atroce [ar].

عموماً، ١١ سبتمبر جريمة بشعه، سواء قام به مسلمين أو يهود أو حتى مجموعة كائنات فضائية
@Nejer: quello dell'11 settembre è stato un crimine atroce, non importa se a commetterlo siano stati dei musulmani, degli ebrei o gli alieni.
9-11 Tribute Lights Photowalk

9-11 Tribute in Light: due fasci di luce nel cielo di Manhattan ricordano le torri del World Trade Center. New York 2010. © Kamau Akabueze, da Flickr (foto usata su concessione)

Da Dubai, Emirati Arabi Uniti, AbstruseArif nota [en, come gli altri link, eccetto ove diversamente indicato]:

@AbstruseArif: oggi è uno di quei giorni che vorremmo dimenticare…ma quei fatti sono realmente accaduti…#screamsstillresonates #911

Dal Bahrein, il blogger Mohammed Al Maskati, noto come emoodz, commenta:

@emoodz: i miei pensieri e le mie preghiere sono rivolte alle vittime statunitensi, afgane e irachene che hanno perso la vita nei terribili attentati dell'11 settembre #911…che riposino in pace…

Mohammed aggiunge anche:

@emoodz: c'è molto da imparare dal comportamento tenuto dagli Stati Uniti dopo l'11 settembre #911…bisogna guardare al futuro senza mai dimenticare il passato…#lulu #Bahrain

La dentista saudita Nouf Abdulrahman attribuisce al terrorista Osama Bin Laden non solo la responsabilità delle morti dell'11 settembre, ma anche di quelle di afghani e iracheni uccisi nelle guerre portate avanti dagli Stati Uniti nella lotta la terrorismo.

Nouf scrive [ar]:

ضحايا العراق و افغانستان انا احمل بن لادن – لا رحمه الله – دمائهم و دموع أهاليهم وليس ضحايا امريكا فقط #sept11
@Dr_Nouf: attribuisco a Bin Laden- che la sua anima possa non trovare pace- non solo la responsabilità per la morte delle vittime statunitensi, ma anche per il sangue versato dalle vittime irachene e afghane e per le lacrime dei loro familiari

Per Saud Al Sheikh il ricordo richiama alla mente altre atrocità. Ecco un suo commento su Twitter:

@SAMAlsheikh: ricordate l'11 settembre, ma avete già dimenticato il massacro di più di 8000 musulmani in Bosnia.

@SAMAlsheikh: ricordate l'11 settembre, ma non gli oltre 2 milioni di palestinesi uccisi dal 1948.

Allo stesso modo, anche AhmadOTB, da Riyad, Arabia Saudita, osserva:

@AhmadOTB: E’ accaduto l'11 settembre negli Stati Uniti, ma accade 24 ore su 24 in Palestina, Iraq e Afghanistan.

Nora Al Ashaikh, connazionale di AhmadOTB, aggiunge:

@Neeart: mi dispiace moltissimo che l'11 settembre siano morte delle persone ma questo è quello che accade ogni giorno in Medio Oriente, la gente lì muore ogni giorno…

Al contrario, Haneen Baitalmal, pur essendo saudita, è sconcertata dalla superficialità di alcune persone. Scrive:

@HaneenBa: Proprio non capisco chi sostiene che l'11/9 sia sovrastimato. Abbiate un briciolo di pietà, per l'amor del Cielo!

Da ultimo, ma non per importanza, il giornalista Tom Gara, corrispondente da Dubai, osserva:

@tomgara: nei dieci anni trascorsi per la ricostruzione del World Trade Center, in sostanza Dubai è stata costruita per intero.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.