chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Tunisia: dopo le elezioni, l'inizio di una nuova era?

Il 23 ottobre ha rappresentato un altro momento di svolta nella storia della Tunisia, culla della cosiddetta “Primavera Araba”. I cittadini sono stati chiamati alle urne nelle prime elezioni libere nel Paese, per eleggere i membri dell'assemblea costituente che avrà il compito di riscrivere la costituzione tunisina.

Il partito islamista moderato, Ennahda [it], si è aggiudicato 90 dei 217 seggi parlamentari, pari al il 41,47% dei voti. Al secondo posto, con 30 seggi, il partito laico di centro-destra al-Mottamar [en, come gli altri link, eccetto ove diversamente indicato] (Congresso per la Repubblica), seguito dal partito social-democratico Ettakatol (Forum Democratico per il Lavoro e le Libertà) con 22 seggi.

Sebbene la missione degli osservatori elettorali dell'Unione Europea abbia dichiarato che le elezioni si sono svolte in conformità agli standard internazionali, il risultato non ha soddisfatto tutti i cittadini tunisini.

Infatti a Sidi Bouzid, la cittadina in cui hanno avuto inizio le proteste sfociate nella caduta del regime del presidente Zeine El Abidine Ben Ali, i cittadini sono tornati in piazza per protestare contro l'invalidazione di alcuni seggi precedentemente attribuiti al partito al-Aridha (Petizione Popolare).

Scontri a Sidi Bouzid nei giorni successivi alle elezioni, foto di SBZone

La commissione indipendente (ISIE [fr]) ha affermato che l'invalidazione è stata determinata da irregolarità nel finanziamento delle campagne elettorali. Secondo quanto emerso dai risultati provvisori [it], prima della squalifica il partito al-Aridha avrebbe ottenuto la maggior parte dei voti a Sidi Bouzid. Comunque sia, al-Aridha, guidato da Hechmi Hamdi, noto sostenitore del vecchio regime, si è aggiudicato 19 dei 217 seggi dell'assemblea.

Su Twitter, i netizen esprimono perplessità [fr]:

@OBergervdn: #SidiBouzid, symbole de la révolution, a donc voté pour les anciens Benalistes d'Aridha. Ironique, non ? #tnelec

#Sidibouzid,la cittadina simbolo della rivoluzione, ha votato per i sostenitori di Ben Ali della Petizione Popolare. Ironico, non è vero?!

A Sidi Bouzid, le proteste seguite alle elezioni sono sfociate in atti di violenza, episodi di vandalismo e rivolte. La notte del 27 ottobre, quando i risultati sono stati pubblicati ufficialmente, Tunisia Live commenta su Twitter:

Forti proteste a Sidi Bouzid. Blocchi stradali e centinaia di pneumatici bruciati. La gente urla “la rivoluzione è nostra e non potete portarcela via”

Titof spiega come mai i manifestanti di Sidi Bouzid abbiano reagito in questo modo [ar]:

هي سيدي بوزيد مرّة أخرى تجد نفسّها منتفضة صارخة)…)أبناء المدينّة صدمهم اسقاط القوائم التي صوتوّ لها أملا في إبن جهتهم الذي وعدهم بعهد جديد يحقق فيه استحقاقات الجهة من تنمية و مكانة سياسية وتأثير في دوائر القرار
Ancora una volta è la gente di Sidi Bouzid a urlare e a testimoniare l'insorgere di una nuova rivoluzione. I cittadini di Sidi Bouzid sono rimasti scioccati dalla squalifica della lista elettorale per cui avevano votato. Speravano infatti che il loro concittadino (Hechmi Hamdi, leader di al-Aridha), che aveva promesso loro l'inizio di una nuova era, avrebbe trasformato quella di Sidi Bouzid in una regione sviluppata e politicamente influente, capace di influenzare gli equilibri politici del Paese

La polizia ha usato dei lacrimogeni per disperdere la folla rabbiosa. La calma è tornata a Sidi Bouzid nella giornata di sabato, giorno in cui i residenti hanno lanciato una campagna per la pulizia e la riorganizzazione della cittadina.

“Non vi siete preoccupati del Dittatore. Ora vi preoccupate degli islamisti!” Foto di Azyz Amamy, condivisa tramite twipic

Nel frattempo, i blogger tunisini hanno espresso la propria rabbia nei confronti dei mass media, per  aver deciso di evidenziare la vittoria del partito islamista Ennahda, il quale si è aggiudicato la maggior parte dei voti:

 

@Psycke commenta [fr]:

Je suis révoltée par les titres de la presse française auj! Arrêtez de projeter votre peur sur nous!!!!!!! #tnelec #Tunisie

sono disgustato dai titoli dei giornali francesi di oggi [25 ottobre]! Smettetela di insinuare in noi le vostre paure!!!

“Non vi siete preoccupati del Dittatore. Ora vi preoccupate degli islamisti!” è il messaggio lanciato dal blogger Azyz Amamy (@azyyoz) ai media occidentali.

Sebbene le storiche elezioni nel Paese così come la copertura mediatica effettuata dai media occidentali siano state macchiate da una violenza condannata dagli stessi cittadini tunisini,  alcuni blogger hanno espresso soddisfazione riguardo la situazione e fiducia nella possibilità di un futuro migliore.

L'exception tunisienne scrive [fr]:

La droite conservatrice remporte la mise. Mais le plus grand gagnant dans tout cela, c'est le peuple tunisien qui est sorti en masse et d'une manière spontanée et volontaire pour dire son mot.

La destra conservatrice ha vinto, ma i veri vincitori in tutto questo sono i cittadini tunisini, che spontaneamente e volontariamente sono usciti dalle proprie case per farsi sentire.

Anche Olfa condivide la visione ottimistica del futuro tunisino [fr]:

Ennahda a été élu démocratiquement : il faut lui donner une chance. […]A regarder le chemin parcouru, cependant, je considère que l'avenir qui s'offre à la Tunisie est non pas une menace, mais une chance. La société tunisienne est depuis longtemps sécularisée et n’a pas l’intention de céder sur ses acquis, notamment en matière de droits des femmes. Je reste donc optimiste !

Ennahda è stato democraticamente eletto: dobbiamo dargli una possibilità. […] guardandomi indietro, e osservando il cammino che abbiamo già percorso, credo che il futuro offra alla Tunisia nuove possibilità e non certo minacce. La società tunisina è stata una società laica per lunghissimo tempo e non credo abbia nessuna intenzione di rinunciare alle proprie conquiste, in particolare ai diritti acquisiti dalle donne. Per questo motivo sono ancora ottimista.

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.