chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Ucraina: proteste, violazioni e altre ricadute delle elezioni

Opposizione Unita e manifestazione per la LIbertà presso la Commissione Centrale per le Elezioni

Attivisti e sostenitori dell'opposizione manifestano davanti alla Commissione Centrale per le Elezioni a Kyiv. Foto di ukrafoto, ukrainian news, copyright © Demotix (5/11/12).

Le elezioni parlamentati del 28 ottobre 2012 [en] in Ucraina saranno probabilmente ricordate soprattutto per un diffuso voto di protesta [en], conteggi dei voti che appaiono infiniti nei distretti contesi, accuse di brogli elettorali [en] e una piuttosto scialba protesta pubblica [en] a Kyiv. Tuttavia numerosi reportage sui media da parte dei cittadini, la diffusione dal vivo online e altre iniziative di monitoraggio [en] sono ciò che rendono questa elezione qualcosa di memorabile – per non parlare delle violazioni [en] avvenute prima, durante e dopo il voto. Come commenta [en] la giornalista Kateryna Avramchuk, del giornale Ukrainska Pravda, via Twitter, a proposito della situazione in uno dei distretti conteso :

@avramchuk_katya: Il furto dei nostri voti viene trasmesso in tempo reale […] E ci si aspetta che le persone non siano apolitiche dopo di questo?

La Rivoluzione Arancione del 2004

Manifestanti a Kyiv durante la Rivoluzione Arancione del 2004. Foto di Veronica Khokhlova.

 

Otto anni fa, la frode elettorale durante il voto presidenziale del 2004 [it] aveva fatto scoppiare le proteste poi divenute note come la Rivoluzione Arancione [it]. L'opposizione allora l'aveva avuta vinta, ma aveva poi fallito nell'investigare in modo appropriato le numerose violazioni e nel perseguire i responsabili. Alcuni degli accusati finirono persino per ricevere delle onorificenze nazionali [en]. Questo, insieme alle costanti lotte interne, alla fine ha eroso la maggior parte del supporto pubblico di cui aveva goduto la vittoriosa squadra “Arancione”.

Il comportamento di molti ucraini oggi è riflesso molto bene in questo commento su Facebook [uk]:

…Le persone dicono che non vogliono [unirsi alle proteste di piazza] perchè hanno già dato il loro voto – e ora lasciano che [i politici dell'opposizione] combattano contro il regime per i loro [scranni in Parlamento] da soli …

 

L'attuale situazione post-elezioni deriva dall'impunità e dalla sistematica corruzione che sono prevalenti in Ucraina. Ma offre anche all'opposizione un'altra possibilità di farsi perdonare gli errori passati.

Politici e cittadini possono non essere d'accordo sulla migliore strategia per ristabilire la vera volontà dei votanti in queste circostanze (un'altra votazione completa o parziale, o solo un riconteggio dei voti nei distretti contestati). Molti però concordano che l'opposizione deve restare unita questa volta, con azioni legali contro chi ha perpetrato la frode elettorale, e vederci ben chiaro – invece che solamente parlare della necessità di farlo.

Mykola Kniazhtsky, direttore generale del canale TVi e candidato all'opposizione in questa elezione, è d'accordo [uk] con Ajvazovska:

[…] Le persone hanno vinto onestamente. Se decidiamo di rifare le votazioni, dovrebbe accadere solo dopo che i falsificatori sono stati accusati di condotta criminale. Altrimenti li staremo esonerando e incoraggiando.

 

Andriy Parubiy, un altro candidato dell'opposizione, preferisce un riconteggio [uk] piuttosto che un'altra votazione e ha suggerito [uk] di creare un pubblico registro nazionale di chi commette frodi elettorali, [uk] dal [Presidente Viktor Yanukovych] fino ai capi delle [commissioni delle elezioni locali]”.

Resta da vedere però se qualcuno dei responsabili dell'attuale crisi sarà mai portato in galera.

ISN logo Questo post e le sue traduzioni in spagnolo, arabo e frencese sono state commissionate dall'International Security Network (ISN) come parte di una collaborazione mirata a dare voce alle opinioni dei cittadini sui temi delle relazioni internazionali e della sicurezza. Il post originario è  apparso sul blog dell’ International Security Network; si veda qui per altri analoghi annessi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.