chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Cina: il paese dice addio ai Campi di rieducazione?

La Cina ha annunciato il piano di abolizione del sistema di “rieducazione attraverso il lavoro”, cioè i noti Campi di rieducazione.

Adottato nel 1957, il sistema permette alla polizia di inviare nei campi di lavoro per un massimo di quattro anni coloro che commettono reati minori, come ad esempio ladri, prostitute e i tossicodipendenti, senza alcun bisogno di un processo.  Molti hanno criticato tale sistema, considerato uno strumento in mano ai funzionari governativi desiderosi di sbarazzarsi di soggetti scomodi che sfidano l'autorità.  

Secondo un rapporto del 2009 [en], proveniente dal forum dei diritti umani delle Nazioni Unite, nei campi di lavoro in Cina erano detenute 190.000 persone senza aver affrontato un processo.

Nel 2012, il funzionario locale Ren Jianyu [it] è stato condannato a due anni di lavoro, dopo aver condiviso sui social network dei messaggi che accusavano l'ex capo del partito di Chongqing, Bo Xilai [it], di voler ristabilire la Rivoluzione Culturale attraverso la sua campagna basata sugli “slogan del periodo pre-rivoluzionario” [en]. Il caso di Ren ha scatenato una campagna lanciata su i social media cinesi, per chiedere a gran voce la fine del sistema di “rieducazione attraverso il lavoro”.

La decisione è arrivata dopo il recente Terzo Plenum del PCC, durante il quale si è riunito il Comitato Centrale del Partito. Mentre molti vedono in questo una passo in avanti, alcuni avvocati e giornalisti hanno mostrato la loro preoccupazione nei social media, riguardo cosa sia veramente una reale abolizione del sistema.

After the third plenary meeting, China has announced its plans to abolish the “re-education through labor” system. (Picture from 163.com)

Dopo il Terzo Plenum del PCC la Cina ha annunciato il suo piano per abolire il sistema di “rieducazione attraverso il lavoro”. (Foto presa da 163.com)

Il celebre avvocato  Yuan Yulai scrive [zh come gli altri link, eccetto ove diversamente segnalato]:

劳教是个毒树,铲除了,固然值得高兴。但土壤还在,肯定还会长出什么变种来。所谓里程碑一说,则纯属意淫。里程碑是在路上的,宪政根本没有上路,哪里来的里程碑?

La detenzione è come un albero contaminato, e noi siamo felici che venga sradicato. Tuttavia il terreno è sempre lo stesso, alcune variazioni sullo stato dei campi di lavoro non cambieranno la situazione.     Le cosiddette pietre miliari dovrebbero essere già consolidate, tuttavia non essendoci una riforma a livello costituzionale, da dove si origina questo cambiamento?

 Peng Xiangfeng, amministratore delegato della Compagnia Zhongzheng, commenta :

劳教制度虽然废止了,不要高兴得太早,这几天和政法系统的领导交流,貌似现在有两个轻刑化罪名要大量应用了,一个是妨碍公务,一个是寻衅滋事,不过这两个终归要经过法院审判、律师辩护,还是进步了

Nonostante la rieducazione attraverso il lavoro sia stata abolita, non cantiamo vittoria. Dopo uno scambio di idee tra i leader politici e alti funzionari, sembra che adesso siano applicati due capi di accusa per i reati minori, uno crea ostruzionismo ma l'altro crea disordini. Tuttavia i due, dopotutto devono comunque passare attraverso una corte ed un legale, cosa che può quindi essere considerata come un progresso. 

Li Qidong, professore di Shenyang, detenuto per un anno in un campo di lavoro per “aver turbato l'ordine in una classe”, commenta sarcasticamente:

劳教没有废除时,总是强调“不可替代”;宪政没有实施时,总是大加批判。这就是中国国情——总有阻碍改革、唯马首是瞻的人!

Quando la detenzione era in vigore, la consideravano una misura “insostituibile”; quando è stata messa in dubbio la costituzionalità del sistema, l'hanno sempre criticata. Queste sono le condizioni nazionali della Cina — c'è sempre qualcuno pronto ad ostacolare le riforme.

L'utente “Southern Weekend” commenta su Weibo:

从来没有一个制度如此大面积地侵犯公民的人身自由。全国人大常委会不仅要作出废止决定,更应直接对劳教制度进行合宪性、合法性审查;与劳教改革相配套的相关措施,也应进入人大视野。司法机关则应考虑如何公正对待劳教受害人的诉讼和赔偿等要求。

Non c'è mai stato un sistema con un potere così arbitrario, capace di infrangere i diritti civili. Il Comitato permanente dell’ Assemblea Nazionale del Popolo [it] non dovrebbe prendere solo la decisione di abolire, dovrebbe controllare la costituzionalità e la legalità di questo sistema di detenzione. Dovrebbero esserci tentativi rilevanti per la riforma del sistema di detenzione. L'apparato giudiziario dovrebbe considerare come garantire giustizia per le vittime delle detenzioni illegali e risarcire adeguatamente quest'ultime.

Il professor Jia Hongchang, della China University of Political Science and Law, scrive :

现在的问题不是废不废,而是怎样废。关键是在什么时机通过什么方式,建怎样的制度转化来填补劳教制度废止后的空白。

La questione adesso non è se abolire o no tale sistema, ma come abolirlo, quando, in che modo, e come istituire un sistema capace di rimpiazzare i vecchi campi di lavoro.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.