chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

L'uso di Tor cresce in Russia in seguito ai tentativi di censura del Cremlino

Data from search engines mirrors Tor's own statistics: more and more Russian users show interest. Images mixed by Tetyana Lokot.

I dati dei motori di ricerca riflettono le statistiche di Tor: sempre più utenti russi vi mostrano interesse. Immagini create da Tetyana Lokot.

Mentre un nuovo report delle Nazioni Unite [en, come tutti i link successivi salvo diversa indicazione] riconosce che i software di crittografia e gli strumenti di anonimizzazione sono “essenziali per la libertà di parola”, le autorità russe stanno adottando una posizione molto dura nei confronti dei software di anonimia. Lawrence Alexander usa i dati aperti per esaminare la rapida crescita nell'utilizzo di Tor nel web di lingua russa e per chiedersi cosa guida questa tendenza.

Il browser Tor è uno dei più popolari strumenti di anonimizzazione usati su scala globale allo scopo di avere accesso a contenuti che potrebbero essere bloccati o vietati, o anche per preservare la privacy dell'utente. Nato come progetto di ricerca finanziato dalla Marina statunitense, Tor è ora gestito da un'organizzazione no profit, tuttavia continua a ricevere finanziamenti federali. Il browser Tor rende anonimo il traffico su Internet trasmettendolo attraverso una particolare configurazione di nodi detta “sistema di routing a cipolla” [it]. Il network vanta più di 4 milioni di utenti nel mondo (stime di Novembre 2013), inclusi molti attivisti informatici che vivono in paesi dove la censura e la sorveglianza on line sono fenomeni diffusi.

Il Progetto Tor offre statistiche accessibili pubblicamente relative alle connessioni degli utenti, e i risultati possono anche venire limitati ad un solo paese, il che ci permette di esaminare quanti siano gli utenti in Russia che usano il network Tor.

Tor Statistics for Russia

Connessioni Tor in Russia, 2013-15.

Vi è un significativo e chiaro aumento nelle connessioni a Tor dalla Russia nel corso degli ultimi due anni; tuttavia, l'iniziale picco del 2013 potrebbe essere ingannevole. I dati sull'uso di Tor a livello mondiale nello stesso periodo mostrano un andamento quasi identico, attribuito all’attività di un malware all'interno del network.

Global Tor usage, 2013-15

Connessioni a Tor nel mondo, 2013-2015.

Ma mentre il numero di connessioni a livello globale è diminuito a seguito dell'attacco, in Russia hanno invece continuato a crescere, raggiungendo il livello più alto nell'estate del 2014.

Rapid surge in Russian Tor usage, 2014

La rapida crescita nell'uso di Tor in Russia può essere vista a metà 2014

Cosa ha causato questo improvviso balzo di più del 60%? Queste stime possono essere attribuite all'attività di utenti veri, o invece sono riconducibili all'irruzione di robot?

I dati relativi a cosa e a quanto spesso i russi cercano su Google.ru e Yandex —due dei più diffusi motori di ricerca del paese—possono offrire un indizio.

Durante lo stesso periodo comprendente due anni (2013-2015), vi è stato un considerevole aumento nelle ricerche di “download browser tor” dalla Russia. Questa frase è elencata da Yandex Wordstat come una ricerca comune relativa a Tor, e l'ho scelta perché suggerisce l'intenzione effettiva di usare il software, piuttosto che di raccogliere solo notizie su di esso.

Search volume for phrase "tor browser скачать" ("tor browser download"). 2013-15.

Le ricerche su Yandex della frase “tor browser скачать” (“tor browser download”) in Russia, 2013-15.

I dati Google Trends per la Russia mostrano un aumento simile nel volume di ricerche, con picchi nell'estate del 2014 e un'alta concentrazione di attività nella prima metà del 2015.

Google searches for the same phrase, 2013-15.

Le ricerche su Google della frase “tor browser скачать” (“tor browser download”) in Russia, 2013-15.

In entrambi i casi, i dati relativi alle ricerche tendono a rispecchiare quelli di Tor Metrics, con un'attività moderata prima del picco del 2013.

Le statistiche globali di Yandex per “download di Tor browser” confermano che la maggior parte di coloro che hanno usufruito in tal modo dei motori di ricerca sono in Russia, e risiedono nelle maggiori città e nelle aree urbane principali. Mosca domina la lista, come appare evidente anche in Google Trends. Questo è forse il riflesso della densità della popolazione e della penetrazione di Internet, ma una demografia giovane, che tende a essere più scaltra e curiosa sugli strumenti di aggiramento delle censure, potrebbe avere ugualmente influenzato questo andamento.

Cities - Yandex

Le prime 20 città di utenti che hanno cercato “tor browser скачать (download)” su Yandex.

Cos'è che spinge in Russia questa crescita che dura da tre anni nell'adozione e nell'uso di strumenti di anonimizzazione? Come RuNet Echo ha documentato estesamente, in questo periodo, il governo russo ha costantemente rafforzato la stretta sulla libertà di Internet — e la crescita della censura rispecchia il crescente interesse verso Tor.

Dopo aver inizialmente introdotto blocchi su contenuti relativi ad autolesionismo e all'uso di droghe [it], il Cremlino ha poi istituito una sua legge contro la pirateria online nell'estate del 2013, e in seguito si è attivato per impedire l'accesso a siti web promotori di proteste pubbliche non autorizzate.

Una repressione sempre più draconiana contro i siti dei media di opposizione [it] e gli attivisti di Internet è poi emersa nella primavera del 2014— accompagnata da un'enorme crescita delle ricerche di Tor su Google.ru.

Mentre i regolamenti del governo diventano più restrittivi, sempre più cittadini russi stanno adottando strumenti per aggirare le censure online, così da poter preservare il loro accesso alle informazioni, alla libertà di espressione e all'anonimato. Come risposta, il Cremlino sembra voglia tagliare proprio l'uso del software che permette agli utenti di aggirare la censura. Nonostante Tor e altri strumenti di anonimizzazione non siano ufficialmente banditi in Russia, tuttavia è sempre più evidente che sono visti come una minaccia allo stretto controllo che la Russia vuole mantenere sui media più diffusi e sull'informazione e la comunicazione on line.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.