chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Angkety Map: risorse digitali per la rivitalizzazione delle lingue indigene australiane

angketyPM

Screenshot del report Angkety Map

Come è possibile utilizzare le risorse digitali per preservare e rivitalizzare le lingue indigene in Australia? Quali sono le sfide e le strategie impiegate per ridurre i rischi per le comunità che fanno uso di queste risorse? Sono alcune delle domande poste nella nuova ricerca denominata “Angkety Map”, che riprende una parola dalla lingua Anmatyerr [en, come tutti i link successivi] che significa “tante storie”.

First Languages Australia, un'organizzazione che supporta le comunità aborigene e delle Isole dello Stretto di Torres in tutti gli aspetti della conservazione e della rivitalizzazione, ha distribuito questo rapporto sommario a cui seguirà un progetto di 15 mesi che riassumerà le esperienze degli attivisti linguistici nell'uso della tecnologia digitale per creare opportunità di apprendimento e rivitalizzazione nelle loro comunità.

Il ricercatore Ben Foley ha lavorato a stretto contatto con il team di First Languages Australia facendo sondaggi e intervistando i sostenitori durante diversi eventi su lingua e tecnologia in tutta la nazione, come Puliima, la Conferenza Nazionale della Lingua e della Tecnologia tenutasi a Melbourne e Ngirrma Puwal Pukang, la Conferenza Linguistica degli Stati del Queensland tenutasi a Cairns. Sono stati distribuiti anche sondaggi online al fine di ampliare la rete e per raccogliere informazioni da persone che non erano presenti a questi eventi, mentre le interviste telefoniche sono state condotte in collaborazione con i centri linguistici, sviluppatori di software e altri attivisti che fanno parte di progetti linguistici locali.

Questi colloqui ci presentano le risorse e i contenuti creati dalle comunità locali, come:

  • Programmi per computer e applicazioni per la documentazione, registrazione, annotazione e archiviazione linguistica
  • App per cellulari/tablet (liste di parole, dizionari, giochi musicali, giochi di apprendimento, contesti di apprendimento)
  • Risorse interattive per lavagna elettronica
  • CD-ROM o DVD multimediali
  • Siti e applicazioni web (e.g. YouTube, dizionari e siti di apprendimento online, ecc.)
  • Dizionari interattivi, liste di suoni e parole, formulari, flash card
  • eBook
  • Giochi per computer
  • Programmi radio e podcast audio

Molti di questi esempi vengono evidenziati nel report come casi di studio sugli usi tecnologici innovativi per l'apprendimento e la rivitalizzazione linguistica.

First Languages Australia si augura che il rapporto possa spingere i politici a finanziare il progetto attraverso fondi prioritari e allo stesso tempo che possa facilitare il dialogo tra le comunità linguistiche, in modo da sfruttare al meglio le opportunità per usare la tecnologia, che possa ridurre la duplicazione e affrontare le sfide potenziali che sorgono quando si applicano le risorse digitali.

È possibile scaricare il riassunto del rapporto qui.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.