chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

“Vi sono mancato?” Moriarty, il cattivo di Sherlock Holmes, sugli schermi della metropolitana di Kiev

Moriarty, the villain from BBC's Sherlock series, surprised Kyiv metro riders on January 14. Image from Nash Kiev Facebook community.

Moriarty, il cattivo della serie TV “Sherlock”, ha sorpreso i passeggeri della metro di Kiev il 14 gennaio. Immagine dalla pagina Facebook “Nash Kiev”.

I passeggeri della metro di Kiev, in Ucraina, sono rimasti a dir poco stupefatti quando, il 14 gennaio, al posto dei soliti annunci sulla sicurezza, gli schermi nei vagoni della metropolitana hanno mostrato immagini di Moriarty, il famigerato cattivo dei libri e dei film di Sherlock Holmes.

I social media sono stati immediatamente invasi [en] da fotografie degli schermi alterati dagli hacker, che mostravano la versione di Moriarty impersonata dall'attore Andrew Scott nella famosa serie televisiva della BBC intitolata “Sherlock”. Le immagini erano corredate dalle parole “Vi sono mancato?”, tratte dall’ ultimo episodio [en] della terza stagione della serie, in cui il nemico di Sherlock, dato per morto in precedenza, riappare sugli schermi pubblicitari di Londra.

A photo capturing the sudden appearance of Moriarty on subway screens. Image from Nash Kiev Facebook community.

Una foto dell'improvvisa apparizione di Moriarty sugli schermi della metro. Immagine dalla pagina Facebook “Nash Kiev”.

Sui social media le comunità di Kiev ipotizzano [en] che lo scherzo sia stato messo in atto da alcuni hacker, ma finora nessuno ha rivendicato l'azione. L'ufficio stampa del sistema metropolitano di Kiev ha dichiarato [ru] al sito web AIN.UA di non aver approvato la comparsa delle foto di Moriarty ed ha annunciato che le indagini sono in corso. L'ufficio stampa ha inoltre aggiunto che il contenuto sugli schermi dei vagoni della metro è di competenza dell'agenzia pubblicitaria ingaggiata per gestire la pubblicità nel servizio metropolitano.

Benché lo scherzo degli hacker non abbia portato ad alcun problema nel funzionamento della metro e sembri essere stato soltanto una bravata, AIN.UA osserva [ru] che questo pone reali questioni circa la sicurezza dei sistemi informatici metropolitani.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.