chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Morte di una maschera a carnevale: l'oltraggio del sindaco di Trinidad e Tobago

The Queen's Park Savannah in Port of Spain, where the body of the Carnival masquerader was found. Image by Georgia Popplewell, used under a CC BY-NC-ND 2.0 license.

Il Queen's Park Savannah a Port of Spain, dove è stato trovato il corpo della donna uccisa durante la festività del carnevale. Immagine di Georgia Popplewell, utilizzata previo licenza CC BY-NC-ND 2.0.

Il Queen's Park Savannah [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] è considerato la Mecca di Trinidad e Tobago per il carnevale. È qui che è stato ritrovato il cadavere di una donna mascherata in occasione di tale festività. Dopo questo avvenimento il sindaco di Port of Spain, Raymond Tim Kee, ha peggiorato la situazione affermando che “le donne devono assicurarsi di non essere vittime di abuso durante la festività del Carnevale”.

Persino prima che i festeggiamenti fossero condotti a pieno regime, aveva sottolineato la “volgarità” e la “dissolutezza” di alcune maschere femminili, aggiungendo che “le donne non hanno bisogno di comportarsi in questo modo per divertirsi”.

Fino a giovedì, la polizia non aveva ufficialmente confermato la dinamica dell'omicidio, ma i media, citando alcuni fonti anonime, hanno identificato la donna come Asami Nagakiya: una suonatrice di steel pan giapponese.

Dal web si è immediatamente sollevata una protesta condotta da entrambi i sessi. In molti casi gli uomini sono stati tanto infervorati in difesa delle donne, quanto queste ultime. Si sono scagliati contro le parole di Tim Kee,  ritenute irresponsabili ed un chiaro esempio di Victim Blaming. Gareth Jenkins ha dichiarato stupefatto:

‘Women have a responsibility to ensure they are not abused’ – yeah, it's not like it's the police or the mayor's responsibility to protect people from being murdered. Or, I dunno, the responsibility of men to maybe STOP ATTACKING WOMEN IN THE FIRST PLACE. Vulgar? You take gold. So ashamed…

“Le donne devono assicurarsi di non essere vittime di abusi”, certo. Non è certo compito della polizia, sotto responsabilità del sindaco, proteggere le persone affinché non vengano uccise. O innanzitutto compito degli uomini di SMETTERLA DI ATTACCARE LE DONNE. Volgare? Prendi l'oro. Mi vergogno così tanto…

Secondo l'opinione di Melvina Hazard, le parole del sindaco hanno trasmesso un messaggio molto pericoloso:

Irresponsible and tasteless statement by the Mayor of POS. This type of attitude is one of the biggest reasons why women are under constant attack at all levels.

La dichiarazione del sindaco di Port of Spain è stata irresponsabile e priva di tatto. Questo comportamento è una delle principali ragioni per le quali le donne sono costantemente sotto attacco.

Samantha Rattan ha riversato in un appassionato post Facebook le sue considerazioni sul tema del Victim Blaming:

How recessed the thinking! Disappointed in these comments that hold women and girls accountable for any harm and abuse inflicted on their bodies. It only perpetuates the ignorance that ‘she mustbe look for it’. Strong men are born from boys who are taught respect and value, not just for others but for themselves. Not just for women but humanity. ‪#‎ourlivesmatter

Pensiamo in modo retrogrado. Sono delusa da questi commenti in cui donne e ragazze possono subire qualsiasi tipo di violenza ed abuso inflitto sui loro corpi. Non fanno altro che perpetuare l'ignoranza del “deve essersela cercata”. Gli uomini veri sono nati da quei ragazzi a cui è stato insegnato il valore del rispetto, non solo verso gli altri ma anche verso se stessi. Non solo verso le donne, ma anche verso l'umanità.

Dopo aver postato la definizione di “Victim Blaming” Cherisse Lauren Berkeley ha affermato:

Why is it always that women are asking for their abuse and up to them not to be abused? Why is he protecting our attackers? Our government officials say things like the aforementioned, some support them and then we all have to face the backlash of spikes in crime, especially toward women.
Men catcall women and sexually harass us in front of police officers and that's accepted and there are no attempts to correct this behaviour, but instead we tell women not to act a certain way, or wear certain things. Hardly ever do I hear persons who hold public office saying, ‘women don't ask for their abuse, and no one is entitled to their body regardless of how they look and or conduct themselves.’
To think that in 2016 where technology is at everyone's fingertips and there is widespread discussion over gender roles, respect, and equality that someone in authority has had the bravery to utter such nonsense.

Perché è sempre colpa delle donne se sono vittime di abuso ed è solo una loro responsabilità non esserlo? Perché i nostri aggressori vengono protetti? Il nostro governo afferma cose del genere, alcuni lo supportano e poi tutti noi dobbiamo subirne il contraccolpo nei picchi di criminalità, soprattutto nei confronti delle donne. Gli uomini ci fischiano dietro e abusano di noi di fronte ai poliziotti. Tutto ciò viene accettano e non viene fatto alcuno sforzo per correggere questo comportamento, al contrario suggeriamo alle donne di non comportarsi in un certo modo, o di non indossare certi indumenti. Quasi mai sento persone che ricoprono cariche pubbliche affermare che “le donne non chiedono di essere abusate e nessuno ha alcun diritto sul loro corpo a prescindere dal loro aspetto e dal loro comportamento.” È assurdo pensare che nel 2016, un'era in cui la tecnologia è alla portata di tutti e sempre più numerosi sono i dibattiti sui ruoli di genere, sul rispetto e l'uguaglianza, un'autorità ha avuto il coraggio di dichiarare una tale assurdità.

Ha poi aggiunto, per la vittima:

More than anything, I'm sorry and ashamed of the words of the Mayor of Port Of Spain to you, and all other victims who have been triggered by his stupidity and ignorance in to even entertaining any thought that their abuse was their own fault. No one deserves to die or be found the way you did and then to be further disrespected in death to have any blame cast in your direction.
Sincerely,
Every Trinbagonian that knows better.

In particolare, mi dispiace e mi vergogno per le parole che sindaco di Port of Spain ha indirizzato nei tuoi confronti e nei confronti di tutte le altre vittime che a causa della sua stupidità e ignoranza hanno potuto anche minimamente pensare che la colpa di quell'abuso fosse la loro. Nessuno merita di morire e di essere ritrovato in quello stato e in più di non essere rispettato, ma colpevolizzato, persino dopo la morte.
Cordialmente,
Ogni Trinidadiano saggio.

Gli stessi sentimenti sono stati espressi da Dion Boucaud:

Mr. Tim Kee, please be advised that our imagination and indeed yours will never reveal what happened. You cannot as an official, cast aspersions on a person's character nor can you blame the victim. You owe this young lady an apology for your crass and insensitive response to this unfortunate situation.

Si avvisi gentilmente il Sig. Tim Kee che la nostra immaginazione, come la sua, non potrà mai rivelare ciò che è realmente successo. Non puoi, come personalità pubblica, denigrare il carattere altrui, né puoi colpevolizzare la vittima. Devi a questa giovane donna delle scuse per la tua reazione volgare e insensibile alla sua morte.

In risposta ad una discussione sul tema, Andreas Stueven ha pubblicato “10 consigli preventivi per lo stupro” il cui focus è incentrato su come gli uomini non debbano interferire con le donne. Ha inoltre aggiunto:

This is the same ‘Is she own fault she get rape, why she dress so?’ Attitude… I don't agree at all, not this time or any time. While i disagree what carnival has come to, that still does not give anyone any additional rights aside from the fact that the cause of death is still unclear as far as i know. He actually implies that this was a rape gone bad and delivers a ‘mitigating reason’ for the Rapist one time.

Questo è lo stesso comportamento del “è colpa sua se è stata stuprata, perché si è vestita così”..Non sono per niente d'accordo, né ora né mai. Anche se non sono d'accordo su ciò che è accaduto a carnevale, per quanto ne sappiamo la causa della morte non è ancora chiara e ciò non dà a nessuno alcun diritto aggiuntivo. Con le sue parole ha implicitamente affermato che si tratta di uno stupro finito male e fornisce un'attenuante allo stupratore.

Un'esplosione di critiche ha invaso Twitter:

E allora! Sindaco Tim Kee! Quante di quelle stupide insalate hai mangiato prima di commentare questo omicidio? Idiota insensibile!

“It is a matter that she was jumping up in a costume”. Mayor Tim Kee, are you serious?!?!

“Il motivo è che stava saltellando in costume”. Sindaco Kim Tee, ma davvero?!

Se da parte di molte donne sono state richieste delle scuse da parte del sindaco per la sua insensibile dichiarazione, altre hanno chiesto le sue immediate dimissioni.

Il Sindaco Raymond Tim Kee dovrebbe rassegnare le sue dimissioni con effetto immediato.

C'è anche chi, come l'utente Facebook Rejane DeFour, ha chiesto entrambe le cose:

Mayor Tim Kee, take back that statement. Then get out and stay out.

Sindaco Tim Kee, rettifica la tua dichiarazione. Dopodiché vai via e non tornare.

Per la giornata di domani è già stata organizzata una protesta dinanzi al City Hall e nel contempo sta circolando una petizione online per richiedere al sindaco di fare un passo indietro.

Aggiornamento: Intorno alle ore 12 di giovedì, il Sindaco Tim Kee ha affermato di “dover porgere in modo inequivocabile le sue scuse alle donne e alla popolazione nazionale che sono stati offesi dalle osservazioni a lui attribuite dopo la morte della giovane musicista, Asami Nagakiya”. Nonostante ciò, il primo cittadino ha mantenuto la sua posizione e ha suggerito di “comportarti responsabilmente e proteggersi poiché molte sono le donne vittime di abusi per mano altrui.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.