chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Alla scoperta di foto di Cina e Giappone durante la seconda guerra mondiale via Twitter

china in world war 2

Chungking (Chongqing), la capitale cinese durante la guerra dal 1937 al 1945, qui a colori nel 1944. Pubblicata dall'utente Twitter @chinarhyming.

Due account su Twitter sono una fonte continua di fotografie illuminanti della seconda guerra mondiale in Asia.

L'account China in WW2 [en, come gli altri link tranne ove diversamente indicato] (la Cina durante la Seconda Guerra Mondiale) si concentra sulla guerra iniziata in Cina nel settembre del 1931, con l'annessione della Manciuria da parte del Giappone [it]. Un secondo account Twitter, WW2 in Asia (la Seconda Guerra Mondiale in Asia), è dedicato a “live tweet su fatti storici, esattamente 80 anni dopo che sono successi”, la cui durata è prevista fino al 2025 al raggiungimento dell'ottantesimo anniversario della fine della guerra.

La Cina durante la Seconda Guerra Mondiale

Secondo le informazioni del profilo, China in WW2 fornisce “notizie sulla Guerra Sino-Giapponese del 1931-1945 e sulla nascita dell'Asia moderna”. L'account è gestito da Peter Harmsen, autore dei libri “Shanghai 1937” e ‘Nanjing 1937‘.

L'account Twitter divulga immagini di una lunga guerra che è stata ampiamente dimenticata sia in Giappone che in Occidente, nonostante sia durata quasi 15 anni fino alla sconfitta del Giappone nel 1945.

Copertina di un giornale giapponese per ragazzi del 1934. Il tema: combattere contro i signori della guerra nella Cina settentrionale.

Le immagini forniscono uno scorcio affascinante nel mondo degli anni '30, e sottolineano come, per la maggior parte del decennio, il Giappone abbia interagito e collaborato con le potenze occidentali mentre manteneva l'assetto di guerra contro la Cina.

Sentinelle giapponesi e britanniche nella città di Tianjin, Cina settentrionale, 1939.

Marine giapponesi con automobili corazzate Vickers-Crossley prodotte in Gran Bretagna durante la prima battaglia a Shanghai nel 1932.

Sebbene sembri che molte fotografie siano state scattate in posa, ci sono anche sorprendenti ritrovamenti documentari:

Truppe giapponesi che sbarcano nella baia di Hangzhou, novembre 1937. All'epoca, il Giappone faceva da pioniere per tattiche ambiziose.

Sono incluse anche immagini utilizzate a scopo propagandistico:

Poster giapponese che incita i difensori di Hong Kong ad abbandonare la resistenza, dicembre 1941.

Ci sono anche scatti che parlano dell'iniziativa giapponese ampiamente dimenticata—la colonizzazione del nordest cinese negli anni '30:

Viaggiare da Dalian ad Harbin, veloce. Spot pubblicitario su una rivista che promuove la ferrovia operata dal Giappone nello stato fantoccio del Manchukuo.

Il feed di Twitter spesso pubblica anche i link ad articoli di blog che raccontano la Seconda Guerra Mondiale in Cina:

Cosa è accaduto ai giapponesi bloccati in Cina alla fine della Seconda Guerra Mondiale? Leggetelo qui.

La Seconda Guerra Mondiale in Asia

L'account Twitter WW2 in Asia mira a fornire una retrospettiva della guerra in Asia attraverso tweet. Inoltre, è una fonte eccellente di fotografie rare e sorprendenti.

Gran parte dell'attrattiva di questo particolare microblog è che le foto sono condivise cronologicamente in “tempo reale”; attualmente l'account sta trattando gli eventi accaduti a maggio del 1936:

11 maggio 1936: nuova legge giapponese rende la divulgazione di informazioni industriali un atto di tradimento.

I tweet raccontano anche del contesto più ampio di ciò che stava accadendo mentre l'Asia si preparava a scendere in guerra:

8 maggio 1936: un discorso al Parlamento giapponese che denuncia il ruolo dell'Esercito nella politica viene accolto da applausi fragorosi.

6 aprile 1936: il Ministro della Guerra giapponese ordina all'Esercito di rimanere fuori dalla politica.

10 marzo 1936: il nuovo Ministro giapponese della Guerra Terauchi Hisaichi dichiara che l'Esercito non sta tentando di instaurare un regime Fascista.

Alcune grandi scoperte documentano il colonialismo giapponese che esisteva nel nordest asiatico già da prima dell'inizio ufficiale delle ostilità, nel 1941.

21 aprile 1936: il Giappone pianifica una ferrovia dalla città portuale coreana di Fusan a Seoul, citando motivi economici e strategici.

Questo account Twitter presenta delle prospettive molto interessanti sul Giappone e sull'Asia di 80 anni fa:

3 aprile 1936: la Società delle Nazioni dichiara il Giappone il massimo esportatore mondiale di droghe pericolose, seguito dalla Germania.

5 maggio 1936: il Giappone e i territori sotto il suo controllo superano il resto del mondo nel consumo di droghe pro capite, come mostrano i dati della Società delle Nazioni.

Un'altra caratteristica relativamente deprimente, sebbene affascinante, dell'account è la dimostrazione che il mondo non sia stato preso completamente alla sprovvista dallo scoppio della guerra:

18 aprile 1936: “Il Giappone deve combattere la Gran Bretagna”, del Tenente Comandante Ishimaru Tota, è pubblicato in lingua inglese.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.