chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

La donna più ricca dell'Africa licenziata dalla società petrolifera dell'Angola: è la fine dei Dos Santos?

Isabel dos Santos, figlia dell'ex presidente angolano José Eduardo dos Santos. Foto: Youtube, Góis Souza.

Da quando è stato eletto nell’agosto [pt, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] 2017, il Presidente angolano João Lourenço ha intrapreso una serie di iniziative che hanno sorpreso la nazione. Oltre ad aver sostituito i vertici dell'intelligence militare, ha anche revocato l'incarico di Presidente del consiglio [di amministrazione] della società petrolifera nazionale Sonangol a Isabel dos Santos, figlia dell'ex presidente José Eduardo dos Santos.

Nel dicembre 2016, Lourenço è diventato il leader di MPLA – il partito al potere in Angola – sostituendo José Eduardo dos Santos ed è stato eletto Presidente del paese dopo aver ottenuto la maggioranza nelle elezioni di agosto.

José Eduardo [it] è stato al potere per oltre 35 anni. Il suo governo è stato segnato da violazioni dei diritti umani, limitazioni alla libertà di espressione e frequenti persecuzioni di giornalisti e voci critiche. Sebbene non sia più Presidente, José Eduardo continua a essere il leader dell'MPLA. Dopo le ultime elezioni, è entrato a far parte del Consiglio della Repubblica, un organo consultivo i cui membri godono di immunità legale, inducendo molti a pensare che continui comunque a governare dietro le scene.

Queste speculazioni sono state tuttavia fugate dalla recente decisione di Lourenço, che sembra stia tentando di consolidare il suo controllo sul partito.

Al posto di Isabel dos Santos è stato nominato Carlos Saturnino, che presiedeva il consiglio [di amministrazione] di Sonangol prima che venisse licenziato e sostituito da Isabel dos Santos nel giugno 2016 su ordine di suo padre. Oltre a Isabel dos Santos, Lourenço ha licenziato tutto il team, compreso il comitato esecutivo.

È la fine di un'era?

Nel 2013, secondo la classifica Forbes [en] Isabel dos Santos era una delle donne più ricche dell'Africa, con un patrimonio personale che si aggirava intorno a 4,5 miliardi di dollari. Attualmente, è uno degli azionisti di maggioranza di Unitel, il principale operatore di telefonia mobile del Paese, e della rete televisiva locale Zap. Ha inoltre partecipazioni in NOS, un gigante delle telecomunicazioni portoghese, e investimenti in varie banche internazionali.

In Angola, molti si stanno chiedendo cosa significhi il licenziamento di Isabel dos Santos. Rafael Marques, un giornalista locale e attivista molto stimato, ritiene che senza Sonangol la sua carriera professionale finita:

A Isabel dos Santos, agora sem a Sonangol, está acabada, porque todos os portugueses que a apoiavam e que faziam as suas relações públicas, e inclusivamente a imprensa, surgiam em função do poder que ela derivava do seu pai. Sem isto a Isabel não vai conseguir manter os seus negócios, porque são negócios que foram sempre mamar do Estado e que não obedecem a critérios de boa gestão. São negócios que se tornaram sorvedores dos fundos públicos em Angola.

Senza Sonangol, Isabel dos Santos è finita perché tutti i portoghesi che la sostenevano e gestivano le sue relazioni pubbliche, comprese quelle con la stampa, erano in qualche modo dipendenti dal potere del padre. Senza questo potere, Isabel non sarà in grado di portare avanti le sue attività, perché le sue aziende sono sempre state sostenute economicamente dallo stato e non sono mai state conformi agli standard di una buona governance. Sono aziende che dipendono fortemente dai fondi pubblici dell'Angola.

Viana TV ha chiesto al proprio pubblico di esprimere la propria opinione. Cristina Correia ritiene onestamente che sia un giorno storico:

Mais uma data inesquecível para os Angolanos, 11 de Novembro dia da independência, 15/de Novembro adeus a família Dos Santos. Ficará na História.

Un altro giorno indimenticabile per gli angolani. L'11 novembre è il Giorno dell'Indipendenza, il 15 novembre diventerà il giorno dell'addio ai Dos Santos. Rimarrà nella storia.

Per Leonel Mateus, si tratta semplicemente di una persecuzione politica:

Só isso não basta, estas exonerações até parece perseguição as pessoas. Se estão a ser exoneradas por algum acto ilícito também devem responder julgamento.

Questo episodio da solo non è sufficiente. Con questi licenziamenti sembra che si voglia perseguire i singoli. Se hanno commesso azioni illegali, è bene che ne rispondano in tribunale.

Molti pensano che non ci sarà un reale cambiamento se non si identificano chiaramente le responsabilità delle persone coinvolte:

Isso não muda em nada a minha vida e nem mudou em nada as condições do país…Esse Jlo (João Lourenço) só está preocupado em exonerar e responsabilizar que é bom nada…tudo treta.

Questo evento non cambia niente nella mia vita né la situazione del Paese… L'unica preoccupazione di questo Jlo (João Lourenço) sembra essere quella di licenziare e incolpare gli altri e non va bene … È tutto un inganno.

Pedro Emanuel Ferreira ha preso le distanze dall'euforia per il licenziamento di Isabel dos Santos, affermando che ci sono motivi per cui vale la pena di essere orgogliosi della figlia dell'ex presidente:

Falaram tanto, porque fez bem de sair a Isabel, agora vão ler o trabalho que ela fez durante o pouco tempo como PCA da SONANGOL.
Angolano às vezes ri, festeja, atira pedra, sem saber realmente o que está a passar lá dentro.

Para mim, o que me importa não é se a Isabel e filha do Ex-presidente se está a trabalhar deixa trabalhar, quantos entraram e desfalcar, que ninguém abriu a boca, por ela ser quem é Uma Exoneração parece um festival da paz todo mundo ri.
Então ela por si própria mostrou trabalho, através dos números.

Si parla troppo e si esulta del licenziamento di Isabel. Si accorgeranno dopo di tutto il lavoro che ha svolto nel breve periodo in cui è stata Presidente del consiglio di amministrazione di SONANGOL. Qualche volta, gli angolani esultano, festeggiano e lanciano pietre senza realmente sapere cosa sta accadendo.

Per quel che mi riguarda, non mi interessa se Isabel, la figlia dell'ex Presidente, stia lavorando. Lasciatela lavorare. Sono in molti quelli che ci hanno guadagnato e si sono appropriati indebitamente di denaro. Nessuno però ha aperto bocca perché sono quello che sono. Questo licenziamento sembra una celebrazione di pace….tutti che ridono.
Isabel però ha lavorato davvero. Questo è quello che ci dicono i conti.

La curiosa decisione di Isabel dos Santos di lanciare un nuovo marchio di birra in Angola, a qualche giorno dal suo licenziamento, ha indotto molti a pensare che stesse cercando di minimizzare il fatto. Questo il commento di Yuri Aiss:

Um dos métodos mais rápido para destruir a sociedade Angolana, ela até já conhece o ponto fraco dos Angolanos

Uno dei modi più rapidi di distruggere la società angolana, di cui conosce bene i punti deboli.

I partiti all’opposizione hanno accolto con favore la notizia del suo licenziamento, che ritengono sia stata una buona decisione:

A UNITA, maior partido da oposição, considera a exoneração de Isabel dos Santos do cargo de presidente do Conselho de Administração da Sonangol “normal” e a CASA-CE, a segunda mais importante força política da oposição no Parlamento, aponta a decisão do Presidente da República como “bem-vinda”.

UNITA, il maggiore partito all'opposizione, considera “normale” la revoca dell'incarico di Presidente del consiglio di amministrazione di Sonangol a Isabel dos Santos, mentre CASA-CE, il secondo partito all'opposizione più rappresentativo si è limitato a dichiarare che la decisione del Presidente della repubblica è bene accetta.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.