chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Giappone: un turbine di domande sulla risposta del governo alle recenti e letali piogge senza precedenti

Kurashiki Okayama flooding NHK

Inondazioni a Kurashiki, Okayama, nel Giappone occidentale. Fermo immagine da NHK World-Japan.

Almeno 178 persone sono morte [jp, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] e oltre 60 sono scomparse dopo che gran parte del Giappone occidentale è stato colpito da piogge torrenziali, le più abbondanti mai registrate nella storia del paese.

Le inondazioni hanno colpito gran parte dell’ Honshu occidentale, in particolare le prefetture confinanti di Okayama e Hiroshima. Mentre le autorità locali lottano per salvare i residenti bloccati dall'acqua e ripristinare i servizi di base come le forniture idriche comunali, i giapponesi stanno chiedendo sempre più risposte sul motivo di un bilancio delle vittime così alto e sul perché il governo centrale abbia apparentemente reagito così lentamente al disastro.

Precipitazioni da record stavano già cadendo da giorni come parte dell'annuale stagione delle piogge giapponese [en], quando un fronte di maltempo ancora più intenso ha spinto l'autorità meteorologica nazionale a prevedere che ci sarebbero state inondazioni diffuse giovedì 5 luglio, specialmente nel Giappone occidentale.

La sera di giovedì era stato riferito che alcune regioni avevano già ricevuto più di 400 mm di pioggia nelle 72 ore precedenti, ovvero il doppio delle precipitazioni annuali. Ma ulteriore maltempo era in arrivo.

July 5 rainfall western Japan

5 luglio, precipitazioni del Giappone occidentale. Didascalia: “Precipitazioni per oltre 72 ore… Solo la regione di Tokyo è stata risparmiata dalle piogge disastrose “. Fermo immagine dal canale YouTube ufficiale di ANN.

Durante il fine settimana, le piogge non hanno dato tregua. Per la prima volta nella sua storia [en], l'Agenzia meteorologica giapponese ha diffuso allerta meteo per rischio di disastri e allagamento per otto prefetture (alla fine sarebbero state 11) contemporaneamente.

Kurashiki, una città turistica ben conservata [en] a Okayama, ha ricevuto una delle peggiori alluvioni della zona, con quasi il 30% [en] del comune colpito.

Piogge torrenziali: riprese effettuate alle 8:51 del mattino di sabato 7 luglio nelle vicinanze di Yata, a Makibi, nella città di Kurashiki a Okayama. Le case sono allagate fino ai tetti.

Hiroshima, un'altra prefettura montuosa che confina a ovest con Okayama, è stata in prima pagina a causa delle numerose frane che hanno sepolto vive dozzine di persone [en].

“Perché non le ho detto di scappare via?” chiede il novello sposo, dopo aver perso la moglie nella frana di Hiroshima, tre settimane dopo il matrimonio.

“Non preoccuparti, vai a letto”, ha scritto Koji Tsunomori verso le otto di sera di venerdì alla moglie sposata solo tre settimane prima. Quelle parole sarebbero state il loro addio…

Le piogge hanno interessato quasi tutte le prefetture del Giappone ad ovest del Monte Fuji. Mentre sul lato est della città c'erano timori che una diga potesse venir danneggiata [en], il placido fiume Kamo che attraversa la parte occidentale di Kyoto è diventato un torrente impetuoso che minacciava di inondare il quartiere centrale dello shopping in città.

Il fiume Kamo sta straripando.

A causa delle dimensioni e della portata di piogge, inondazioni e frane, è stato difficile cogliere la vastità dei molteplici disastri che si sono verificati simultaneamente in tutto il Giappone occidentale. Durante il fine settimana, il ricercatore e cartografo Hidenori Watanave [en] ha creato uno strumento interattivo che utilizza Google Earth per identificare le infrastrutture danneggiate nella regione. Watanave ha annunciato che lo strumento sarà presto online e disponibile per l'uso da parte del pubblico.

Come menzionato in un precedente tweet, [le foto delle aree danneggiate] sono mostrate in sovrimpressione su Google Earth.

La rabbia aumenta verso la risposta del governo percepita come negligente

Lunedì 9 luglio, l'Agenzia meteorologica giapponese (JMA) dà un nome ufficiale alla moltitudine di disastri:

Comunicato stampa (9 luglio 2018): La JMA ha ufficialmente nominato il disastro “Piogge torrenziali del luglio 2018″.

Il Primo Ministro Shinzoe Abe e il suo gabinetto hanno iniziato a ricevere critiche per non aver agito in tempo [en].

La copertura dei media ha trattato il diluvio in corso come una grave crisi già dalle prime ore di giovedì 5 luglio. Nel frattempo, quello stesso giovedì, Abe e i membri anziani del Partito Liberal Democratico al governo hanno trascorso una serata di festeggiamenti in un evento privato a Tokyo, brindando ai propri sforzi per assicurare ad Abe un terzo mandato senza precedenti [en] come capo del partito e primo ministro del Giappone.

L'orologio segna oltre le 20.30 di giovedì [5 luglio]. A quest'ora non sarebbe stato chiaro quanta devastazione era a già avvenuta?

Riviste di sinistra come il quotidiano Asahi e il tabloid Nikkan Gendai hanno trascorso diversi giorni attaccando il Primo Ministro:

Dal tabloid Nikkan Gendai:
[Titolo dalla prima immagine] “Mentre la gente veniva inghiottita dall'acqua, cosa stava effettivamente facendo questo governo?”

[Titolo e copia dalla seconda immagine]: “Cosa intendi per ‘le vite della gente vengono prima?'”

“Erano ad un party, pianificando la propria strategia politica o visitando i propri compari, preoccupati di mantenere in vita il proprio regime. Reagire alla crisi delle inondazioni è stato rimandato ad un secondo tempo, intensificando il danno”.

“Il governo non ha fatto nulla fino al 7 luglio” […]

Domande sul perché il numero di vittime e i danni siano stati così gravi

Il Primo Ministro Abe è riuscito a visitare le zone colpite dalle alluvioni mercoledì 11 luglio, quasi una settimana dopo che era divenuto evidente che il Giappone stava vivendo un grave disastro naturale. Oltre a un probabile bilancio delle vittime che supera le 200, 70.000 case nel Giappone occidentale sono state allagate e 2 milioni di persone sono state costrette ad evacuare le proprie abitazioni.

Fango denso, infrastrutture di trasporto danneggiate e il continuo rischio di collasso delle dighe hanno inoltre reso difficile la distribuzione di aiuti agli sfollati, soprattutto acqua potabile [en] e cibo. Una montagna di spazzatura creata dalle case distrutte sta mettendo a dura prova le autorità locali mentre cercano di capire cosa farne.

Sempre più spesso la gente si chiede perché, in un paese abituato a improvvise piogge torrenziali, il bilancio delle vittime sia stato così alto. Nella prefettura di Okayama, che finora ha registrato il maggior numero di morti per gli eventi dell'ultima settimana, si dice che il rischio di alluvioni sia stato conosciuto in anticipo.

Linda Sieg, riportando per l'agenzia di stampa Reuters [en], ha fatto notare questo come una delle ragioni per cui molte persone non sapevano dove andare dopo gli avvisi di evacuazione. Inoltre il Giappone è tradizionalmente preparato per i terremoti piuttosto che per inondazioni su larga scala, e molte case sono costruite in luoghi soggetti a frane a causa della mancanza di terreni disponibili per l'edilizia abitativa.

Alla fine, ha osservato il quotidiano Mainichi [en], il volume di acqua da solo potrebbe aver sopraffatto le attuali difese contro le inondazioni.

Dopo la calamità vengono anche poste domande su come il cambiamento climatico possa aver contribuito al disastro. Si prevede che l'aumento delle temperature superficiali medie della Terra alimenterà un incremento [en] della frequenza e dell'intensità degli eventi meteorologici estremi, come le forti piogge, in particolare nel Giappone occidentale.

Mentre i media [en] nei paesi occidentali e anglofoni hanno ampiamente riportato [en] le forti piogge e le inondazioni come una storia sul Giappone [en], l'agenzia di stampa giapponese Kyodo ha sottolineato che il disastro è stato solo uno dei numerosi eventi meteorologici che si sono verificati nello stesso tempo in tutto il mondo:

世界気象機関(WMO)は10日、7月には日本が豪雨に見舞われた一方、北アフリカや米西海岸で記録的な高温となるなど世界各地で異常気象が観測されていると発表した。

L'Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO), con base a Ginevra, ha annunciato il 10 luglio che, mentre il Giappone ha sperimentato piogge torrenziali a luglio, il Nordafrica e la costa occidentale dell'America del Nord hanno osservato picchi di caldo da record, mentre ogni parte del mondo ha visto modelli climatici insoliti.

Nishinippon Shimbun, un importante quotidiano con sede a Fukuoka che serve il Giappone occidentale, ha anche osservato:

西日本を中心に甚大な被害をもたらした記録的豪雨で、気象庁は過去最多となる11府県に大雨特別警報を出した。「50年に1度」の異常気象を基準に発表される大雨特別警報だが、昨年の九州豪雨に続いて福岡県では2年連続で発表されたことになる。「異常」が「日常」になりつつある中、どうすれば命を守れるのか。

Con piogge torrenziali da record che hanno causato enormi danni al Giappone occidentale, l'Agenzia meteorologica del Giappone ha emesso allerte meteorologiche su 11 prefetture, il maggior numero di avvisi ad essere stati diffusi contemporaneamente.

Mentre [le piogge e le inondazioni] sono state descritte come un avvertimento meteorologico speciale “che si manifesta una volta ogni 50 anni”, dopo le piogge e le inondazioni del 2017 [en], questo è il secondo anno consecutivo in cui questa allerta speciale è stata dichiarata per la Prefettura di Fukuoka.

Mentre il tempo insolito diventa la nuova normalità, come possiamo proteggerci?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.