chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Attivisti taiwanesi e vietnamiti chiedono giustizia per le vittime del disastro dell'ecosistema marino del Vietnam

Un pescatore vietnamita in una coracle da pesca monoposto. Screenshot via Youtube dall'episodio “La moria dei pesci in Vietnam” del programma “La nostra isola” della televisione pubblica taiwanese.

Redatto dal team cinese di Global Voices Lingua 

Nel 2016, i rifiuti tossici dell'acciaieria Formosa di proprietà taiwanese hanno causato un enorme disastro per l'ecosistema marino [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] in Vietnam. Due anni dopo, tra attivisti in prigione e risorse locali distrutte, la battaglia per la giustizia è tutt'altro che finita e ha visto una significativa collaborazione tra taiwanesi e vietnamiti.

L'estensione del danno ambientale resta incerta. Il governo vietnamita non ha rilasciato pubblicamente il proprio rapporto investigativo ufficiale o dei dati ambientali.

Le autorità dichiarano che quasi tutti gli abitanti colpiti sono stati risarciti, tuttavia molti di loro sostengono di non aver ricevuto risarcimenti o di averne ricevuti solo in parte.

I pesci stanno cominciando a tornare, ma i loro numeri sono inferiori rispetto a prima del disatro. I pescatori sono rimasti senza lavoro e la gente si domanda se sia sicuro mangiare il pescato.

I vietnamiti della regione colpita hanno protestato, ma le loro azioni sono state represse dalle autorità. Sulla base dell'indagine portata avanti da attivisti, studiosi e vietnamiti a Taiwan, 17 vietnamiti sono stati arrestati o rischiano l'arresto in varia misura in relazione al disastro di Formosa. Tra loro ci sono:

  1. Nguyen Van Hoa [it], condannato a sette anni di prigione per “propaganda contro lo Stato”, avendo usato un drone flycam per riprendere in diretta una protesta di pescatori intorno all'acciaieria.
  2. Hoang Duc Binh, condannato a quattordici anni di prigione per “abuso di libertà democratiche con violazione degli interessi dello Stato” e “resistenza a pubblici ufficiali nell'esercizio delle loro funzioni” in relazione allo speciale apparso sul suo blog riguardante il disastro.
  3. Nguyen Nam Phong, condannato a due anni per “resistenza a pubblici ufficiali” dopo aver rifiutato di aprire la portiera della macchina che stava guidando, nella quale viaggiavano il difensore dei diritti umani Padre Nguyen Dinh Thuc e Hoang Duc Binh, su ordine di un gruppo di uomini in borghese e polizia in uniforme.
  4. Tran Hoang Phuc, condannato a sei anni per “propaganda contro lo Stato” in relazione al suo lavoro di sostegno alle vittime del disastro.
  5. Bach Hong Quyen, attualmente in latitanza perché accusato di “disordine pubblico” per aver organizzato una manifestazione nel 2017, in occasione del primo anniversario del disastro.
  6. Thai Van Dung, un attivista cattolico coinvolto nelle proteste, ricercato dalla polizia per aver presumibilmente violato la libertà vigilata in merito a una sua precedente condanna nel 2013, relativa ad “attività finalizzate a sovvertire l'amministrazione popolare”.

In aggiunta ai procedimenti giudiziari, preti cattolici e chiese che hanno aiutato le comunità ittiche ad ottenere risarcimenti sono stati minacciati da un gruppo chiamato “Bandiera Rossa”, affiliato al partito comunista. La missione del gruppo, secondo un prete di nome Dang Huu Nam sentito da Radio Free Asia, è quella di “impedire ai cattolici di protestare contro l'acciaieria Formosa e di sbarazzarsi dei ‘nemici cattolici'”.

Le critiche all'acciaieria e alla gestione del disastro da parte del governo, così come la richiesta di monitoraggio dell'inquinamento, sono state percepite come sovversive verso lo Stato monopartitico.

La repressione del dissenso, comunque, non risolve i problemi ambientali del paese.

Dopo che il Vietnam aderì all’ Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) nel 2007, il partito comunista al potere si impegnò a promuovere la crescita economica attraendo investimenti stranieri. Ma il rapido sviluppo ha comportato un costo ambientale.

Nel 2016, in Vietnam si sono registrati 50 scandali gravi legati ai rifiuti tossici. Tra questi scandali lo sversamento illecito di rifiuti tossici nei corsi d'acqua fu un problema particolarmente serio e il 60% di queste violazioni derivava da aziende con partecipazione estera.

Con un litorale che si estende per 3000 chilometri, il Vietnam ospita una delle più grandi industrie di pesce al mondo. Circa il 3% delle esportazioni del paese è pesce e circa il 10% della popolazione totale si stima ricavi la maggior parte del proprio redditto direttamente o indirettamente dalla pesca. Gran parte delle comunità ittiche vive in povertà, la pesca e l'acquacoltura contribuiscono mediamente al 75% del loro reddito familiare. Inoltre metà della dieta proteica vietnamita deriva da questi prodotti acquatici.

L'azienda dietro a uno dei peggiori disastri ambientali che abbia mai colpito il paese, la Formosa Ha Tinh Steel Corporation, è di gran lunga il maggiore investimento estero in Vietnam. Inizialmente, nel 2008, era formato dal Formosa Plastics Group di Taiwan e successivamente, nel 2015, ha attratto ulteriori investimenti dalla China Steel Corporation con sede a Taiwan e dal JFE Steel del Giappone.

Le sue attività sono state sospese dopo lo sversamento, ma a metà del 2017 erano riprese ed è stato pianificato un incremento della propria capacità produttiva per il 2018 con un secondo altoforno.

Nel 2016 la moria di pesci non è stato l'unico problema legato alla sicurezza. A maggio 2017 si è verificato un’ esplosione di polveri durante alcuni test all'impianto, e a dicembre lo stesso ha ricevuto una sanzione di 25.000 dollari per aver sotterrato rifiuti solidi nocivi.

‘Se sperimentiamo questo tipo di sofferenza, non dovremmo perciò infliggerla al Vietnam’

Il disastro ambientale e le sue conseguenze hanno creato una situazione imbarazzante per il governo di Taiwan, dal momento che l'acciaieria è proprietà di un'azienda taiwanese e della New Southbound Policy del governo, che mira a rafforzare la cooperazione con la collega Associazione delle Nazioni del Sudest Asiatico (ASEAN), di cui il Vietnam è un membro.

Taiwan si era offerta di inviare i propri specialisti ambientali in Vietnam dopo il disastro, ma sono stati respinti. Oltre a questo, tuttavia, le autorità taiwanesi non hanno agito più di tanto, perciò i vietnamiti a Taiwan e gli attivisti taiwanesi hanno tentato diversi approcci attraverso le vie a loro disposizione per chiedere giustizia.

Hanno richiesto che il Formosa Plastics Group pubblicasse i propri dati di monitoraggio ambientale e responsabilità sociale, ma finora sono stati ignorati. Hanno interrogato anche l'altro investitore con sede a Taiwan, la China Steel Corporation, ma i rappresentanti hanno affermato di non sapere nulla.

Poiché i tribunali del Vietnam non accettano cause contro la Formosa Ha Tinh Steel Corporation, i vietnamiti speravano che i taiwanesi potessero aiutarli a denunciare l'azienda a Taiwan. Tuttavia ciò non è stato possibile, dal momento che l'acciaieria ha sede in Vietnam.

Padre Peter Nguyen Van Hung, un prete cattolico vietnamita a Taiwan, si è recato in Europa insieme ad altri preti delle regioni colpite in Vietnam e ad un certo numero di rappresentanti di ONG taiwanesi per richiamare l'attenzione internazionale di fronte alle questioni ambientali e di diritti umani scatenate dal Formosa Plastics Group e dal governo vietnamita. Ha incontrato anche organizzazioni negli USA disposte a fornire assistenza legale alle vittime.

Padre Hung sta lavorando anche con vietnamiti, studiosi e ONG a Taiwan, inclusi l'Associazione Giuristi dell'Ambiente (EJA), l'Associazione per i Diritti Umani di Taiwan e il Covenant Watch, per spingere il Formosa Plastics Group e il governo taiwanese ad affrontare il disastro.

A dicembre 2016, le ONG taiwanesi ha richiesto che lo Yuan Legislativo [it] di Taiwan tenesse un'audizione pubblica riguardo all'incidente e hanno chiesto di riesaminare lo Statuto per l'Innovazione Industriale, che è legato alla promozione di investimenti stranieri. Sebbene lo Statuto sia stato comunque rivisto a novembre 2017, nessun articolo di verifica o valutazione è stato aggiunto, ciò significa che il governo taiwanese non può punire un ente per reati ambientali e contro i diritti umani all'estero.

Prima che si venisse a sapere del disastro ambientale, il Formosa Plastics Group aveva ricevuto altri 3,5 miliardi di dollari in prestiti da più di 30 banche taiwanesi ed estere. In seguito, le ONG taiwanesi hanno richiesto a due banche controllate al 100% dal governo taiwanese, cioè la Banca di Taiwan e la Banca Fondiaria di Taiwan, di considerare l'adozione degli Equator Principles – una serie di norme per istituti finanziari che valutano i rischi ambientali e sociali nel finanziamento di progetti – ma queste hanno rifiutato. Per contro, altre due banche commerciali tra le 30, cioè Cathay United Bank e E.SUN Commercial Bank, li hanno sottoscritti.

I taiwanesi non sono estranei ai disastri ambientali. Yuyin Chang dell’ EJA, durante una manifestazione nel 2016, ha parlato del fatto che il passato influenzasse la loro solidarietà [zh]:

美國的RCA公司(民國)59年到80年在台灣設廠,造成台灣的土地、地下水的污染,以及人民許許多多健康的損害,目前都還在台灣訴訟當中,這是台灣人民切身的痛,我們台灣人民曾經有過這種痛,不應該再移植到越南去。

L'azienda americana RCA costruì le sue fabbriche in Taiwan dal 1970 al 1991, e inquinarono notevolmente terreni e falde acquifere del paese facendo ammalare molte persone. Questo è un caso ancora sotto processo. Questo è il dolore dei taiwanesi. Se sperimentiamo questo tipo di sofferenza, non dovremmo perciò infliggerla al Vietnam.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.