chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Repressione digitale a Pechino: “Usare Twitter è più pericoloso di una manifestazione di strada”

Immagine derivata dall'utente di Flickr mkhmarketing CC: AT Attribuzione 2.0 Generica (CC BY 2.0)

Le autorità di Pechino hanno lanciato una repressione a livello nazionale sugli utenti di Twitter della Cina continentale.

La pubblicazione il 5 dicembre scorso di 42 testimonianze raccolte da China Change [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], un sito cinese a difesa dei diritti umani, rivela che centinaia di utenti di Twitter sono stati detenuti e interrogati dagli agenti di sicurezza nazionale dal settembre 2018. Nella maggior parte dei casi, la polizia ha chiesto – se non forzato – questi utenti ad eliminare i loro post o account.

Sebbene Twitter sia bloccato nella Cina continentale, molti utenti della rete utilizzano strumenti di elusione, come le VPN (reti private virtuali) per visitare la piattaforma di social media, entrare in contatto con gli amici o accedere a notizie e informazioni non censurate.

Nel 2016, c'erano circa 10 milioni di utenti di Twitter nella Cina continentale. La maggior parte degli utenti utilizzava il sito come strumento di raccolta di notizie e si asteneva dal fare commenti, ma alcuni non avevano peli sulla lingua e facevano commenti critici quando ricondividevano le notizie con i loro amici.

Le autorità della Cina continentale hanno arrestato degli utenti di Twitter in passato, ma non vi era alcuno schema chiaro o la prova di una repressione strategica. Gli incidenti sono stati sporadici e casuali, come l'arresto nel 2012 di un utente che aveva fatto una battuta sul crollo della Sala dell'Assemblea Popolo.

L'attuale repressione è uno sviluppo nuovo e più preoccupante. Sta accadendo a livello nazionale e non è limitato a uno specifico incidente o atto online. Il numero di utenti di Twitter che sono stati minacciati direttamente è stimato in centinaia o anche di più.

Secondo un rapporto di Radio Free Asia, le autorità di sicurezza informatica hanno arrestato e interrogato utenti di Twitter dissidenti in tutta la Cina, tra cui Pechino, Chongqing, Guangdong, Shandong, Fujiang, Hubei e altre province. Alcuni sono stati posti in detenzione amministrativa per 10 giorni. Un utente che si è rifiutato di cooperare con i funzionari di sicurezza informatica è stato arrestato e potrebbe presto essere giudicato.

Non ci sono informazioni ufficiali sulla repressione di Twitter. Ma gli sforzi per documentarla da parte di China Change ci hanno permesso di leggere le testimonianze degli utenti Twitter arrestati e dei loro amici, fornendo una panoramica della più recente repressione dei social media nel paese.

Repressione dei “pettegolezzi politici”

L'utente di Twitter @Xybaiyun2018 è stato arrestato da circa 30 agenti di sicurezza interna il 31 ottobre scorso. È stato poi picchiato e detenuto per 10 giorni. La polizia ha trovato la sua password di Twitter e ha cancellato tutti i suoi contenuti. Durante l'interrogatorio, gli agenti di polizia hanno detto che l'aver ripubblicato dei “pettegolezzi politici” era una azione illegale. Hanno enfatizzato la ricondivisione fatta da @Xybaiyun2018 di un post di Guo Wengui, un miliardario cinese in esilio accusato di corruzione, che è fuggito negli Stati Uniti nel 2014 ed è noto per aver scritto su Twitter delle accuse di corruzione all'interno del Partito Comunista Cinese.

@Xybaiyun2018 ha affermato che i suoi tweet non avevano violato la legge cinese sulle voci online, che stabilisce che qualsiasi messaggio contenente un “pettegolezzo” e condiviso più di 500 volte può essere oggetto di procedimento giudiziario. La legge dice che qualsiasi informazione che non provenga da canali ufficiali del governo può essere considerata una voce.

Il blogger ha condiviso contenuti su Twitter a lungo in modo anonimo, usando il suo telefono cellulare. Egli crede che la polizia lo abbia identificato tramite la tecnologia di sorveglianza mobile.

“Usare Twitter è più pericoloso di una manifestazione di strada”

La repressione di Twitter riguarda solo i post e gli eventi recenti degli utenti. Secondo @asn_213, la polizia è stata in grado di rintracciare le attività online degli utenti di Twitter che dissentivano durante gli ultimi cinque anni:

They printed all the stuff from 5-6 years ago regarding the same-city meal gatherings [part of the New Citizens Movement], and they also printed all of my tweets and retweets. They said these were evidence of my criminal activities. At 10 pm, their political officer interrogated me again, giving me a notice for 15-day administrative detention. It describes me as defaming the national leaders and attacking the current political system on Twitter.

Hanno stampato tutta la roba di 5-6 anni fa riguardo agli incontri organizzati per i pasti nella stessa città [parte del New Citizens Movement], e hanno anche stampato tutti i miei tweet e retweet. Hanno detto che queste erano prove delle mie attività criminali. Alle 10 di sera il loro ufficiale politico mi ha interrogato di nuovo dandomi un avviso per la detenzione amministrativa di 15 giorni. Mi si descrive come diffamatore dei leader nazionali e critico dell'attuale politica su Twitter.

Un altro utente di Twitter, @419041838, ha rivelato al suo amico che è stato arrestato, interrogato e minacciato. Inoltre diverse migliaia dei suoi tweet sono stati cancellati. L'intero processo è stato videoregistrato. Ha detto in una chatroom:

You guys still don’t get it: using Twitter is very dangerous, more dangerous than street demonstrations.

Voi ragazzi non capite ancora: usare Twitter è molto pericoloso, più pericoloso delle manifestazioni di strada.

Poiché Twitter non è accessibile in Cina, non ha molta capacità di influenzare la politica interna. Ciò rende difficile capire il perché le autorità stiano perseguendo una tale repressione. Fonti del sito web cinese sui diritti umani Weiquan Wang [zh] dicono che la repressione potrebbe essere stata accelerata dalla quarta sessione plenaria del XIX Comitato Centrale del PCC [zh] alla fine di novembre 2018. Forse le autorità per la sicurezza informatica volevano assicurarsi che nessuna voce dissenziente danneggi l'imMagine pubblica di Xi Jinping dentro o fuori dalla Cina.

Sebbene l'obiettivo della repressione resta da capire, le autorità cinesi dimostrano di poter identificare e localizzare gli utenti di Twitter all'interno della Cina. Ciò indica che le capacità delle agenzie cinesi per la sicurezza informatica ora consentono loro di estendere il proprio potere di sorveglianza e minacciano gli utenti di piattaforme di social media come Twitter, ma anche altri importanti attori come Facebook, Instagram o strumenti di messaggistica mobile come LINE e WhatsApp.

Diverse app made in China come WeChat, Weibo e Alipay, che hanno tutte la reputazione di non rispettare la privacy dei loro utenti, ora hanno una presenza crescente al di fuori della Cina. Alcuni esperti sono preoccupati che ciò potrebbe consentire alle autorità cinesi per la sicurezza informatica di estendere la loro portata e di minacciare le comunità cinesi all'estero. La recente cancellazione di una mostra d'arte del fumettista politico australiano Badiucao a Hong Kong il mese scorso e la sospensione delle sue attività su Twitter hanno dimostrato che tali sviluppi possano far presagire atti di repressione più inquietanti.

Nota dell'Editor: La versione originale di questa storia cita erroneamente che Weiquan Wang ha detto che la repressione potrebbe essere stata precipitata dalla seconda sessione plenaria del Comitato Centrale del PCC. Weiquan Wang ha suggerito che la prossima quarta sessione plenaria potrebbe essere la causa, non la seconda.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.