chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

In Nigeria, gli attivisti per i diritti dei disabili affermano che lo stigma sociale è il maggiore ostacolo ai diritti umani

Nell'aprile 2014, la dottoressa nigeriana Mariam Florence Ogo ha visitato un bambino di 12 anni affetto da poliomielite durante un controllo presso un insediamento sprovvisto di copertura mobile a Manjekin, nello stato di Adamawa, in Nigeria. Trasmissione del programma poliomelite. Foto di Mariam Florence Ogo. Utilizzata con autorizzazione tramite Flickr: Creative Commons versione 2.0.

Irene Patrick-Ogbogu, 43 anni, ha iniziato a usare una sedia a rotelle sette anni fa, ed è proprio in quell'istante che si è resa conto di esercitare meno il suo libero arbitrio.

“Non posso più uscire come una volta, non posso fare la maggior parte delle cose negli spazi pubblici e le persone ti guardano con compassione”, mi ha detto Patrick-Ogbogu durante un'intervista telefonica il 10 agosto.

Oggi, in Nigeria, le persone con qualsiasi forma di disabilità sono spesso trattate con disprezzo. Mentre una nuova legge approvata nel 2018 offre nuove speranze per l'inclusione dei disabili, i nigeriani con disabilità continuano ad affrontare una serie di ostacoli e maltrattamenti, tra cui abusi verbali e sessuali, discriminazione sul lavoro e accesso limitato agli spazi e ai trasporti pubblici.

Patrick-Ogbogu è la fondatrice e direttrice del Disability Rights Advocacy Centre (DRAC) [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], un'organizzazione che lavora per cambiare il modo in cui la disabilità viene vista e affrontata in Nigeria; ma è anche una dei circa 27 milioni di nigeriani con disabilità fisica. L'esperienza diretta della discriminazione nei confronti delle persone con disabilità ha suscitato il suo desiderio di cambiamento.

Secondo l'attivista per i diritti umani Ekaete Umoh, lo stigma sociale è la più brutta gatta da pelare, poiché la percezione impone l'azione.

La discriminazione minaccia anche i diritti di una persona con disabilità, incidendo sull'accesso all'assistenza sanitaria, sull'inclusione finanziaria e sull'istruzione. Sta affrontando il problema #RampUpNigeria, una campagna sui social media avviata dall'attivista per i diritti dei disabili Blessing Ocheido per evidenziare l'accessibilità quasi inesistente alle sedie a rotelle in Nigeria.

Ciao @gtbank @gtbank_help, sono stato stamattina presso la tua filiale di Kuto ad Abeokuta, nello stato di Ogun, e sono stato condotto fuori dalla sala delle banche perché l'edificio non ha una rampa e nemmeno la porta di sicurezza risulta accessibile. È davvero un peccato.

In altri paesi, gli sportelli bancomat sono dotati di ricevitori e di una tastiera braille, di modo che le persone con problemi di vista possano accedere tranquillamente al proprio denaro senza alcun tipo di assistenza. In Nigeria, tuttavia, pochi sportelli bancomat hanno queste caratteristiche e la loro altezza li rende inaccessibili agli utenti su sedia a rotelle. Ristoranti, ospedali e altri luoghi pubblici sono quasi interamente inaccessibili a una persona con bisogni alternativi, anche se a volte capita di trovare la chiesa con addirittura un interprete della lingua dei segni.

Questi spazi, tanto necessari ma allo stesso tempo di difficile accesso, impediscono l'indipendenza. E, come osserva Umoh, è proprio a causa di questi ostacoli strutturali e non della menomazione che la disabilità diventa una responsabilità e lo stigma viene ulteriormente enfatizzato.

“Molte persone vedono la disabilità come una questione di beneficenza piuttosto che una questione di diritti umani.” — Ekaete Umoh

Like Patrick-Ogbogu, Umoh ha contratto la poliomielite negli anni '80, quando il virus colpì centinaia di bambini in tutto il mondo. Sebbene Umoh non utilizzi una sedia a rotelle, la malattia ha colpito i muscoli di una delle sue gambe, lasciandone una visibilmente più piccola dell'altra.

Discriminazione della disabilità all'interno delle famiglie  

Umoh afferma che la sua difesa per i diritti della disabilità è iniziata con interventi a livello familiare. “Vorrei visitare le case delle famiglie e dire loro: ‘Guardatemi! C'è qualcosa che non va in me?’ Per aiutarli a capire cos'è la disabilità.” L'attenzione sulle famiglie è stata alimentata dalle sue esperienze all'università dove, relegati in un edificio riservato agli studenti con disabilità, fisiche o meno, ha scoperto che proprio le famiglie sono parte del problema.

“Vivendo in questa società, le famiglie hanno aggiunto allo sviluppo [dei loro figli] una bassa autostima. Si sente di famiglie che nascondono persone [disabili], [alcuni] abusando dei loro figli ”. – Ekaete Umoh

Un educatore per bambini sordi a Lagos che ha chiesto di non essere identificato proprio per la natura delicata del lavoro con le famiglie, mi ha detto che quando i bambini sordi nascono in una famiglia nigeriana media, i fortunati finiscono sotto la cura delle istituzioni, perché i genitori non sanno come prendersi cura di loro, altri finiscono addirittura per essere adottati dagli insegnanti. Coloro che invece vivono con le loro famiglie sono messi da parte e non imparano mai a comunicare correttamente, il che influenza lo sviluppo e limita ulteriormente le loro scelte di vita.

I pregiudizi familiari e sociali riguardano le persone con ogni categoria di disabilità, ma il genere risulta essere un ulteriore fattore. La ricerca suggerisce che le donne con disabilità hanno una probabilità sono 10 volte maggiore di subire violenze domestiche, abusi e aggressioni sessuali. Le donne con disabilità sono anche trascurate dagli attivisti per i diritti delle donne, afferma Umoh. È per questo motivo che sia Umoh che Patrick-Ogbogu sono particolarmente preoccupate per i diritti delle donne disabili.

Di tutti gli stigma, le credenze religiose e culturali potrebbero essere le più stridenti. Secondo quanto riferisce la CNN, in Nigeria la disabilità è spesso considerata una conseguenza soprannaturale del male o della stregoneria e, in virtù di ciò, le persone disabili vengono spesso emarginate o addirittura esiliate.

Il primo passo verso l'accesso ai diritti umani e legali

Gli attivisti per i diritti dei disabili concordano tutti sul fatto che i loro sforzi sarebbero più fruttuosi con la legge dalla loro parte.

Il 23 gennaio 2019, quasi 20 anni dopo la sua prima proposta, il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha firmato in legge sulla discriminazione delle persone con disabilità del 2018. 

La legge attribuisce alla Commissione la responsabilità di “istruzione, assistenza sanitaria, diritti sociali, economici e civili” per le persone disabili. Conformemente alle nuove leggi, chiunque venisse colto in atto di discriminazione nei confronti di persone con disabilità in Nigeria rischierebbe una multa di “100.000 naire nigeriane (equivalenti a 276 dollari) o sei mesi di reclusione o entrambi”.

Umoh ha spiegato che si tratta di una vera e propria vittoria non solo per le persone con disabilità, ma per l'intero paese, perché creerà sicuramente posti di lavoro e opportunità commerciali. La produzione di arti protesici per aiutare gli amputati a vivere tranquillamente nella società ne è un chiaro esempio.

Umoh gestisce l'Iniziativa centrata sulla famiglia per persone disabili (FACICP), un'associazione no profit che da 19 anni si impegna nell'educazione delle famiglie sulla questione della disabilità e sulla promozione di cambiamenti politici e dei diritti delle ragazze con disabilità. Lei ipotizza che il disegno di legge sulla disabilità sia stato trascurato per così tanti anni a causa di uno sfortunato mix di un sistema giudiziario disfunzionale e lo stigma sociale. Ogbodo-Patrick si trova d'accordo: “Una volta, [il disegno di legge] è giunto all'ufficio del presidente, e la sua scusa è stata che non c'era budget sufficiente per le richieste del disegno di legge”.

Human Rights Watch (HRW) ha sottolineato che finora, senza leggi contro la discriminazione, le persone con disabilità sono state a lungo trascurate dai datori di lavoro. Qualora dovessero farlo ora, per i datori di lavoro è prevista una multa di 250.000 naire nigeriane (equivalente a 690 dollari).

Patrick-Ogbogu è fiduciosa che le nuove leggi miglioreranno la situazione dei disabili. Collabora con il governo per creare opportunità per le persone con disabilità da quando il DRAC è stato istituito nel 2011 e in quel periodo ha assistito a cambiamenti nella percezione della questione. Idris Agboluaje, membro del DRAC, afferma che anche lui ha assistito a cambiamenti negli atteggiamenti degli educatori e dei funzionari di polizia nei confronti dei disabili, rendendo più facile a questi ultimi l'esercizio dei loro diritti.

Nuove speranze per l'inclusione della disabilità

L'obiettivo, afferma Umoh, è di normalizzare la disabilità, che sfiderà l'isolamento e la segregazione dei disabili. “Come faranno i bambini a capire i loro coetanei se non possono interagire [con loro]?”: lei chiede.

Umoh ritiene che il Ministero della Pubblica Istruzione debba essere coinvolto: “I diritti [democratici] per i disabili dovrebbero essere inclusi nel programma degli studi sociali”. L'educatore per bambini sordi è d'accordo, suggerendo che la lingua dei segni dovrebbe essere un'opzione linguistica nelle scuole nigeriane accanto a lingue straniere come il francese.

Patrick-Ogbogu parla in particolare della necessità di rappresentanza pubblica come il Senato, mentre Umoh è appassionata dall'idea di una collaborazione tra i disabili e i loro alleati. Ritiene che le barriere (interne ed esterne), che bloccano le opportunità e creano limiti, possono essere facilmente eliminate con un numero maggiore di organizzazioni pubbliche e private che invocano i diritti della disabilità.

Patrick-Ogbogu sottolinea che più di ogni altra cosa, la legge sulla disabilità riguarda la visibilità. “Questa è un'opportunità per i disabili di essere visti così per come sono: persone con il diritto e la capacità di esercitare i propri diritti umani”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.