chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

La startup tech della Tanzania che combatte i farmaci falsi attraverso una nuova piattaforma online

Frank Arabi (a sinistra) spiega passo dopo passo come procurare prodotti farmaceutici su PharmLinks. Foto di: Goodhope Amani, utilizzata con permesso.

Il problema dei farmaci falsi è un incubo che colpisce tutti nel mondo, compresa la Tanzania.Mentre il governo ha introdotto regolamenti [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] sulle aziende mediche, ci sono ancora scappatoie che consentono alle persone di vendere medicine false sia online che nei punti vendita a causa della mancanza di verifica prima che i medicinali entrino nel mercato..

Ora, una piattaforma online chiamata PharmLinks, fondata in Tanzania, vuole fermare la crisi delle medicine false. La piattaforma collega fornitori e grossisti farmaceutici con rivenditori in Tanzania, per acquistare prodotti di qualità da farmacie registrate e anche per monitorare il mercato.

Frank Arabi, uno studente di medicina presso la Muhimbili University of Health and Allied Sciences, ha co-fondato PharmLinks dopo aver osservato una serie di sfide affrontate dall'industria farmaceutica in Tanzania, incluso il problema degli appalti, che crea le condizioni perfette per il business dei medicinali falsi.

Frank Arabi,studente di medicina e co-fondatore di Pharmalinks. Foto di: Goodhope Amani, utilizzata con permesso.

Arabi e il suo team hanno progettato un sistema online per semplificare l'approvvigionamento farmaceutico e combattere i farmaci contraffatti, monitorando attentamente le aziende lungo la catena di approvvigionamento.

“Il sito web fornisce un elenco di varie farmacie, prodotti e prezzi. Fornisce analisi aziendali e gestione dell'inventario, offre inoltre agli utenti finali la possibilità di verificare i farmaci. Quindi è un sistema complesso con una gamma di soluzioni “, ha dichiarato Arabi in un'intervista a Global Voices.

Lanciato nel 2018 e ancora in fase sperimentale, 35 farmacisti possono ora accedere liberamente al sito web e cercare i prodotti medici che desiderano nei loro negozi.Il sistema li indirizza ai venditori all'ingrosso e ai negozi controllati per la sicurezza ed elenca i loro prezzi per ciascun prodotto. L'acquirente può quindi scegliere i prodotti e pagarli online e subito dopo i prodotti vengono consegnati.

Incontrare farmaci falsi

Venance Majula, abitante di Dar, ricorda il giorno in cui sua sorella aveva quasi usato la medicina falsa dopo averla acquistata in una farmacia a Dar es Salaam, in Tanzania. Fortunatamente, un membro della famiglia che aveva precedenti conoscenze di medicina ha capito che il farmaco era falso quando ha controllato i numeri di serie e gli ingredienti.

“La maggior parte di noi, non sanno cosa sia veramente originale e cosa non lo sia, penso che coloro che sono responsabili, forse i farmacisti, dovrebbero fornire istruzione su cosa considerare quando si acquista o si utilizza un particolare medicinale”, ha detto Majula.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che circa 100.000 morti in Africa ogni anno sono collegati a farmaci falsi e scadenti, e il numero è in aumento.

 Arabi ritiene che il problema delle droghe false sia una grande impresa e necessita di vari approcci per combatterlo.”Il mercato globale della droga contraffatta vale circa 200 miliardi di dollari all'anno”, secondo l'OMS, come riferito da Reuters. 

“Penso che questo problema dei medicinali contraffatti sia molto complesso e ampio e richieda un approccio multidimensionale e affrontare da ogni angolazione la catena di approvvigionamento è solo uno di questi… crediamo nel potere della salute digitale per un miglioramento della salute della nostra gente”, ha detto Arabi.

Nel giugno del 2019, il governo attraverso l'Autorità per i medicinali e i dispositivi medici della Tanzania (TMDA) ha emesso un avvertimento sulla presenza di medicinali falsi in Tanzania che assomigliavano al Gentrisone, una crema medicinale utilizzata per le infezioni batteriche. I media locali del Daily News hanno rivelato che sono stati trovati 4118 tubetti in sei diverse regioni della Tanzania.

Finora, Pharmlink ha collegato decine di farmacie a Dar es Salaam, il centro finanziario della Tanzania, e spera di collegarsi a centinaia di altre nel prossimo anno.

Il mercato farmaceutico della Tanzania deve affrontare diverse sfide, tra cui un mercato nero che consente alle persone di acquistare medicinali per strada senza una prescrizione richiesta dal medico

In Tandale Street, a 3 chilometri dal centro di Dar, Hawa Alex Dagaa, che possiede una farmacia, ammette che alcune persone acquistano prodotti farmaceutici da persone che non hanno la licenza per vendere medicinali, solo perché vendono i prodotti a un prezzo inferiore.

“Alcune persone acquistano prodotti farmaceutici da persone che li commerciano perché è economico, ma a volte è difficile garantirne l'autenticità”.

Hawa Alex Dagaa nella sua farmacia in Tandale, Dar es salaam, felice dopo aver conosciuto un sistema online che aiuta a procurarsi farmaci di qualità. Foto di Goodhope Amani, usata con permesso.

Dagaa ritiene che il nuovo sistema online non solo farà risparmiare tempo altrimenti utilizzato per trovare negozi che vendono medicinali a prezzi convenienti, ma aiuterà anche a rintracciare i prodotti farmaceutici distribuiti sul mercato, riducendo le possibilità di acquistare farmaci falsi.

“A causa degli ingorghi, ci vuole molto tempo per trovare… prodotti medici per la mia farmacia in città, ma con questo sistema è possibile accedere, effettuare l'ordine, pagare e farseli consegnare”, ha aggiunto.

Nel 2018 è stata lanciata una piattaforma con base in Nigeria, Medsaf, per impedire la circolazione di medicine contraffatte nella zona dell'Africa occidentale, mentre in Ghana è stata introdotta anche FarmaTrus.

Pharmlink lavora a stretto contatto con il Concilio farmaceutico della Tanzania, che è responsabile della registrazione di farmacie e farmacisti, insieme al TMDA, per garantire che questo sistema sia attuabile.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.