chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'amato teatro di Tashkent in Uzbekistan resisterà alla demolizione?

“Ilkhom Quarter” indica questo cartello scritto in uzbeco nel terreno del teatro Ilkhom nel cuore di Tashkent. Foto di Filip Noubel, riprodotta con il consenso.

Un emblematico teatro indipendente nella capitale uzbeka è minacciato di sfratto, rivelando le tensioni tra le élite politiche ed economiche, man mano che il paese più popoloso dell'Asia centrale intraprende riforme turbolente. Mentre Tashkent sta subendo un rapido cambiamento, viene lanciata una campagna pubblica per salvare una delle più popolari sedi culturali indipendenti del Paese.

portrait de Mark Weil, fondateur du théâtre Ilkhom

Ritratto in onore di Mark Weil, fondatore del teatro Ilkhom. Foto di Filip Noubel, riprodotta con il consenso.

Fin dall'inizio, il teatro Ilkhom [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] di Tashkent si è distinto come luogo atipico. Il teatro, il cui nome significa “ispirazione” in lingua uzbeca, fu fondato nel 1976 da Mark Weil, un direttore artistico che realizzò un'impresa piuttosto sorprendente: riuscì ad evitare in una certa misura l'onnipresente censura dell'epoca. Sotto il regime sovietico, la cultura era vista come un'estensione dell'ideologia comunista, e la sua ragion d'essere era quella di sostenere la linea politica del potere dominante. In un sistema che rifiutava l'economia di mercato, lavorare senza sussidi statali era quasi impossibile, ma Weil ha trovato il modo di farlo, pur mantenendo un grado di indipendenza abbastanza notevole nella sua veste di direttore artistico d'avanguardia.

La situazione è cambiata notevolmente quando l'Uzbekistan ha dichiarato l'indipendenza [it] nel 1991: un'ondata di capitalismo sfrenato accompagnato da una libertà di espressione senza precedenti ha travolto il Paese. Molte istituzioni culturali statali si sono trovate fuori dal quadro. Ancora una volta, Weil fa la sua magia e riesce a dare maggiore visibilità al Teatro Ilkhom come luogo di riferimento per il teatro sperimentale. Il Teatro vince premi internazionali e riesce a sopravvivere economicamente grazie a varie fonti di donazioni, spettatori fedeli, il suo caffè e la scuola di recitazione, oltre al sostegno dall'estero.

Quando l'Uzbekistan ha cambiato la sua politica linguistica promuovendo l'uso dell'uzbeko in contrapposizione al russo, fino ad allora privilegiato, il teatro Ilkhom è diventato anche un punto di ritrovo per gli intellettuali di lingua russa, indipendentemente dalla loro etnia.

La relativa libertà di espressione vissuta dalla maggior parte degli ex Stati sovietici negli anni Novanta è stata interrotta in Uzbekistan dopo una serie di bombardamenti nel 1999, e poi ulteriormente limitata dopo il massacro di Andijan [fr] nel 2005. Sebbene il Teatro Ilkhom sia riuscito a conservare una parte della sua libertà, ha subito un duro colpo quando, il 7 settembre 2007, Mark Weil è stato assassinato. Ancora oggi, le circostanze del suo omicidio rimangono oscure. Al momento della cattura dei suoi assassini, alcuni osservatori collegano le loro motivazioni a una società conservatrice, prevalentemente musulmana. L'opera teatrale di Weil “Imitazione del Corano”, basata su una poesia [ru] del poeta russo Alexander Pushkin, per esempio, aveva suscitato polemiche nella società uzbeka (così come l'omosessualità di Weil).

Sorprendentemente, gli attori della compagnia Ilkhom decidono di recitare il giorno dopo l'assassinio di Weil. Essi sostengono che “lo spettacolo doveva continuare”, aggiungendolo così alla leggenda che circonda il nome di Ilkhom.

Affiche de la pièce "L'Imitation du Coran"

Poster dell'opera teatrale di Mark Weil “Imitazione del Corano”. Foto di Filip Noubel, riprodotta con il consenso.

Arrivano i bulldozer

Un nuovo capitolo della storia dell'Uzbekistan è iniziato quando il presidente Islam Karimov [it], che aveva governato senza opposizione per quasi 30 anni, è morto nel settembre 2016 ed è stato sostituito dal suo ex primo ministro Shavkat Mirziyoyev [it]. Il Paese ha intrapreso rapidamente un programma di riforme politiche ed economiche con risultati disomogenei. Sebbene ci sia stata liberalizzazione in alcune aree, la corruzione, l'accesso insufficiente alla giustizia e la censura continuano ad avere un profondo effetto sulla società uzbeka.

Il Teatro Ilkhom sarà anche sopravvissuto alla censura e agli sconvolgimenti economici, ma ora si trova ad affrontare un nuovo avversario: un massiccio rinnovamento urbano. Nella capitale uzbeka, l'urbanizzazione sfrenata degli ultimi anni ha distrutto molti degli edifici emblematici dell'epoca sovietica. Tra questi, la Casa del Cinema [ru] (Дом Кино), un edificio di epoca sovietica demolito nel gennaio 2018, che ospitava festival cinematografici internazionali. Il governo legittima questi sviluppi come misure di progresso che fanno parte di un piano di trasformazione della capitale sotto l'egida di Tashkent City, un importante progetto da 3 miliardi di dollari che ha trasformato gran parte del centro città in un cantiere.

Il Teatro Ilkhom occupa parte del piano terra e del seminterrato di un edificio che ospita anche lo Shodlik Palace Hotel. Il 7 febbraio di quest'anno, i nuovi proprietari dell'edificio, la società Olefos Plaza, hanno inviato una lettera al Teatro Ilkhom chiedendo loro di liberare i locali a causa dei lavori di ristrutturazione. Secondo la lettera [ru]:

Здание внешнее в неприглядном состоянии находится в центре города и своим видом портит общий облик столицы.

L'edificio si trova nel centro della città e ha una facciata antiestetica. La sua condizione attuale rovina l'immagine complessiva della capitale.

Il teatro aveva stipulato un accordo speciale con l'ex proprietario che garantiva loro un contratto di locazione fino al 2023, con rinnovo automatico del contratto per dieci anni. Tuttavia, questo contratto è decaduto quando, nel 2017, il governo ha rilevato l'edificio e lo ha venduto alla società Ofelos Plaza. Dopo aver appreso la notizia, i sostenitori e i dipendenti del teatro hanno lanciato diverse campagne online con l'hashtag #спасемильхом (#SalviamoIlkhom) su Facebook e Twitter.

In questa foto postata da una residente di Tashkent, una giovane ragazza tiene in mano un cartello con scritto: “Tashkent ha bisogno del teatro Ilkhom”.

La nostra giovane eroina. Fidati, stiamo facendo tutto il possibile per salvare questo posto per te!

È stato inoltre creato un sito web bilingue [en-ru] per mobilitare il sostegno locale e internazionale e per ospitare le petizioni. E questo non sembra essere un semplice movimento di opposizione. Sorprendentemente, una delle voci che chiedono di salvare il teatro non è altro che quella di Saida Mirziyoyeva, figlia dell'attuale presidente. Mirziyoyeva, che è vicedirettore della Media Development Foundation del governo, è autrice del seguente post, datato 11 febbraio:

Vorrei commentare la situazione del Teatro Ilkhom. Io stessa sono un'amante del teatro e voglio che siate certi che non intendiamo abbandonarlo! Ilkhom è l'orgoglio della nostra vita culturale!

La speranza di salvare il teatro

Anche se la dichiarazione di Mirziyoyeva dà l'impressione che il teatro abbia ancora la possibilità di mantenere la sua sede storica del 1976, il team del teatro rimane cauto. Secondo il vicedirettore Irina Bharat [ru], il nuovo piano dei proprietari è quello di ricostruire l'intero edificio entro due anni e di aggiungere nuovi piani all'edificio, il che non sarà privo di conseguenze [ru]:

Это, как мы понимаем, будет означать, что понадобится рыть котлован, и наш подвал будет разрушен

Per come la intendiamo noi, dovranno scavare una fossa, il che significa che il nostro seminterrato dovrà essere distrutto.

Il documentarista e fotografo uzbeco Timur Karpov ha raccontato a Global Voices che la storia è tutt'altro che finita [ru]:

Она, как и ее отец, имиджмейкеры, им необходимо иметь позитивный образ в глазах общественности. Сейчас все зависит от того, насколько далеко могут обе стороны зайти. Шансы отстоять есть, но если власти начнут давить на руководство театра, то они сто процентов прогнуться и скорее всего пойдут на компромисс, будут искать новое здание и возможно это затянется на годы.

[Mirziyoyeva], come suo padre, gioca sulle apparenze; hanno bisogno di avere un'immagine positiva agli occhi del pubblico. Ora tutto dipende da fino a che punto entrambe le parti sono disposte a spingersi. Ilkhom ha una reale possibilità di sopravvivenza, ma se le autorità iniziano a fare pressione sulla direzione del teatro, saranno costrette a cedere. Dovranno raggiungere un compromesso e trovare un nuovo edificio. L'intero processo richiederà diversi anni.

Ashot Danielyan, poeta e musicista rock che organizza eventi teatrali, ritiene che il teatro abbia bisogno di una protezione formale da parte dello Stato, piuttosto che dipendere dalla buona volontà dei proprietari [ru]:

Спасти театр можно лишь одним способом- дать ему статус неприкосновенности, как месту исторического и культурного значения. Ильхом- в переводе означает вдохновение, для меня это одно из главных вдохновляющих мест города, с 2007 года мы проводим в театре единственный постоянный рок-фестиваль в Узбекистане, без театра- может исчезнуть и целый пласт альтернативной музыки, ведь для многих молодых групп это единственная доступная площадка для выступлений.

L'unico modo per salvare il teatro è quello di renderlo intoccabile come luogo di importanza storica e culturale. “Ilkhom” significa ispirazione. Per me, è uno dei luoghi più stimolanti di Tashkent. Dal 2007, è dove abbiamo organizzato l'unico festival di musica rock del paese. Senza questo teatro, l'intera scena musicale alternativa potrebbe scomparire. Per molte giovani band, questo è l'unico posto disponibile per esibirsi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.