chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Le donne in Nigeria devono affrontare il campo minato dell'azione politica online

Membri del gruppo Mother's Savings, Nigeria. Immagine di Karen Kasmauski/USAID in Africa via lavoro del governo degli Stati Uniti, di dominio pubblico

In Nigeria, la sfera dell'azione politica è un campo minato. Politica e sostegno vengono spesso filtrati attraverso una lente religiosa ed etnocentrica. Gli attivisti con una forte presenza nei social media – specialmente su Twitter – devono sviluppare una pelle dura per fronteggiare le valanghe di gbas gbos (slang nigeriano per “tirare pugni”) nello spazio digitale.

Le attiviste donne – oltre a sostenere questo contenuto dannoso dovuto alla loro identità – hanno anche a che fare con attacchi di natura di genere.

Come fanno le femministe in Nigeria a confrontarsi con il territorio online e fenomeni come trolling, incitamento all'odio e il fraintendimento forzato dei loro messaggi? Come fanno a far sì che questi attacchi non si risolvino nell'eclissare il messaggio dei loro movimenti?

Due movimenti sui social media in Nigeria ci offrono un approfondimento delle loro esperienze nell'attivismo di genere, il movimento #BringBackOurGirls, diretto dal Dr. Oby Ezekwesili, e l'#ArewaMeToo, di Fakhriyyah Hashim. Entrambi hanno affrontato odio politico di genere che ha fortemente alterato l'integrità dei loro messaggi.

Il movimento #BringBackOurGirls (#BBOG)

Sei anni fa, il 15 aprile 2014, circa duecento studentesse tra le età di 15 e 18 anni, sono state rapite con la forza [en, come i link seguenti] da Boko Haram, un gruppo terrorista islamico, dalla scuola media governativa femminile a Chibok, vicino Maiduguri, nel Nordest della Nigeria.

Il rapimento delle ragazze di Chibok ha acceso un grido di protesta internazionale. La BBC ha riportato che ad aprile del 2014 #BringBackOurGirls (ridateci le nostre ragazze) è salito nei trend di Twitter con più di 3.3 milioni di tweet, di cui il 27% proveniva dalla Nigeria, il 26% dagli stati Uniti e l'11% dal Regno Unito.

Dr. Oby Ezekwesili risponde a una domanda durante un evento dell'Ente delle NU per l'uguaglianza di genere con i coordinatori della campagna #BringBackOurGirls. Imamagine di UN Women/Ryan Brown, 14 settembre 2014. (CC BY-NC-ND 2.0)

Dr. Obiageli (Oby) Ezekwesili, precedentemente vice presidente della Banca Mondiale, e con un mandato di ministro dell'educazione in Nigeria, ha iniziato a twittare sulle ragazze di Chibok il giorno in cui sono state rapite. Era motivata ad agire a causa di un attacco precedente su degli studenti al Federal Government College di Buni Yadi nello Stato di Yobe, a Nordest della Nigeria, il 25 febbraio del 2014.

Cinquantanove ragazzi sono morti per colpi di pistola o ferite da arma da taglio, mentre altri sono stati bruciati vivi.

In ogni caso, non è stato fino ad aprile 23, quando, ospite a un evento dell'UNESCO a Port Harcourt, nella regione ricca di petrolio del Delta del Niger, che il suo grido d'aiuto per il rilascio delle studentesse ha catturato l'attenzione nazionale e internazionale: 

Prestate la vostra voce alla Causa delle Ragazze. Per favore, tutti quanti, usate l'hashtag #BringBackOurGirls per mantenere lo slancio FINO quando non vengano LIBERATE.

E il 7 maggio del 2014 l'ex first lady Michelle Obama ha postato una sua foto su Twitter tenendo un cartello con l'hashtag #BringBackOurGirls. Ha anche pubblicato un video pochi giorni dopo dalla Casa Bianca, portandolo all'attenzione globale.

Sono stati necessari due anni prima che l'esercito nigeriano ritrovasse una delle ragazze, a maggio 2016. Per ottobre del 2016, 21 ragazze sono state riunite con le loro famiglie. E a maggio 2017, i militanti di Boko Haram avevano liberato 82 ragazze dalla prigionia. Ad ogni modo, circa 112 ragazze rimangono scomparse e 13 sono presumibilmente decedute, secondo un report del 2018.

Ezekwesili è co-fondatrice del movimento #BBOG che ha mobilizzato una protesta globale per il rilascio delle ragazze di Chibok. In seguito, il movimento si è trasformato in un'organizzazionne formidabile che ha resistito all’asprezza dello spazio civico nigeriano. Ma il successo del movimento è successo con un grande costo personale per Ezekwesili.

Il rapimento delle ragazze di Chibok è accaduto sulla soglia delle elezioni presidenziali del 2015, e l'attivismo online di Ezekwesili è stato visto attraverso le lenti della politica da qualcuno. La sua integrità personale non è stata solo messa in discussione, ma fatta a brandelli. Alcuni hanno presunto che il suo #BBOG era semplicemente un modo per guadagnare capitale politico.

Reno Omokri, precedentemente assistente alla presidenza, ha accusato Ezekwesili di essere stata usata dal partito di opposizione dell'epoca, All Progressive Congress (APC), per “danneggiare” il governo del Presidente Jonathan, quindi per aprire la strada all’ “ascesa al potere” di APC.

I sostenitori dell'ex presidente Jonathan del Partito Democratico del Popolo hanno diffuso “tutte le falsità possibili” online contro Exekwesili nel 2014: “Sono stata insultata, calunniata…” dice Ezekwesili in un video su Twitter live mandato in onda il 14 aprile, per rimarcare il sesto anniversario dal rapimento.

Ezekwesili è stata falsamente accusata di essere rancorosa per non aver ricevuto una nomina a ministro sotto Jonathan. Stando a  lei, alcuni dei suoi aggressori online pensavano che “la ragione per cui continuo con l'attivismo per le ragazze di Chibok era perché volevo essere fatta ministro.”

“Come avrei potuto essere fatta ministro quando ho rinunciato alla richiesta di esserlo molto prima che le ragazze di Chibok sono state rapite, tre anni fa? Come avrei potuto?” Si chiede Ezekwesili nella sua live di Twitter

È diventata una candidata alle presidenziali nel 2018, ma in seguito si è ritirata dalla campagna.

In live su Twitter, Ezekwesili ha richiamato alla memoria il suo dolore: “Era davvero molto triste per me sopportare il pensiero che bambini che andavano a scuola sono stati uccisi e trucidati così brutalmente al punto dove i genitori non erano più in grado di riconoscere i loro figli”.

Ma il suo dolore e la sua rabbia sono state eclissate dalle calunnie politiche che ha sopportato per portare avanti il messaggio del #BBOG.

#ArewaMeToo e NorthNormal 

Il 3 febbraio 2019 una giovane donna di nome Khadijah Adamua ha trovato il coraggio di lanciare un tweet sull’abuso fisico a lei inflitto dal suo ex fidanzato. Adamua, che vive nello Stato di Kano nel Nordest della Nigeria, aveva in precedenza postato nel suo blog le sue esperienze terribili.

La compagna nigeriana Fakhriyyah Hashim ha espresso su Twitter il suo supporto ad Adamua con l'hashtag #ArewaMeToo:

Negare le sue vittime non farà altro che alimentare questa cultura di stupri e molestie sessuali, e sarà uno schiaffo sui volti delle vittime che con coraggio sono uscite allo scoperto e hanno parlato delle loro esperienze tormentate. Tutti conosciamo le dinamiche sociali del Nord che demonizza le vittime.

#ArewaMeToo è diventato la versione del movimento globale #MeToo del Nord nella Nigeria. (Arewa è la parola hausa per “Nord”) — accendendo una tempesta di discussione online sullo stupro e altre forme di violenza di genere.

La violenza contro le donne è incontrollata in tutta la Nigeria. Ad ogni modo, Relief Web asserisce che tra novembre 2014 e gennaio 2015, a nordest della Nigeria, specialmente nello Stato del Borno, ha registrato la quantità di violenza sulle donne più alta. Nel Nord a maggioranza musulmana, le discussioni su questi tabù sono difficili, forzando spesso le vittime al silenzio

La rabbia online di #ArewaMeToo ha mosso le proteste offline di NorthNormal a Bauchi, Kano, Niger. Sedici giorni di proteste NorthNormal sono successi a novembre dello scorso anno in otto stati della Nigeria del Nord e ad Abuja. Erano largamente positive e i legislatori di stato “erano aperti alle indigenze dei giovani” per prendere “il bastone per spingere il VAPP”, dice Hashim.

Comunque, nello Stato di Sokoto, “il governo ha giocato un ruolo nel molestare e arrestare i sostenitori di NorthNormal”, dice Hashim. La polizia ha maltrattato un leader locale del movimento. Subito dopo, le proteste sono state vietate dal sultano di Sokoto, a capo dei musulmani nigeriani.

Secondo Hashim, il NorthNormal è cresciuto a causa dell'hashtag #ArewaMeToo, e ha due obiettivi: sostenere “l'addomesticazione del Violence against Persons Proibition Act (VAPP) [Atto di proibizione della violenza contro le persone, NdT]”, e sostenere la conversazione su “varie forme di violenza di genere e cultura dello stupro nella Nigeria del Nord.

Il Violence Against Persons (Prohibition) Act del 2015 è diventato legge il 23 maggio 2015. Sotto il VAPP Act –  un miglioramento sulle disposizioni del codice penale della nigeria — gli atti di violenza contro le donne sono offese punibili. Questo include lo stupro, percosse coniugali, espulsione forzata dalle abitazioni, forzata dipendenza finanziaria o abuso economico, pratiche pericolose nella vedovanza, circoncisione femminile o mutilazione genitale, e/o abbandoni infantili

In Nigeria, lo stupro è punibile con l'ergastolo. Un minore può affrontare fino a 14 anni in carcere. Nei casi di stupri di gruppo, gli assalitori devono scontare fino a 20 anni di incarcerazione senza la possibilità di pagare una multa.

Ad ogni modo, la Sezione 47 del VAPP Act stipula che la legislazione si applica solo ad Abuja, la capitale della Nigeria. NorthNormal e altre organizzazzioni stanno facendo campagne perché le assemblee degli altri 36 stati legislativi possano adottare questo atto.

Contraccolpi contro gli attivisti

Un anno dopo la scintilla del movimento #ArewaMeToo, Hashim ha detto a Global Voices che nonostante il loro attivismo ha sposto “la putrefazione di cui la società è intrisa”, ha anche pagato il suo pegno.

Hashim ha dovuto fronteggiare pesanti attacchi online quando il suo gruppo ha preso in considerazione “un presunto abusatore seriale di minori” che lavora nel ministero delle finanze come parte dei loro attacchi online. Lei ha detto a Global Voices:

We launched a campaign against him [the serial abuser], demanding that he be sacked by the minister; some people did not like that so they orchestrated an online targeted harassment campaign to delegitimise ArewaMeToo.

Abbiamo lanciato una campagna contro di lui [l'abusatore seriale], pretendendo che venisse licenziato dal ministero; alcune persone lo hanno sgradito al punto che hanno organizzato una campagna di molestia online mirata a delegittimare ArewaMeToo.

Secondo Hashim, i molestatori hanno provato a delegittimare ArewaMeToo “associando ArewaMeToo con LGBTQ [lesbiche, gay, bisessuali, persone transgender e queer] e “la loro strategia ha funzionato dal momento che la molestia online ha preso forza”, dice Hashim.

In Nigeria, il matrimonio gay è illegale e sotto la Sharia e il codice penale la sodomia e il lesbismo è punibilie in alcuni stati.

Associando il movimento di Hashim ai diritti LGBTQ, i troll online hanno distorto il loro messaggio e modellato #ArewaMeToo e NorthNormal come illegittimi.

In ogni caso, Global Voices non è stata capace di verificare in maniera indipendente i tweet che associavano il movimento di Hashim ai diritti LGBTQ.

Ciò nonostante, Hashim posta messaggi di speranza su Twitter:

A ogni giovane donna lì fuori che sta soffrendo, che sta desiderando di trovare una voce, è stato fatto tutto per te. Per le giovani ragazze e per i ragazzi che sono stati toccati e sono rimasti in silenzio, questa voce è la tua e nessuno può portartela via.

Fakhriyyah Hashim, co-fondatrice di #ArewaToo e NorthNormal (Immagine usata con il suo permesso).

Lei ha detto che tutte queste esperienze la hanno aiutata a “farsi una pellaccia dura”:

In my experience of being loud on political Twitter for good governance, I’ve grown a really thick skin, but even that didn't prepare me for the amount of backlash we got through ArewaMeToo and NorthNormal. Though I mustered all of that and did not retreat to any cave, I did begin feeling demoralised about Northern Nigeria’s governanace and response to sexual violence…After every episode of attacks, we did gather more strength and energy to push back because the backlash made us see how society enforced the culture of silence and if we allowed our lips to be sealed then that would be the real tragedy. 

Nella mia esperienza di attività politica su Twitter per un governo migliore, ho messo su una pelle dura, ma anche quello non mi ha preparata alla quantità di contraccolpo che abbiamo ricevuto attraverso ArewaMeToo e NorthNormal. Nonostante io abbia raccolto tutto e non mi sia ritirata in nessuna caverna, ho iniziato a sentirmi demoralizzata sul governo della Nigeria del Nord e la risposta alla violenza sessuale. Dopo ogni attacco, abbiamo guadagnato più forza ed energia per lasciar perdere perché le offese di ritorno ci hanno mostrato come la società rinforza la cultura del silenzio e se permettiamo alle nostre labbra di essere chiuse, quella sarebbe una vera tragedia.

Secondo Hashim, queste “deliberate calunnie per una causa che cerca semplimente qualcosa di meglio per le vittime di violenza sessuale” è incredibilmente difficile da comprendere.

Questo articolo è parte del progetto “la matrice identitaria: regolazione sulle piattaforme delle minacce online alle espressioni in Africa”. Questi post si interrogano sull'incitamento online per via dell'identità o la discriminazione basata sul linguaggio o l'origine geografica, la disinformazione e le moltestie (in particolare contro le attiviste e giornaliste donne) orevalente nello spazio digitale di sette regioni africane: Algeria, Cameroon, Etiopia, Nigeria, Sudan, Tunisia e Uganda. Questo progetto è sostenuto da Africa Digital Rights Fund della Collaborazione sulla ICT Policy Internazionale per l'Africa dell'Est e del Sud (CIPESA).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.