chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

L'Argentina chiude il 2020 con un evento storico: viene approvato l'aborto legale, sicuro e gratuito.

“Sopravvivere ad un aborto è un privilegio di classe”. Manifestazione a Buenos Aires per l'accesso all'aborto nel 2018. Foto di Juan Diez, da Wikimedia Commons (CC BY-SA 4.0).

La notte del 30 dicembre, dopo una sessione di più di tredici ore e dopo un intenso mese di opinioni contrastanti, [es, come i link seguenti, salvo diversa indicazione“campagne diffamatorie”, proteste e manifestazioni nelle strade, il Senato argentino ha fatto la storia approvando La Legge d'Interruzione Volontaria di Gravidanza (Ley de Interrupción Voluntaria del Embarazo (IVE), che rende legare il diritto all'aborto, senza alcuna restrizione o causali, fino alla 14° settimana di gestazione. Il risultato è stato di 39 voti favorevoli, 29 contrari e 1 astenuto.

Così facendo, l'Argentina diventa il quinto paese dell'America Latina a rendere legale l'aborto dopo Cuba, Guyana, Porto Rico e l'Uruguay, ed il settimo in tutto il continente americano.

Dall'inizio della sua gestione, nel dicembre del 2019, il presidente Alberto  Fernández aveva promesso di presentare il progetto nei primi giorni di marzo, ma tutto è rimasto in sospeso a causa delle misure d'emergenza adottate per rallentale la propagazione della COVID-19. Dopo le pressioni delle organizzazioni femministe di tutto il paese, il 16 novembre 2020 hanno finalmente inviato il disegno di legge al Congresso per far sì che l'elaborazione dello stesso iniziasse  il 1° dicembre, culminato poi in questo storico risultato.

La prima volta [it] che il disegno di legge è stato discusso è stato nel 2018. In questa occasione, ha ottenuto l’approvazione della Camera dei Deputati, ma poi venne bocciato dal Senato con una differenza di sette voti contrari. Nonostante questa battuta d'arresto, l’attivismo non si è fermato [it]: la questione è stata lasciata sul tavolo, si è insediata nella società ed è servita a rafforzare le reti di sostegno per coloro che avevano bisogno di accedere all'aborto sicuro.

Oggi la notizia occupa le prime pagine dei media nazionali, internazionali e le manifestazioni di giubilo hanno riempito le strade. Anche i Social Network si sono riempiti di espressioni di gioia. Questo il messaggio di Amnesty International Argentina:

E all'improvviso tutto è diventato emozione.

Una vittoria del movimento delle donne. #EsLey #AbortoLegale 2020

Queste sono alcune delle frasi provenienti da diversi angoli dell'Argentina:

Non ci sono parole, solo sentimenti condivisi  #EsLey 💚

L'ho appena saputo  e ancora non riesco a crederci. Faccio il bagno e Renata si sveglia e la prima cosa che mi dice è “è legge, mamma?” “SÌ” dico e ci uniamo in un abbraccio che non dimenticherò mai nella mia vita. Per Reni e per tutti. #EsLey 💚

Bellissima mattina vero?   💚 #ESLEY

 Ecco come è stato vissuto a Mendoza #ESLEY #AbortoLegalYa #AbortoLegale2020

Ci sono stati anche festeggiamenti e complimenti su Twitter dall'estero. Questi sono alcuni messaggi dalla Spagna:

Mi sono svegliata per vedere che l'Argentina è più libera e femminista.                                                                  Nessuno sarà mai più costretto a partorire. L'Argentina è più sicura per tutte le donne 💚#ESLEY

Alla fine la vostra lotta è stata ricompensata.  Congratulazioni, Argentina, l'aborto #esLey.

Congratulazioni, compagne argentine! Ciò che avete ottenuto con la vostra lotta, significa diritti, significa dignità, significa vita! ✊💚#ESLEY

Congratulazioni, Argentina! #EsLey #AbortoLegale2020

Il gruppo femminista cileno HARTAS ha salutato le donne argentine:

Così avanza la  #MareaVerde                                                                                          Un abbraccio a tutte le compagne argentine #AbortoLegal2020 #EsLey 💚

Il collettivo “No Te Calles” ha inviato le sue congratulazioni dal Messico:

Si si può, Argentina! 💚💚💚                                                                                            Dal Messico, ci congratuliamo e li abbracciamo per la loro instancabile lotta. #EsLey

Dalla Bolivia, Artemisa afferma:

Mi abbracciava mentre piangevo quando ho sentito la notizia. Che bel modo di porre fine a questo 2020. 💚#EsLey

Anche in Venezuela è stata celebrata la notizia, così ha scritto questo utente:

Mi sveglio e scopro che è diventata legge 💚 Anni di lotta hanno dato i loro frutti.

💚💚💚💚 La marea verde 💚💚💚💚

Spero che in #Venezuela riusciremo a realizzare questa impresa.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.