chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il sistema di identificazione digitale indiano Aadhaar è la soluzione tech a un problema socio-economico?

Biometric details being captured in an Aadhaar enrolment centre in Kolkata, West Bengal, India (Biswarup Ganguly, CC-BY-3.0)

Dati biometrici vengono registrati in un centro di registrazione di Aadhaar in Kolkata, Bengala occidentale, India (Biswarup Ganguly, CC-BY-3.0)

Questo post è stato pubblicato per la prima volta su Yoti [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] come parte del programma Digital Identity Fellowship di Subhashish Panigrahi, e modificato per la pubblicazione su Global Voices.

Il più grande sistema di identificazione biometrica del mondo, Aadhaar, assegna ai cittadini indiani un numero identificativo individuale a 12 cifre, legato a una serie di servizi per i cittadini. Il programma è stato pensato come una soluzione tecnologica a sfide socio-economiche preesistenti ed emergenti, progettato per contribuire all'inclusione sociale in India. In pratica, tuttavia, ha ottenuto l'effetto opposto, aggravando l'esclusione di comunità vulnerabili e emarginate.

Aadhaar ha cominciato a prendere forma nel 2009, quando era al governo il Congresso Nazionale Indiano (Indian National Congress o INC), ma ha visto un'aggressiva implementazione sotto il Bharatiya Janata Party (BJP), attualmente in carica, che detiene la maggioranza a livello federale ed esercita una forte influenza in molte province. Il sistema è stato quindi usato sia in programmi pubblici provinciali che federali, ma l'esclusione persiste.

La speranza era che, dopo un decennio di Aadhaar, questioni come la lunga storia di oppressione razziale del Paese – che esiste da molto prima della colonizzazione britannica ed è continuata anche dopo che il Paese è diventato una repubblica democratica nel 1947 – sarebbero state affrontate. Invece molte comunità emarginate si trovano in mezzo a una moltitudine di difficoltà e impossibilitate ad accedere a servizi fondamentali.

Conversazioni sostenute con membri di queste comunità — come parte della ricerca condotta per il progetto MarginalizedAadhaar (si vedano i Diari sul campo #1, #2 e #3) — indicano che le persone più marginalizzate in queste comunità sono state ulteriormente escluse come risultato della fiducia assoluta nel ‘soluzionismo tecnologico’ [it] mostrato da diverse entità statali.

Tuttavia, i pregiudizi tecnologici emersi dall'oppressione sociale sistemica nella società indiana – specialmente nel contesto di Aadhaar – non sono stati ancora affrontati.

‘Armi tecnologiche di esclusione di massa’

Guardando attraverso le lenti di diverse caratteristiche demografiche  – sociale, politica, economica, regionale, linguistica, religiosa e, più importante di tutte, dell’accesso ai privilegi per coloro che si trovano in fondo alla piramide sociale – si può cominciare a comprendere cosa un sistema di identificazione nazionale basato su dati biometrici come Aadhaar possa significare per i cittadini.

Per la loro stessa natura, i sistemi di identificazione devono favorire l'inclusione sociale e i diritti individuali per affrontare problemi di vario genere — dalla diffusa disuguaglianza alle particolari questioni riguardanti gli adivasi [it], specialmente i cosiddetti gruppi tribali particolarmente vulnerabili. In caso contrario persone che detengono privilegi, ma nessuna comprensione della diversità e dell'inclusione, finiscono per costruire “armi tecnologiche di esclusione di massa” [it].

Per esempio Aadhaar è stato sviluppato per l'identificazione basata su dati biometrici ai fini della distribuzione di razioni alimentari attraverso il Sistema di pubblica distribuzione (Public Distribution System o PDS), un'iniziativa del governo federale che fornisce generi alimentari e altri beni di prima necessità ai bisognosi. L'obiettivo, naturalmente, è eradicare la povertà, ma i dati dei censimenti mostrano che tra il 2001 e il 2011 il numero di persone bisognose è salito da 21 a 26,8 milioni, un incremento del 22,4%.

Contestualizzare la tecnologia

La tecnologia, in particolare in India, non può essere discussa senza menzionare la discriminazione razziale sistemica. Le dinamiche del potere politico del Paese creano più divisioni etniche che mai, tanto da essere ormai diventate parte integrante di un sistema finalizzato all'esclusione sociale.

Il sistema delle caste divide le persone di religione induista in quattro grandi categorie, di cui alcune sono considerate fuori-casta, o ‘intoccabili’. Queste comunità sono collettivamente note come dalit nel discorso progressista; nella costituzione indiana sono classificate come caste riconosciute (SC) [it].

Il BJP, il partito di destra nazionalista al governo, dominato da induisti di “casta superiore”, ha finora spinto per escludere persone dalit, musulmane e adivasi – e molte altre comunità marginalizzate – attraverso politiche discriminatorie. Dal punto di vista dei diritti umani, l'implementazione di queste politiche tramite le tecnologie spesso si traduce in gravi e intrinsechi difetti di progettazione.

A Muslim woman in the state of Assam who was declared as a “Doubtful Voter” in the National Register of Citizens. (Screengrab from a video reportage by NewsClickin. CC-BY 3.0).

Una donna musulmana dello stato di Assam che è stata dichiarata “elettrice incerta” nel Registro nazionale dei cittadini. (Fermo immagine da un servizio video di NewsClickin. CC-BY 3.0).

Accesso a informazioni nella lingua madre

Stranamente per un Paese dove ci sono stati non meno di 402 casi documentati di blocco del servizio internet dall'ascesa al potere del BJP nel 2014, il sistema Aadhaar si appoggia a internet per funzionare. Le persone che desiderino ricevere razioni alimentari devono autenticare la propria identità attraverso una procedura basata sulle impronte digitali, e le autorità ai centri di distribuzione delle razioni usano un portale online per verificare le informazioni.

Altrettanto preoccupante è il fatto che fino a 104 milioni di persone adivasi, già generalmente marginalizzate perché appartenenti a gruppi a basso reddito, sono ulteriormente messe ai margini perché non riescono a trovare informazioni su Aadhaar nelle proprie lingue madri.

Nel video qui sotto, la parlante della lingua sora Manjula Bhuyan da Odisha, India, sottolinea l'importanza di accedere a informazioni sull'identità digitale nella propria lingua madre. Video scaricabili con sottotitoli e trascrizioni sono accessibili a questo link.

Dichiarati cittadini clandestini

L'impatto dei pregiudizi sistematici è ampio, e colpisce persone diverse da scolari dalit e musulmani di famiglie a basso reddito a cui vengono negate borse di studio a causa di errori nel sistema Aadhaar, a cittadini musulmani che vengono perseguitati e a cui viene chiesto di provare la propria cittadinanza.

I musulmani nello stato di Assam sono stati tra i più duramente colpiti – 1,9 milioni di loro, su una popolazione di 33 milioni, sono stati dichiarati illegali o clandestini in base al Registro nazionale dei cittadini (NRC), un programma disegnato per eliminare gli immigrati clandestini.

Nel video qui sotto si sostiene che lo stato dell'identità digitale abbia avuto una svolta critica quando questi 1,9 milioni di persone sono state dichiarate clandestine. Video scaricabili con sottotitoli e trascrizioni sono accessibili a questo link.

L'implementazione del NRC è temporaneamente sospesa a causa della pandemia della COVID-19, ma nuove ondate di terrore hanno cominciato a diffondersi tra coloro che sono stati dichiarati clandestini.

Ashraful Hussain, un attivista che lavora a stretto contatto con molti musulmani assamesi discriminati, ha di recente osservato: “La maggior parte dei musulmani – e persino molti induisti di origini bengalesi [occidentali] – sono stati volutamente esclusi dalla categoria ‘abitanti originari‘ dalle autorità incaricate della messa in funzione del NRC.”

Gli 1,9 milioni di persone i cui nomi sono stati lasciati fuori dalle liste dei “cittadini legali” hanno una sola, ultima possibilità – apparire di fronte a quello che è noto come un tribunale degli stranieri per provare la propria cittadinanza in un processo giudiziario.

Hussain teme, tuttavia, che anche se queste persone già marginalizzate stanno diventando più povere a causa delle restrizioni del lockdown, dovranno pagare i costi legali associati alla necessità di provare la propria cittadinanza una volta che le restrizioni per la COVID-19 saranno revocate – e l'esclusione va ancora oltre. Secondo Hussain “Dal momento che molte donne musulmane sono analfabete e non hanno la capacità di rintracciare documenti che stabiliscano i loro legami genitoriali, queste donne e i loro figli sono fuori dalla lista [del NRC].”

Il NRC è profondamente legato ad Aadhaar. Come l'avvocatessa Tripti Poddar ha spiegato, la raccolta dei dati biometrici degli individui è avvenuta durante le procedure del NRC. Le persone che sono state inserite nel NRC [come cittadini] hanno ricevuto identità digitali Aadhaar; le persone che non sono state inserite invece no. Poddar osserva inoltre che persino un cittadino straniero residente in India può ricevere un Aadhaar, ma i cittadini indiani segnalati dal NRC [come cittadini illegali] possono essere privati dei propri diritti costituzionali.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.