chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Non si parla spagnolo nelle Filippine?

9494361111_a59acfc153_z

Panorama di Manila. Photo di joiz su Flickr, disponibile sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-ND 2.0).

Le Filippine [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione], un arcipelago dell'Asia sud-orientale composto da più di 7000 isole, come i paesi dell'America Latina, è un'ex colonia dell'Impero spagnolo. Le Filippine sono state sotto il comando  spagnolo per tre secoli, infatti, appartengono nello specifico al Regno della Nuova Spagna. Durante questo periodo, la lingua dominante del governo coloniale nelle isole era lo Spagnolo, che p stato sostituito dall'Inglese dopo la Guerra ispano-americana, quando la Spagna ha affidato il controllo delle isole agli Stati Uniti per 20 milioni di sterline.

Durante il XX secolo, l'uso dello Spagnolo diminuì, in particolare dopo la distruzione della roccaforte spagnola [es], durante la Battaglia di Manila. La seguente modernizzazione del paese e la Seconda Guerra Mondiale hanno fatto si che l'Inglese restasse la lingua predominante della nazione.

Nel 1946, le Filippine hanno raggiunto l'indipendenza dagli Stati Uniti, ma il paese ha mantenuto l'Inglese come una delle due lingue ufficiali, l'altra era il Filipino. Attualmente, la lingua madre dei Filippini è l'Inglese o una delle lingue locali. Secondo una stima meno dell'1% della popolazione attuale parla Spagnolo.

Nel 2008, Gaspar Canela ha scritto [es] nel blog Reino de Siam che la condizione della lingua spagnola nelle Filippine era peggiorata molto perché la Spagna non è mai riuscita a sostituire le lingue locali:

9364625480_e47b2cb9ec_z

Intramuros. Image by shankar s. on Flickr, used under the Creative Commons license Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0).

Muchos filipinos, los menos estudiados, hasta desconocen que estuvieron sometidos a un reino ibérico durante más de tres siglos. Los estadounidenses, tras expulsar a los españoles, trajeron a Filipinas barcos repletos de profesores de inglés. Tuvieron más éxito que los españoles en extender el uso de su idioma, pero tampoco todos en las islas dominan hoy día la lengua de Shakespeare.

Molti filippini non sanno di essere stati sudditi del Regno di Iberia per più di tre secoli. Gli Americani, dopo aver cacciato gli Spagnoli, hanno portato nelle Filippine delle navi cariche di professori di lingua Inglese. Quest'ultimi hanno avuto più successo degli Spagnoli nell'espandere l'uso della loro lingua, ma ancora oggi non in tutte le isole regna la lingua di Shakespeare.

Tuttavia, lo Spagnolo non è scomparso del tutto.Tracce della lingua spagnola sono presenti nei cognomi [es] di molti filippini, nei nomi di città e località storiche, così come nelle strade e nella piazze del paese. Inoltre, la letteratura classica filippina è stata interamente scritta in spagnolo, anche durante gran parte del XX secolo. Tra le tante opere di letteratura classica delle Filippine in spagnolo troviamo Noli me tangere, dello scrittore José Rizal, che, secondo gli studiosi, ha svolto un ruolo importante nel consolidamento del nazionalismo filippino.

Rizal, adesso considerato un eroe nazionale delle Filippine, è stato giustiziato il 30 Dldicembre 1896 accusato di sedizione dalle autorità spagnole. La notte prima della sua condanna, ha scritto una poesia intiolata “My Last Farewell”, dove descrive il suo amore per le Filippine. Un utente ispano-filippino di YouTube ha caricato un video dove recita la poesia:

Ma lo spagnolo è una lingua morta nelle Filippine? Quasi. Lo Spagnolo rimane fortemente radicato nelle isole, anche se in una prima analisi non è facile da notare. Guillermo Gomez Rivera, direttore del settimanale di Manila  Nueva Era, è ottimista sul futuro della lingua delle Filippine e condivide il suo punto di vista [es] sul blog Filipinas Única, dove dichiara che lo Spagnolo è molto semplice per qualsiasi filippino che parla Tagalog, Visayan e Ilokano:

El español es bien fácil para cualquier filipino que hable tagalo, bisaya, bicolano e ilocano porque en estas lenguas indígenas están incrustadas miles de hispanismos. En estos idiomas indígenas todas las prendas que se llevan en el cuerpo se llaman en español: sombrero, camiseta, cinturón […] Todos los muebles y enseres que se encuentran dentro del hogar se llaman en español: cocina, cuarto, sala […] Todo lo que es infraestructura de urbanización se llama en español: […] esquinita, avenida, plaza…

Lo spagnolo è molto semplice per un filippino che parla tagalog, visayan e ilokano, perché molte parole spagnole sono radicate in queste lingue indigene. In queste lingue indigene, tutti gli articoli di abbigliamento sono in spagnolo: sombrero (cappello), camiseta (maglia), cinturón (cintura) […] Tutti i mobili e gli elettrodomestici che si trovano in casa sono chiamati utilizzando l Spagnolo: cocina (cucina), cuarto (stanza), sala (salotto) […] Tutte le infrastrutture per l'urbanizzazione sono in Spagnolo: […] esquinita (angolo), avenida (viale), plaza (piazza)…

Un utente su internet, Neptuno Azul, ha dimostrato questo principio con la poesia di Eloidoro Ballesteros, scritta in Chavacano, una lingua creola che deriva dallo Spagnolo e da varie lingue locali:

Ultimamente, le tracce riguardanti lo Spagnolo potrebbero essere in crescita, grazie agli sforzi dell’Istituto Cervantes [es] e ad altre istituzioni spagnole e filippine, così come alle persone che vogliono salvare il patrimonio della lingua filippina. Questi gruppi hanno avuto anche l'appoggio ufficiale dell'ex governo del Presidente Macapagal-Arroyo, che, nel 2009, ha cominciato il reintegro parziale [es] dello Spagnolo nelle scuole secondarie. Oltre le scuole, anche l'imprenditoria [es] si sta interessando allo Spagnolo.

Si può osservare una dimostrazione dello Spagnolo come lingua viva nelle Filippine in questo video su YouTube, intitolato “Teaching Spanish in the Philippines”, dove vari studenti filippini mostrano ciò che hanno imparato a scuola.

Post in origine pubblicato [es] sul blog Globalizado.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.