chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Captando l'animo delle due parti del conflitto del Donbass tra Ucraina e Russa

People rush to the bus stop at the border crossing point in Mayorsk, Donetsk area on December 27, 2016.

Delle persone si precipitano alla fermata dell'autobus al valico di frontiera a Mayorsk nell'area di Donetsk il 27 dicembre 2016. Foto di Anastasia Vlasova per UNDP Ukraine su Flickr (CC BY-ND 2.0).

Nel giorno di San Valentino 2021 tre soldati ucraini sono morti [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] a causa dell'esplosione di una mina nel Donbas [it], la regione dell'Ucraina orientale divisa dai combattimenti tra il governo ucraino e le forze ribelli sostenute dalla Russia. Il più giovane dei tre era nato nel 1994, tre anni dopo l'indipendenza dell'Ucraina in seguito al crollo dell'Unione Sovietica. L'anno in cui è nato, l'Ucraina ha accettato di liberarsi di tutte le armi nucleari presenti sul proprio territorio. Quando lui aveva tre anni, la Russia e l'Ucraina hanno firmato un Trattato di Amicizia, dimostrando il rispetto per la reciproca integrità territoriale. Infatti, lui è cresciuto in uno stato il cui territorio non era afflitto da dispute armate su retaggi irrisolti del periodo sovietico e pre sovietico.

Questo è cambiato all'inizio del 2014, quando i manifestanti hanno forzato le dimissioni e la fuga del Presidente Viktor Yanukovych [it], un ex capo della politica del Donbas e filorusso. Il Cremlino ha visto le cosiddette proteste Euromaidan, che i partecipanti in Ucraina hanno chiamato “Rivoluzione della Dignità”, come un cinico complotto occidentale contro la propria influenza in Ucraina. La leadership russa ha risposto fomentando rivolte in Crimea e nell'Ucraina orientale e intervenendo militarmente per annettere la Crimea alla Russia e sostenere due territori separatisti nel Donbas, le autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk e Luhansk (DNR/LNR).

I negoziatori di Ucraina, Russia, Germania e Francia alla fine hanno elaborato una serie di protocolli a Minsk progettati per porre fine alla lotta, delimitare una linea del fronte tra i combattenti e riportare le regioni separatiste sotto il controllo del governo ucraino. Questo è successo sei anni fa. I combattimenti si sono stabilizzati lungo una linea di controllo ma nessuno dei protocolli di Minsk II è stato implementato. “Stabilizzati”, tuttavia, è un termine relativo. I soldati continuano a morire a causa di incidenti sporadici lungo quella che ora è una delle linee del fronte militare più pesantemente minate al mondo.

Per misurare le opinioni da entrambe le parti della linea di controllo, abbiamo condotto delle interviste telefoniche simultanee assistite da un computer (CATI) nel settembre e ottobre 2020. Queste interviste con testi simili sono state condotte da due società di grande reputazione: il Levada Center di Mosca per le autoproclamate DNR/LNR e il Kyiv Institute of Sociology (KIIS) [uk] per il Donbas controllato dal governo. Mentre le condizioni nelle DNR/LNR in questo momento vietano una ricerca sicura e affidabile con sondaggi faccia a faccia, sosteniamo che rimane importante cercare di catturare le opinioni di coloro che sono direttamente colpiti dalla guerra.

Ogni aspetto della vita quotidiana all'interno e vicino a una zona di guerra viene influenzato dalla guerra. Secondo un rapporto del 2020 di Crisis Group la guerra ha “gettato una regione economicamente travagliata nella rovina (…) Su entrambi i lati della linea del fronte, i residenti si sono stabiliti in una nuova normalità che va alla deriva tra lo squallido e il terribile”. Eppure, la routine quotidiana resiste nonostante l'ombra della guerra. È nella vita quotidiana – la capacità delle persone di mettere il cibo in tavola, di avere un lavoro fisso, di vedere i propri figli crescere in sicurezza, di ottenere la pensione – che si costruisce o si perde la fiducia in uno stato e nelle sue istituzioni. Questi livelli comparativi di fiducia su entrambi i lati della linea di contatto potrebbero decidere il futuro di questa regione divisa.

In questo articolo, i nostri risultati comparano la fiducia nel governo nazionale nel Donbas controllato dal Kyiv, da una parte, e la fiducia nella autorità locali nelle autoproclamate DNR/LNR, dall'altra. Nelle parti delle regioni Donetsk e Luhansk controllate dal governo alcune autorità locali non sono state in grado di portare a termine le loro responsabilità civiche, mentre altre sono state rimpiazzate da una temporanea amministrazione militare. Le elezioni locali nel Donbas sono state gravemente limitate dall'inizio del conflitto, con l'ultimo turno dell'ottobre 2020 annullato in molte aree lungo la linea del fronte, privando del diritto di voto oltre 450.000 cittadini. I risultati dei sondaggi confermano quanto il governo di Kiev appaia distante dai residenti in questa parte del Donbas. Come si vede nel primo grafico (Figura 1), meno del 10% degli intervistati ha fiducia che il governo nazionale si prenda cura dei loro bisogni come cittadini, mentre circa il 45% ha dimostrato la propria sfiducia.

“Hai fiducia nel fatto che le autorità si prenderanno cura dei cittadini?”
[nell'ordine, da sinistra] Fiducia, né fiducia né sfiducia, sfiducia, non lo so, rifiuto. – Figura 1.

Nelle DNR/LNR la fiducia sembra essere più alta con il 26% degli intervistati che esprime fiducia nelle autorità locali (18% di sfiducia). Ma con quasi la metà che non ha espresso né fiducia né sfiducia, il sostegno politico per le autorità delle autoproclamate DNR/LNR appare indifferente. Infatti, i risultati suggeriscono che la popolazione locale, così come i residenti nel Donbas controllato da Kyiv, sa che deve gestire la propria vita come meglio può, senza nutrire delle speranze di aiuto da parte delle autorità.

La fiducia nelle istituzioni che dovrebbero rispondere ai bisogni dei cittadini è bassa in tutta la regione del Donbas. Ma il relativo divario di fiducia tra le due parti della regione è indicativo di come i residenti delle aree controllate dal governo credano che Kyiv li abbia abbandonati. Lo stato ucraino ha molto lavoro da fare nelle aree del Donbas che controlla.

Un altro forte indicatore di questo divario lungo la linea di contatto sono le risposte alla domanda “Pensa che la regione [nazione] stia andando nella direzione giusta o sbagliata ?” (Figura 2). La maggior parte degli intervistati (59%) del Donbas controllato dal governo pensa che le cose stiano andando nella direzione sbagliata. Al contrario, nelle DNR/LNR una pluralità di intervistati (44%) pensa che le cose stiano andando nella giusta direzione (23% nella direzione sbagliata), anche se un terzo rimane indeciso.

“Pensa che la regione [nazione] stia andando nella direzione giusta o sbagliata ?”
[nell'ordine, da sinistra] Direzione giusta, direzione sbagliata, non lo so, rifiuto. – Figura 2.

Una delle caratteristiche del conflitto del Donbas, a differenza dei conflitti in Moldavia e Georgia, è che è scoppiato più di due decenni dopo il crollo dell'Unione Sovietica. Mentre c'era una certa tensione sul futuro del Donbas dopo l'indipendenza dell'Ucraina, essa non rappresentava una questione scottante per la maggior parte degli abitanti. Infatti l'autodeterminazione della regione era la causa che ha motivato solo una minoranza. L'estromissione del governo filorusso di Yanukovych a Kiev all'inizio del 2014 ha nutrito e alimentato questo sentimento. Vale la pena sondare quanto fortemente le persone sentano la fedeltà allo stato e alla bandiera (DNR/LNR o Ucraina) sotto la quale attualmente vivono.

Nella nostra intervista, abbiamo posto una domanda progettata per misurare ciò che gli accademici chiamano una visione puramente dei “beni pubblici” dello Stato. Chiede agli intervistati se sono d'accordo o in disaccordo con la seguente affermazione “Non importa in quale Paese io viva, tutto ciò che voglio è un buon lavoro e una buona pensione”.

“Non importa in quale Paese io viva, tutto ciò che voglio è un buon lavoro e una buona pensione”.
[nell'ordine, da sinistra] Sono d'accordo, sono in disaccordo, non lo so, rifiuto. – Figura 3.

Questo grafico (Figura 3) potrebbe sorprendere i lettori poiché dimostra che in entrambe le parti della linea di contatto la maggior parte di persone è d'accordo con l'affermazione. La sicurezza economica e materiale batte, quindi, separatismo e nazionalismo. È importante notare che anche i numeri sul disaccordo (poco più di un terzo della popolazione) sono quasi identici in entrambi i lati della linea di divisione del Donbas. Mentre questo è un sentimento minoritario tra la gente comune, quelli che affermano la maggiore importanza del “paese” esprimono la visione dominante e spesso l'unica accettabile di coloro che occupano posizioni di potere. Quale bandiera sventola dove è la preoccupazione principale.

L'esame delle risposte a queste tre domande per età e nazionalità rivelano un'importante asimmetria. All'interno dell'area controllata dal governo, le persone più anziane e quelle che si identificano come russe hanno meno fiducia nelle autorità e concordano più fortemente con l'affermazione secondo cui i bisogni materiali sono più importanti che la bandiera sotto cui vivono. Nelle autoproclamate DNR/LNR sono le persone più giovani e quelle che si identificano come ucraini ad esprimere questi sentimenti con più forza.

Il grado di fiducia nelle autorità locali su entrambi i lati della divisione territoriale nel Donbas è un fattore cruciale che determina il futuro della regione. Per certi aspetti fondamentali, le aspirazioni della maggioranza delle persone su entrambi i lati sono le stesse. Tuttavia, questo conflitto non ha mai riguardato soltanto il Donbas: riguarda anche lotte geopolitiche più ampie. Finché queste dureranno, è probabile che il conflitto nel Donbas persista e che le linee sul terreno e nella mente dei residenti diventino più radicate.

Gli autori riconoscono il finanziamento di questo lavoro da una sovvenzione congiunta della National Science Foundation/Research Council UK (NSF award #1759645; ESRC award #ES/S005919/1) e da ZOiS (Centre for East European and International Studies), Berlino

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.