chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Migliaia di fenicotteri trovati morti nell'Anatolia centrale

Un fenicottero motrto nel lago Tuz. Lo screenshot è stato preso da The Independent's video, “Moria di massa di fenicotteri nel lago essiccato della Turchia filmata da un drone.”

Il lago Tuz (lago salato), un lago a bacino chiuso nella provincia anatolica centrale di Konya, è il secondo lago più grande della Turchia. Ospita [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] molte specie endemiche che vanno da uccelli, insetti, mammiferi e specie di piante. Nel 2000, il lago è stato dichiarato area biodiversa protetta. È anche una casa temporanea per molti uccelli migratori – compresi i fenicotteri. Il lago è adatto per l'incubazione e l'alimentazione e permette anche ai fenicotteri di allattare la loro prole senza la minaccia dei predatori. I laghi più piccoli nelle vicinanze sono una fonte di cibo e nutrimento per questi uccelli.

Per questo motivo, ogni anno, a marzo, migliaia di fenicotteri migrano verso il sud del lago Tuz, guadagnandosi il soprannome di “paradiso dei fenicotteri”. Secondo il Ministero dell'Ambiente e dell'Urbanizzazione, nel 2018 un totale di 12.746 fenicotteri si è schiuso qui e nel 2019 questo numero ha raggiunto 20.381 fenicotteri. Ogni anno, almeno 10.000 fenicotteri nascono qui. Ma la stagione migratoria di quest'anno ha affrontato un ostacolo inaspettato: circa 5.000 fenicotteri neonati sono stati trovati morti.

Alcuni hanno attribuito le morti alla siccità che ha afflitto l'Anatolia centrale – una zona particolarmente secca che è stata ulteriormente messa sotto pressione dal riscaldamento globale. Quest'anno, le acque del lago Tuz si sono ritirate di quasi 10 chilometri. Alcuni fenicotteri che si sono schiusi non sono stati in grado di raggiungere l'acqua e sono morti per malnutrizione. Mehmet Emin Öztürk, un fotografo della fauna selvatica, ha detto a TRT:

This province resembled a paradise for birds. When I came this year, I saw hell instead. Hundreds, if not thousands of flamingos were dead, and the bird population drastically decreased. When I came to this area before, it was a wetland, but now, it is dusty. Almost 10 kilometers of water has receded. This is a great alarm.

Questa provincia sembrava un paradiso per gli uccelli. Quando sono venuto quest'anno, ho visto invece l'inferno. Centinaia, se non migliaia di fenicotteri, erano morti, e la popolazione di uccelli è diminuita drasticamente. Quando sono venuto in questa zona in precedenza, era una zona umida, ma ora è polverosa. Quasi 10 chilometri di acqua si sono ritirati. Questo è un grande allarme.

Altri hanno citato le pratiche agricole del paese come causa della tragedia di quest'anno. Le dighe piazzate sui canali vicini deviano l'acqua dal lago, e le fonti d'acqua sotterranee sono spesso sovrasfruttate. Parlando a Demirören Haber Ajansı, il vice presidente dell'Associazione dei fotografi di Aksaray, Fahri Tunç, ha detto:

It is said that there is no water left in the water canals in the area, but that is not the case. Rather, they are blocked by erected sets, and through them, waters are redirected to the crop fields. Thus, no water reaches Lake Tuz, and the animals don’t have access to food or water. I am calling on authorities: we should be sensitive to this topic.

Si dice che non ci sia più acqua nei canali della zona, ma non è così. Piuttosto, sono bloccati da barriere erette, e attraverso di esse, le acque vengono reindirizzate verso i campi coltivati. Così, nessuna acqua raggiunge il lago Tuz, e gli animali non hanno accesso al cibo e all'acqua. Faccio appello alle autorità: dovremmo essere sensibili a questo argomento.

Tunç ha descritto la morte degli uccelli come un massacro non solo per i fenicotteri ma anche per altre specie.

In un’intervista con Hurriyet Daily News, il presidente dell'associazione turca per la natura Dicle Kılıç ha convenuto che la colpa è delle “politiche agricole e di irrigazione sbagliate”, piuttosto che della siccità [tr]:

Non è perché i canali che alimentano il lago si sono asciugati. Questo viene dalla barriera. C'è acqua nei canali. È solo che quest'acqua è stata bloccata per raggiungere il lago. Potete vedere nel video. Tutto questo filmato ci è stato inviato dal nostro amico Fahri Tunç.

Il ministro dell'agricoltura e delle foreste, Bekir Pakdemirli ha respinto qualsiasi legame con le dighe nella zona. Parlando a un evento tenutosi a Istanbul, il ministro ha detto:

According to the analysis conducted by the veterinary school of Selcuk University (Konya), there is no sign of poisoning. With less water and increased concentration ratio in the water, we observe deaths of flamingos which are unable to fly. I want to stress that there is no direct or indirect connection between this incident and the wells in the area or the agricultural irrigation.

Secondo l'analisi condotta dalla scuola veterinaria dell'Università di Selcuk (Konya), non ci sono segni di avvelenamento. Con meno acqua e l'aumento del rapporto di concentrazione nell'acqua, si osservano morti di fenicotteri che non sono in grado di volare. Voglio sottolineare che non c'è nessuna connessione diretta o indiretta tra questo incidente e i pozzi della zona o l'irrigazione agricola.

Il governatorato di Konya ha pubblicato una dichiarazione sul suo sito web, dicendo di aver creato una commissione per indagare sulla morte di massa dei fenicotteri, e ha promesso di trovare soluzioni.

Vecchio e nuovo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.