chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Lezione di danza del ventre nella palestra femminile del Kuwait suscita clamore, spingendo l'intervento del governo

Diversi legislatori dell'Assemblea Nazionale del Kuwait hanno fatto pressione sul governo per chiudere il club di fitness per donne. Foto di pubblico dominio.

Diversi legislatori dell'Assemblea Nazionale del Kuwait hanno fatto pressione sul governo per chiudere il club di fitness per donne. Foto di pubblico dominio.

Questo pezzo è stato originariamente pubblicato [en] su Raseef22, una piattaforma mediatica araba indipendente, il 13 agosto 2021, e una versione modificata viene ripubblicata sotto un accordo di condivisione dei contenuti.

Il Ministero del Commercio e dell'Industria del Kuwait si è affrettato a chiudere un club sportivo e ha sospeso tutti i suoi attivisti per il prossimo futuro, in risposta a una crisi scatenata dalle proteste popolari e parlamentari sulla classe di danza del ventre del fitness club.

In dichiarazioni esclusive al canale Al-Hurra, con sede negli Stati Uniti, il manager del club ha confermato [ar, come i link seguenti] che il ministero gli aveva ufficialmente notificato la chiusura il 9 agosto, e che lui – insieme ad altri responsabili del club – è stato convocato per le indagini. Il Ministero del Commercio e dell'Industria aveva infatti già chiuso il club un giorno prima, l'8 agosto, prima ancora di avvisare il suo proprietario:

La gente di Al-Jahra chiede il divieto del corso di danza del ventre in una palestra per donne nel quartiere di Al-Jahra. Hanno rifiutato il sostegno di tali corsi che non è adatto alla società kuwaitiana, in particolare ad Al-Jahra.

La crisi è iniziata quando una palestra per signore chiamata “Viva Fit” nel governatorato settentrionale di Al-Jahra, che ospita una popolazione in gran parte tribale e conservatrice, ha pubblicato un annuncio per un corso di danza del ventre per sole donne dall'8 al 24 agosto, per una quota di iscrizione di 78 dinari kuwaitiani (circa 260 dollari).

La pubblicità ha scatenato un'ampia controversia, spingendo diversi deputati dell'Assemblea Nazionale del Kuwait a esprimere le loro preoccupazioni sulla natura della classe, affermando che violava i valori della società kuwaitiana. Questo ha costretto le autorità ad annunciare la chiusura della palestra e a convocare i responsabili per un'indagine.

Fonti dei media kuwaitiani hanno dichiarato che il Dipartimento di Controllo Commerciale del Ministero del Commercio seguirà le procedure di chiusura rimanenti.

Rifiuto e difesa

Dietro la decisione di chiudere il club c'era la pressione esercitata da alcuni parlamentari, tra cui il rappresentante Fayez Ghannam Al-Jumhour, che ha annunciato sul suo account Twitter:

Ho chiamato il ministro del Commercio e dell'Industria, Dr. Abdullah Al-Salman, e l'ho informato di questa violazione della licenza (permesso legale) e dei nostri valori, e mi ha assicurato che prenderà misure legali contro il titolare della licenza e impedirà che tali offerte promozionali siano fatte in futuro”. Ha aggiunto che “Noi eravamo, siamo ancora, e – a Dio piacendo – continueremo ad essere una pietra d'inciampo per coloro che vogliono allontanare la società kuwaitiana dalla sua religione, dai suoi costumi e dalle sue tradizioni”.

Nel frattempo, molti altri cittadini del Kuwait consideravano questi corsi una cosa “normale” che si può trovare in tutte le palestre e i club del Kuwait.

In difesa della danza del ventre, la scrittrice e attrice kuwaitiana May al-Eidan ha scritto su Twitter:

Voglio dire, tutti i problemi del paese sono stati risolti in modo che ciò che è rimasto è la chiusura di un istituto o di una palestra che ha un corso di danza del ventre? Qual è il problema? Forse lei [una signora] sta imparando a ballare per poter ballare per suo marito per renderlo felice, o con i suoi amici ad un matrimonio o ad un evento. Solo perché [una signora] sta imparando a ballare non significa che sia per ballare in un nightclub o in casa di qualche giovane uomo. Tu vedi le cose solo attraverso una mente sporca.

Un altro oppositore kuwaitiano della decisione ha scritto:

Una palestra per donne…
Solo per donne…
Come tutti gli altri diversi club di fitness per donne in Kuwait, che offre vari corsi sportivi e classi di tutti i tipi, compresa la danza del ventre.
Dov'è il problema?
Tutti i club sportivi per sole donne offrono questi tipi di corsi, danza del ventre, zumba, hip hop ecc.
Perché questa discriminazione?

Secondo i tweet di alcune donne kuwaitiane e di alcuni giornali locali online, molti club di fitness in Kuwait organizzano e tengono corsi di danza del ventre come parte dei loro programmi di dimagrimento e fitness. Tuttavia, devono richiedere e ottenere licenze speciali per tenere questi tipi di corsi.

Il direttore del fitness club ha detto al giornale online kuwaitiano Jaridatkum che il corso che ha scatenato il dibattito doveva essere rigorosamente allenato e insegnato da istruttori di fitness donne e frequentato esclusivamente da donne.

L'incidente è avvenuto poco dopo che un altro membro della popolazione apolide del paese, noto anche come bidoon [it], si è suicidato, l'ultimo di una serie di suicidi che riflettono la frustrazione decennale della comunità sul loro status legale sospeso, e l'approccio ozioso dei politici nel gestire la loro aggravante.

Riferendosi a questo incidente, un utente di Twitter ha scritto:

Sono sorpreso dalla società civile del Kuwait.
Si indigna per una lezione di danza del ventre in un istituto femminile, e non si indigna per un musulmano che si toglie la vita. #Priority_to_bidoons

Il Kuwait ospita l'unica assemblea liberamente eletta del Golfo Arabico e ha il sistema politico più democratico della regione.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.