chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Turchia e Armenia pronte a ‘normalizzare i rapporti’ dopo quasi 30 anni

“Il confine turco Turkish border” di Dumphasizer, sotto licenza CC BY-SA 2.0

La Turchia ha chiuso il proprio confine [en, come tutti i link successivi] con l'Armenia nel 1993, durante la prima guerra del Nagorno Karabakh, al fine di dimostrare la propria solidarietà con l'Azerbaigian, con cui è alleata da molto tempo. Dopo quasi 30 anni, la Turchia sta considerando l'idea di riaprire il confine in seguito alla vittoria dell'Azerbaigian nella seconda guerra del Nagorno Karabakh, nel 2020.

Durante la visita in Azerbaigian del Presidente turco Recep Tayyip Erdogan nel dicembre 2020, ha affermato: “Se si adottano misure positive a riguardo, apriremo le nostre porte”. Un mese dopo, un consigliere anonimo di Erdogan ha detto al giornalista turco Asli Aydintasbas che Ankara era pronta a “normalizzare le relazioni con l'Armenia.”

A febbraio del 2021, il Ministro degli Esteri Mevlüt Çavuşoğlu ha condannato il possibile tentativo di golpe contro il Primo Ministro dell'Armenia's, Nikol Pashinyan, che ha affermato lo Stato Maggiore ha rilasciato una dichiarazione in cui chiedeva le sue dimissioni.

Il 24 aprile 2021, durante una riunione con il Patriarca armeno Sahak Maşalyan, Erdogan ha detto: “È giunto il momento per noi di svelare che noi, in quanto Turchi e Armeni, abbiamo raggiunto una maturità tale da superare insieme tutti gli ostacoli.”

“Tutti vincerebbero”  se ci fosse un ampio accordo regionale, ha affermato l'ex Primo Ministro della Turchia Ahmet Davutoglu a The Economist nel maggio 2021.

“In quanto Stato senza sbocco sul mare, un confine aperto e un commercio attivo potrebbero facilitare lo sviluppo economico e diminuire la povertà nel Paese,” hanno scritto Hans Gutbrod, un professore della State University di Tbilisi, e David Wood, un professore della Seton Hall University nell'articolo di giugno 2021 per la Politica Estera. Aggiungendo “Il riavvicinamento con Ankara potrebbe anche permettere a Yerevan di affrontare la sua quasi totale dipendenza dalla Russia, promuovendo così una maggiore stabilità regionale. E anche la Turchia ne beneficerebbe, specialmente grazie ad un aumento del commercio.”

Ad agosto, poi, il Primo Ministro dell'Armenia, Nikol Pashinyan, ha dichiarato che il Paese era pronto a rafforzare i legami con la Turchia in seguito a segnali positivi provenienti da Ankara. Il Parlamento del Paese ha approvato un piano quinquennale, stipulando che l'Armenia era “pronta a fare uno sfrozo per normalizzare i legami con la Turchia.” Mentre il piano è stato approvato, è stato duramente criticato dai parlamentari di opposizione, secondo un rapporto di Civilnet.am.

Le intenzioni in buona fede si sono anche riflesse in Armenia, aprendo il proprio spazio aereo ai voli di Turkish Airline diretti a Baku.

Il 29 settembre, il portavoce presidenziale della Turchia İbrahim Kalınm ha dichiarato in un canale televisivo turco: “In teoria, siamo positivi circa la normalizzazione dei rapporti con l'Armenia. La ragione principale per la quale abbiamo terminato le nostre relazioni diplomatiche e chiuso il nostro confine nel 1992 è stata l'occupazione di Karabakh. Una volta risolto questo problema, non ci saranno, difatti, ostacoli alla normalizzazione con l'Armenia.”

La Turchia e l'Armenia and Armenia erano vicine dal trovare un punto d'intesa nel 2008, quando l'allora Presidente Abdullah Gul si recò a Yerevan per assistere alla prima delle due partite di qualifica per i mondiali tra Turchia e Armenia. Un anno dopo, Serge Sarkisian, il Presidente dell'Armenia, si recò nella provincia turca di Bursa per assistere ad un'altra partita di calcio tra le due squadre nazionali. Il gioco e la visita di Sarkisian in Turchia ha seguito la firma di una serie di protocolli a Zurigo, che sono stati creati con lo scopo di normalizzare i rapporti tra i due Paesi. Descritte allora come “una diplomazia calcistica,” le trattative alla fine sono fallite, dopo che la Turchia si è ritirata a causa della crescente pressione da parte dell'Azerbaigian. L'Armeni ha formalmente dichiarato i protocolli nulli e non validi nel 2018.

Adesso, le probabilità che l'Azerbaigian interferisca sono diminuite. “Prima del ritiro dell'Armenia da questa regione, Baku vedeva l'apertura dei confini della Turchia come un tradimento e la criticò duramente. Adesso, dopo la tregua, questo problema è fuori discussioni e non sarà una sorpresa vedere un tono più mite dall'Azerbaigian rispetto al 2009,” ha affermato l'analista politico di Ankara Hasan Selim Özertem in un'intervista con Eurasianet.

In Armenia, ci sono opinioni differenti riguardo come possa risolversi questa nuova relazione bilaterale, secondo il giornalista Ani Mejlumyan che scrive per Eurasianet:

Most Armenian analysts and officials believe that Yerevan should pursue normalization with Ankara one on one, without Russia, Azerbaijan, or anyone else getting involved. Turkey, meanwhile, appears to be more interested in pursuing normalization in the framework of its proposed “3+3” platform, a regional body made up of the South Caucasus states and their neighbors: Armenia, Azerbaijan and Georgia, plus Iran, Russia, and Turkey.

Molti analisti e ufficiali armeni credono che Yerevan dovrebbe perseguire la normalizzazione con Ankara a tu per tu, senza il coinvolgimento di Russia, Azerbaigian o chiunque altro. Nel frattempo, la Turchia sembra essere più interessata nell'ottenimento della normalizzazione nel quadro della piattaforma da lei proposta “3+3″, un organismo regionale composto dagli Stati del Caucaso meridionale e dai Paesi limitrofi: Armenia, Azerbaigian, Georgia, Iran, Russia e Turchia.

Il ruolo che la Russia giocherebbe resta da vedere. Parlando al forum New Knowledge di Mosca il 3 settembre, il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato: “Ora che la guerra del Nagorno Karabakh è terminata, ci sono le basi per sbloccare il processo politico, i trasport e i rapporti economi.” Nel 2009, la Russia ha apertamente incoraggiato la “diplomazia calcistica” del Paese e si è detta favorevole alla firma dei Protocolli di Zurigo.

Tuttavia, vi sono anche delle “dimensioni morali” in ballo, secondo Hans Gutbrod e David Wood:

To achieve more effective, mutually beneficial relations, both the Armenian and Turkish governments should work to reframe the Armenian genocide—and the wider suffering that accompanied the downfall of the Ottoman Empire—as a shared history. This is an inevitably long, emotionally strenuous process. For Armenia, it means shifting toward a diplomacy that invites Turkish society to engage—whether through exhibitions, travel, or academic and cultural exchange. Indeed, Armenian and Turkish societies have far more in common than what divides them. They may find the same in their histories.

Per raggiungere delle relazioni più efficaci e reciprocamente vantaggiose, i governi turco e armeno dovrebbero darsi da fare per guardare al genocidio armeno, e all'immensa sofferenza che ha accompagnato la caduta dell'Impero Ottomano, come una storia in comune. Si tratta inevitabilmente di un processo lungo ed emotivamente intenso. Per l'Armenia, significa optare per una diplomazia che invita la società turca ad impegnarsi, che sia attraverso mostre, viaggi o scambi accademici e culturali. Infatti, le società armena e turca hanno molte più cose in comune di quelle che le dividono. Potrebbe trovare qualcosa lo stesso nelle loro storie.

Un modo perché ciò accada sarebbe focalizzarsi sulle azioni e sulle esperienze individuali piuttosto che sulle “punizioni collettive”,  sostengono Gutbrod e Wood. Entrambi notano che le storie di coloro che hanno espresso la propria solidarietà con gli Armeni sono rimaste in gran parte non raccontate, e forse adesso è il momento giusto per andare avanti, per ricostruire dei legami. Ma questo dipenderebbe dalle volontà di entrambe le parti. Secondo il piano d'azione adottato dal Parlamento armeno verso la fine di agosto, il governo armeno continuerà a fare pressione affinché “le capitali mondiali riconoscano il genocidio armeno,” che “rafforzerebbe il sistema di garanzie di sicurezza dell'Armenia.” Potrebbe rivelarsi più difficile. Ruben Melkonyan, uno studioso di studi turchi presso la Yerevan State University, sostiene che l'Armenia potrebbe dover rinunciare al riconoscimento del genocidio adesso che il Paese si trova “in una posizione debole”

Storie recenti Europa centrale & orientale

Le migliori storie dal mondo

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.