chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Immigrati latini negli Stati Uniti: la situazione è davvero cambiata?

I latinos sono la più grande minoranza negli Stati Uniti. Le loro condizioni di vita sembrano migliorare, come suggeriscono [en, come i link seguenti] studi e statistiche. Ma sebbene il tasso di povertà stia diminuendo, i latinos sono ancora tra i più poveri e i meno istruiti. Nel 2017, circa il 65% delle persone prive di documenti erano messicane e centroamericane; questi numeri comprendono l'esperienza vissuta di quasi sette milioni di persone, la maggior parte delle quali ha vissuto negli Stati Uniti per più di un decennio. 

Per gli immigrati senza documenti la vita è particolarmente dura. Poiché sono privi di documenti, essi mancano dei diritti fondamentali. Devono vivere nascosti e, nella maggior parte dei casi, sono alla mercé della buona volontà dei loro datori di lavoro o proprietari. Queste persone spesso danno loro lavoro in nero e li fanno lavorare per stipendi bassi, e con turni lunghi ed estenuanti. Il più delle volte, questi immigrati sono costretti a vivere in maniera precaria. 

Non essendo latino, il mio interesse per questo argomento è scaturito dall'osservazione di tali condizioni, che molte persone appartenenti a questa minoranza sono costrette ad affrontare ogni giorno. Nel 2017, mi sono trasferito a Los Angeles e ho trascorso circa un anno e mezzo lì. In quel periodo mi sono avvicinato alla comunità latina, stringendo amicizia al suo interno, parlando con decine di persone di diversa estrazione e frequentando sporadicamente le chiese latine.

La parola “Latino” è un termine generico per le persone che si identificano come latinoamericani. La definizione è ampia e comprende molte esperienze vissute in termini di status socio-economico, istruzione, etnia e genere. Per questa storia, ho parlato con immigrati di prima e seconda generazione provenienti dal Messico e dall'America Centrale, che lavorano nell'edilizia, nell'industria del lavoro di cura e nelle fabbriche negli Stati Uniti. 

Oscar M., 43 anni, è diventato un operaio edile quando è arrivato per la prima volta negli Stati Uniti dal Messico. Quando ho parlato con lui, viveva nel cantiere stesso a Los Angeles, perché non poteva permettersi l'affitto. Oscar afferma che i suoi datori di lavoro si aspettavano che si trasferisse direttamente sul luogo di lavoro per essere più disponibile. Lavorare lì era il modo più veloce per guadagnarsi da vivere per qualcuno che non aveva altro che le proprie mani. Per anni ha trovato lavoro attraverso le voci di corridoio all'interno della comunità, con suggerimenti provenienti da amici e colleghi. 

Si intrufolava da un cantiere all'altro, sperando che l’Immigration and Customs Enforcement (ICE) non lo trovasse. La sua macchina era la sua oasi, la sua bolla di intimità quando faceva il pendolare per la città. Ma una multa per un fanale posteriore che non funzionava poteva essere sufficiente per mettere a rischio la sua permanenza. 

Ora, Oscar è un residente permanente. Mi ha detto che la sua situazione non è cambiata molto. Tuttavia, non ha più paura di essere fermato dalla polizia. Dato che è messicano, dice che le persone per cui lavora si aspettano che “svolga i compiti che nessuno vuole”.

Si aspettano che lavori più a lungo e “svolga il lavoro pesante”. Vorrebbe trovare un lavoro più gratificante, ma non è facile quando hai le bollette da pagare e una famiglia da sfamare. “Questa è la terra delle opportunità, è vero. Ma quando corri sempre il rischio di dormire per strada, continui a fare quello che già fai. E speri che domani vada meglio”.

Foto di Thomas Hawk/Flickr (CC BY-NC 2.0)

Rappresentanti e volontari delle chiese latine di Los Angeles mi raccontano di persone “senza nome” agli occhi della società, che lottano per sopravvivere entro la fine del mese, chiedendo cibo e vestiti. Raccontano di persone oberate di lavoro, consumate dal puro sforzo fisico che devono compiere giorno dopo giorno lavorando nei campi, nei lavori domestici, nell'industria edile o nelle fabbriche. A volte anche i lavoratori latinoamericani subiscono incidenti sul lavoro, lasciandoli storpi, senza essere risarciti per le lesioni subite e senza possibilità di accesso all'assistenza sanitaria. 

Anche i latinos con permesso di lavoro denunciano condizioni simili, anche se più miti. Vengono dati loro lavori pericolosi, a basso reddito, con orari di lavoro lunghi. Lavori che vengono pagati in modo decente solo quando il numero di ore di lavoro è estremamente elevato, come nei fast food, nei call center, nell'edilizia e nelle fabbriche. Ci sono immigrati laureati che devono passare la vita come magazzinieri. Il più delle volte, la qualità dei loro benefici (copertura sanitaria, per esempio) non dipende dalla loro capacità o esperienza, ma solo dalle polizze dell'azienda per la quale lavorano, come molti di loro mi hanno confessato. Le loro vite dipendono interamente dalle decisioni dei loro datori di lavoro.

María Rosa S., 58 anni, è diventata residente molto prima di Oscar. Non appena ha ottenuto il permesso, ha iniziato a lavorare per un grande supermercato come donna delle pulizie durante il turno di notte. Dice che basta avere una vita “quasi decente”, visto che tutto quello che riesce a risparmiare, lo invia ai suoi parenti in El Salvador, per aiutarli a tirare avanti.

Sono ormai 13 anni che María Rosa non torna in El Salvador, il suo paese natale, e quindi da 13 anni non vede i suoi figli. I documenti per portarli negli Stati Uniti sono quasi impossibili da avere, afferma la signora. I biglietti aerei sono costosi, quindi preferisce risparmiare.

I promettenti miglioramenti della società richiedono tempo per diventare permanenti. E continuare a dare voce ai membri emarginati di questa vasta comunità rimane uno dei modi più efficaci per avere un'idea non solo delle loro difficoltà, ma anche dei punti sui quali è necessario intervenire.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.