chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Il Grande Movimento di Traduzione cinese denuncia la propaganda cinese o diffonde odio?

Uno screenshot dall’account Twitter di The Great Translation Movement. A sinistra: commenti di utenti cinesi sulla crisi ucraina; a destra: una video intervista a dei bambini Uighur riguardo la loro istruzione.

Reddit, una delle più popolari piattaforme online di social media, ha recentemente rimosso [zh, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] il canale cinese (subreddit) “Chonglang TV” dopo che degli utenti hanno iniziato un movimento chiamato “la grande traduzione”.

Gli utenti di lingua cinese hanno allora lasciato Reddit e portato il movimento su altre piattaforme social tra cui Twitter, Facebook, Instagram e Telegram, con l'hashtag #TheGreatTranslationMovement (#大翻译运动). L’obiettivo del gruppo è di esporre i punti di vista dei patrioti cinesi estremisti e contrastare la propaganda cinese, traducendo contenuti problematici dal cinese.

Il movimento di traduzione si è formato spontaneamente alla fine di febbraio quando alcuni utenti cinesi di Reddit hanno iniziato a tradurre e a criticare le discussioni sui social media cinesi su “Chonglang TV”, a proposito della crisi ucraina. Hanno denunciato anche delle battute sessiste che insinuavano che le donne ucraine [en] avrebbero trovato rifugio in Cina sposando uomini cinesi. In seguito a una violenta reazione online, la propaganda cinese è intervenuta per fermare le battute.

Da quel momento, diversi utenti cinesi di Reddit si sono dedicati alla traduzione del punto di vista dei social media cinesi sulla crisi ucraina. Tuttavia, agli inizi di marzo, man mano che questa azione ha iniziato ad attirare l'attenzione del pubblico, Reddit ha chiuso il canale “Chonglang TV”, che aveva più di 53.000 membri, adducendo a problemi sulla privacy: l'identità di un utente cinese a favore della Russia è stata esposta sul canale.

L'account Twitter ufficiale [en] del Grande Movimento di Traduzione ha accumulato più di 15.000 follower in meno di tre settimane. In media, crea 5-10 post al giorno, mettendo in risalto i patrioti cinesi o le reazioni antagoniste ai fatti di attualità dei cosiddetti “Little Pinks” [it], notizie internazionali e incidenti online. Di seguito un tipico esempio dei loro post:

Senza il supporto della Cina alla Russia, non ci sarà guerra, figuriamoci qualcosa in seguito per sistemare le cose.

Il movimento online ha presto catturato l'attenzione del Global Times, uno dei principali media cinesi finanziati dallo stato. In un editoriale, Wang Qiang, un giornalista con un passato militare, etichetta l'azione degli utenti come parte delle “Rivoluzioni Colorate”, un movimento per cambiare il sistema politico monopartitico della Cina:

与以往抹黑中国人的日常行为习惯不同,此次行动明确将所谓的中国人负面形象产生原因归咎于中国政府,[…] 通过抹黑中国人民来抹黑中国的政治体制,从而妄图达到在中国掀起“颜色革命”这一根本目标。

Diversa da altre campagne diffamatorie contro il popolo cinese, questa campagna incolpa il governo della Cina per il comportamento negativo degli utenti cinesi… Diffama il governo cinese diffamando il popolo cinese e il suo obiettivo finale è realizzare una “Rivoluzione Colorata” in Cina.

Oltre alle critiche dei media ufficiali cinesi, anche alcuni utenti cinesi all'estero hanno espresso preoccupazione per il fatto che la traduzione di hate speech sui social media potrebbe alimentare il sentimento anti-cinese tra le società occidentali. Per esempio, l'utente di Twitter @jeeplakeside ha commentato:

L'obiettivo del cosiddetto Grande Movimento della Traduzione è di intensificare e diffondere l'odio. Non è progressista, ha il suo programma e prende di mira un particolare gruppo etnico. Le conseguenze, però, non si limiterebbero ai cinesi ma a tutti gli asiatici. L'idea del fondatore è diabolica.

L'esiliato giornalista e veterano cinese Chang Ping, tuttavia, ha fatto notare che il Grande Movimento di Traduzione non contrasta il popolo cinese, ma la macchina di propaganda e censura che produce una grande quantità di “zombie” patriottici o i cosiddetti Little Pinks:

怎樣跟殭屍作戰呢?也許苦口婆心講道理也能讓有些殭屍幡然醒悟吧。但是,更重要的幫助它們解除巫師的魔咒。在各種傳說中,殭屍都害怕陽光。這就是為什麼俄羅斯、中國和北韓都要對網路實行嚴密封鎖的原因。

Come contrastare gli zombie? Si potrebbero convertire alcuni di loro attraverso la persuasione. Ma il modo migliore è rimuovere i loro incantesimi. Gli zombie hanno paura della luce del sole, ecco perché Russia, Cina e Corea del Nord hanno imposto una severa censura su Internet.

Anche Cai Xia, una professoressa in pensione della Scuola Centrale del Partito Comunista Cinese, supporta l'iniziativa:

Sostengo il Grande Movimento di Traduzione iniziato dagli utenti. La traduzione non solo mostra come la dittatura del Partito Comunista Cinese (PCC) avveleni il suo popolo con un'ideologia tossica e ne distorca pensieri e sentimenti, ma rammenta anche ai governi e ai popoli di altre nazioni di essere consapevoli della propaganda e della diffusione di disinformazione del PCC – e come esso usi la disinformazione per distorcere l'opinione pubblica. Di fronte all'invasione russa dell'Ucraina, il blocco di potere di Xi aiuta Putin nella sua guerra di informazione […]

Alcuni utenti ritengono che gli organizzatori del Grande Movimento di Traduzione dovrebbero rivedere e fornire più contesto per le traduzioni in modo da prevenire la diffusione dell'odio contro i cinesi.

Altri credono che gli sforzi traduttivi stiano creando un dilemma per le autorità di censura cinesi. Nello specifico, se censurano contenuti problematici dei Little Pinks, questi ultimi potrebbero perdere dei sostenitori; se le autorità li ignorano, li stanno tacitamente approvando.

Di fronte a un tale dilemma, Wang Qiang del Global Times afferma che la propaganda cinese dovrebbe consolidare il proprio team di traduzione d'élite al fine di diffondere storie positive sulla Cina.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.