chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Macedonia: l'uso dei nuovi media in campagna elettorale

MacedoniaGli autori del blog macedone sui media Komunikacii.net, hanno analizzato (MKD) l'utilizzo “senza precedenti” di Internet e dei nuovi media dai principali partiti politici nella campagna per le prime elezioni parlamentari, previste per il 1 Giugno 2008.

Gli esperti di media Sead Dzigal e Darko Buldioski forniscono un'analisi congiunta della presenza su web del principale partito, VMRO-DPMNE, e del primo partito dell'opposizione, SDSM:

Bene: uso di blogs, YouTube , Myspace, Facebook, Hi5 ecc.
[…]
Bene anche: uso di video, audio, invio documenti, commenti, ecc.

La maggior parte – meglio, tutti – dei materiali della campagna sono inoltre online. I siti web sono aggiornati regolarmente… e c'è un uso pesante di servizi online gratuiti, apparentemente per ridurre i costi, che sembra una mossa intelligente

International Macedonian Revolutionary Organization

Democratic Party for Macedonian National Unity Social Democratic Union of Macedonia

Male: la porzione “sociale” è assente nel ricorso ai social media. I post dei blog sono prevalentemente trascrizioni dei discorsi elettorali, e il contenuto è fondamentalmente riciclato dalle TV commerciali e da altri materiali predisposti per i media tradizionali, analisti, giornalisti e soggetti simili, ma non è pensato per il blog. I post sono lunghi, ogni testo si rivolge a target diversi, e manca l'esperienza personale o l'input dei politici. Mancano persino impressioni sugli eventi citati, privando così il blog della prospettiva personale decisamente essenziale. I video clip sono fatti per la TV e non per i vlog, le campagne stampa non sono adatte ai media virali, le foto sono decorative e prive di informazioni intrinseche. […]

Probalbilmente queste sono le ragioni per cui questi blog non ricevono molte visite, ci sono pochi commenti, e sono semplicemente ignorati dalla discussione politica generale (almeno per ora).

Per concludere […], è importante che i partiti politici adottino nuove opzioni e canali per la propaganda elettorale, ma gli effetti saranno probabilmente assai ridotti, perché i siti web sono usati come cataloghi o magazzini per caricare materiali invariabilmente prodotti per le campagne elettorali della Macedonia.

In un commento allo stesso post, uno dei principali blogger locali Ribaro, ha scritto (MKD):

La cosa più interessante relativamente alla grande quantità di blog creata dai partiti politici per queste elezioni è che hanno qualche idiota incompetente incaricato di rispondere ai commenti degli utenti. Per esempio la risposta ad alcune domande rilevanti fatte da una persona è stata: “Chi è che scrive?” Complimenti! Finché sminuiranno il potere del blog e della blogosfera, i loro blog riceveranno un flusso irrilevante di visitatori composto solo dai loro adoranti membri di partito. La situazione è la stessa delle elezioni del 2006. Aumentano in quantità, ma non di un centimetro in qualità.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.