chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Bielorussia: attentato, arresti e solidarietà dei blogger

Una decina di giorni fa, una rudimentale bomba imbottita di viti e bulloni è stata fatta esplodere tra le migliaia di persone radunatesi per il concerto del Giorno dell'Indipendenza nel pieno centro di Minsk, nei pressi del monumento alla Seconda Guerra Mondiale. L'esplosione è avvenuta poco dopo la mezzanotte del 4 luglio. Circa 54 le persone ferite. il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko, che al momento si trovava nelle vicinanze, è rimasto illeso.

A seguito dell'incidente, la polizia ha interrogato diversi esponenti dell'opposizione bielorussa ed attivisti per i diritti umani, perquisendone abitazioni ed uffici. Il 9 luglio è stato notificato il fermo a quattro persone: Sergei Chislov, Igor Korsak, Viktor Leshchinsky e Miroslav Lozovsky, tutti appartenenti alla Legione Bianca, il movimento giovanile dell'Unione Bielorussa dei Militari, messa fuorilegge nel 1996.

Andrei Khrapavitsky di Belarusan American Blog, sito che da poco ha ripreso l'attività, ha scritto [in] dell’esplosione e dei successivi arresti – così come della reazione dei blogger bielorussi:

[…] Credo non ci sia blogger in Bielorussia che non abbia commentato l'incidente. La gente si interroga sull'accaduto e sulle sue probabili conseguenze. Ci sono diverse teorie, ma dubito che abbia senso ricapitolarle tutte. Una cosa è certa. Questo è il primo attacco terroristico di una certa entità in Bielorussia. Anche se il regime stesso non fosse coinvolto (e probabilmente non lo è, così come sostengono i principali analisti come Silitski e Feduca), è molto probabile che l'attacco venga strumentalizzato per intimidire l'opposizione. Un attentato può tornare particolarmente molto utile in questa situazione, dato che è avvenuto pochi giorni dopo l'avvio della campagna elettorale per l'elezione del nuovo parlamento.

L'utente LiveJournal kabierac ha pubblicato sul suo blog la poesia “Prima vennero…” di Martin Niemöller, invitando gli altri blogger bielorussi ad usare lo stemma della Legione Bianca come avatar in segno di solidarietà con i quattro arrestati. Il suo post [be, ru] è tra i trenta più letti sul portale Yandex Blogs.

stemma della Legione Bianca

Molti blogger bielorussi hanno aderito all'iniziativa. L'utente LiveJournal coipish è uno di questi; secondo alcune fonti [bi], anche lui sarebbe stato arrestato dalla polizia. Aveva scritto [bi, ru]:

Quello che vedete come mio avatar è lo stemma che veniva usato da un'organizzazione chiamata Legione Bianca, i cui ex-appartenenti vengono ora indicati come responsabili dell'attentato. Mi unisco all'iniziativa di solidarietà, perlomeno cambiando l'avatar. Sono vicino a tutte le vittime di questo attacco terroristico, ma, sfortunatamente, è improbabile che si trovino mai i veri responsabili :((

L'utente di LiveJournal z_hunter ha scelto un'altra immagine – lo stesso stemma, ma con colori diversi.

stemma della Legione Bianca

Questo il motivo (spiegato in un commento sul blog di coipish):

z_hunter:

Un bel simbolo, ma i colori sono sbagliati. Nero e rosso non sono i nostri colori. Preferisco di gran lunga la versione in bianco e rosso.

kostas14:

Tradizionale per arte e cultura bielorussa. […]

z_hunter:

Esatto. Ma la bandiera rossa viene anche associata a periodi non proprio buoni nella storia di Unione Sovietica e Germania. E tutto questo ha avuto un effetto molto dannoso e deprimente sulla nostra Bielorussia.

Passando alle reazione tra i relativamente non politicizzati residenti di Minsk, il Kartina Mira (“Foto del mondo”), a cura di un cittadino russo residente in Bielorussia, riporta questa scena, presa da una conversazione ascoltata in un salore di bellezza:

[…]

[…]

- Oh, hai sentito dell'esplosione? Un attacco terroristico…

- Si. E dire che la Cecenia è tanto lontana. Sono proprio fuori controllo.

Vale a dire, questi fatti sono così insoliti per la Bielorussia che la gente comune riesce a fare un solo collegamento: “terrorismo = Cecenia”.

Ecco le realtà del paese in cui vivo. Quiete, pace, stabilità, tranquillità. Qualche volta persino noia. Comunque molto meglio di quello che hanno i nostri vicini.

1 commento

  • Sara

    Ciao. Sapete x caso qualcosa di una fabbrica “andata a fuoco” casualmente e inspiegabilmente ai primi di luglio? Non se ne parla da nessuna parte eppure sono certa k è andata a fuoco e non si sa il perché, si pensa sia doloso… Rispondete nella mia mail se sapete qualcosa… Grazie mille…

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.