chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Nicaragua: nuovo monopolio delle telecomunicazioni

Recentemente Carlos Slim, l'uomo più ricco del mondo, ha comprato il principale canale televisivo a pagamento del Nicaragua [sp]. ESTESA, la società che possedeva il canale, che già era de facto un monopolio, ora è parte dell'impero mediatico che Slim ha costruito in Nicaragua.

Al momento, Slim possiede ENITEL, che comprende CLARO (telefonia mobile), Turbonett (internet mobile), AMNET (banda larga), ENITEL (società ex-pubblica che controlla tutte le linee telefoniche fisse del paese), ed ESTESA.

Ad ogni modo, più grandi sono e più rumore fanno quando cadono. Negli ultimi 10 giorni, ci sono state notizie di alcuni problemi di accesso a dei blog ospitati su Blogger.com effettuati utilizzando la rete telefonica Turbonett. Alcuni dicono si tratti di problemi di natura tecnica, come il blogger Raùl Isaac Suàrez di El Econoscopio [sp], che ritiene si tratti di un problema riguardante un internet provider internazionale in Guatemala. Altri hanno provato a connettersi da luoghi diversi [sp] o, come Yahora ¿de qué vamos a hablar? [sp], utilizzando delle proxy [sp]. Il bug è stato risolto solo ieri, e Yahora ¿de qué vamos a hablar? fa la stima dei danni.

In un monopolio virtuale delle telecomunicazioni, non avere la possibilità di scegliere tra diversi provider può essere un serio problema se l'unico concorrente di mercato non riesce a garantire il servizio. Così alcuni utenti hanno iniziato a promuovere vie più “dirette” [sp] per dire alle società di Slim cosa vogliono [sp].

Nel suo blog [sp], Ramon spiega che più le società sono grandi e più è difficile risolvere eventuali problemi.

… Cuando esta empresa comienza a brindar el servicio de Internet, en uno que otro lugar del país, hacen un mercadeo masivo que depués no saben que hacer con la demanda por que no dan a vasto, no actualizan las “centralitas” a tiempo, por supuesto que las personas optan por el servicio DSL por ser menos costoso que el inalámbrico, cuando pasa esto las personas quedan con su contrato en la mano y en espera a que algún día llegue el servicio, ahh y otra de las excusas es que nunca tienen modems además que tenes que esperar como tres meses si es que todo esta bien si no …….

Quando questa compagnia inizierà ad offrire i suoi servizi internet nel paese, creerà una domanda superiore alla loro capacità di offerta. Basti dire che hanno già problemi di inventario nelle loro sedi locali. Naturalmente la gente sceglierà il servizio DSL, che costa meno, e loro la lascieranno con un contratto in mano, in attesa della loro connessione internet; in più, non avranno abbastanza modem, causando attese fino a tre mesi.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.