chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Oggi Portorico si ferma per lo sciopero generale, e l'informazione scorre online

Aggiornamento: qui una prima serie [in] di informazioni e testimonianze dirette.

Tutto pronto a Portorico [it] per sciopero nazionale [sp] previsto per oggi giovedì 15 ottobre. Da quando il governatore Luis Fortuño ha licenziato circa 17.000 impiegati governativi [it] la prima settimana di ottobre, c'è stata una forte mobilizzazione da parte di diversi settori della società civile: lavoratori e membri di unioni sindacali, donne, ambientalisti, studenti, e professori, tra gli altri. Ci sono state molteplici manifestazioni e azioni di disobbedienza civile per protestare contro le politiche economiche che il governo ha assicurato essere necessarie a causa della crisi finanziaria. In totale quest'anno, il governo eletto da poco ha licenziato circa 25.000 dipendenti pubblici.

Negli ultimi mesi è cresciuto il disaccordo tra il governo e diversi gruppi della società civile [sp]: gli ordini di sfratto [in] in comunità socialmente ed economicamente disagiate, le brutalità della polizia, e lo smantellamento di iniziative comunitarie come la Fideicomiso della Caño Martín Peña. Si è inoltre avuta una serie di commenti da parte di autorità governative considerati offensive e insensibili, come l'ormai tristemente famosa “Così è la vita” [in], e più recentemente, quando il responsabile dello staff governativo Marcos Rodríguez Ema ha paragonato i protestanti ai terroristi [sp]. Questo è il contesto dello sciopero nazionale di giovedì. In risposta a quest'ultimo commento, Tito Otero ha pubblicato il video di un ragazzino che suona il violino davanti al palazzo del Parlamento. Si può sentire il ragazzino dire: “Io non sono un terrorista. Credo nella giustizia per il mio Paese.”

Blogger e utenti di Twitter vanno preparandosi allo sciopero che mira a paralizzare il Paese per un giorno. Su Cargas and descargas [sp] Edwin Vázquez ha invitato blogger e cittadini ad usare Twitter [in] e Facebook [in] per diffondere informazioni sulla giornata di sciopero. Su @caribnews si sta decidendo quale hashtag [in] collettivo usare, e la conversazione è già in corso su #twittericans.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.