chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Iran: libertà per il blogger Hossein Derakhshan

Hossein “Hoder” Derakhshan

Il primo novembre 2009 è trascorso un anno dall'arresto del blogger iraniano Hossein “Hoder” Derakhshan.

Cyrus Farivar, giornalista e blogger statunitense, racconta [in] di essere stato in contatto con Hamed, fratello di Derakhshan, il quale gli ha riferito quanto segue:

I genitori hanno avuto di recente un incontro con il nuovo procuratore distrettuale, che ha permesso loro di cenare con il figlio, Hossein Derakhshan, nella prigione di Evin Prison giovedì 29 ottobre 2009. Ciò conferma che Hossein è detenuto nella prigione di Evin, ma la famiglia non sa quando le sarà consentito di visitarlo la prossima volta.

Il blogger iraniano Jooya, scrive [fa] che Derakhshan si trova ancora nella sezione 325 della prigione delle Guardie Rivoluzionarie. Secondo gli attivisti per i diritti umani, aggiunge Jooya, è rimasto in isolamento per quasi un anno.

Un gruppo di blogger iraniani ha deciso di aggiungere “Libertà per Hossein Derakhshan” alle testate dei propri blog per una settimana. Fanous Azad scrive [fa]:

Anch'io ho inserito “Libertà per Hossein Derakhshan” al titolo del mio blog.

E aggiunge:

. . . quando Hossein ha iniziato ad accusare gli altri ho smesso di leggere il suo blog, ma adesso ne difendo i diritti senza pensare al suo passato . . . Come ogni altro essere umano, anche Hossein dovrebbe avere diritto alla libertà di pensiero e d'espressione.

Parsanevesht chiede [fa] ai blogger di agire insieme per ottenere il massimo impatto in questa campagna.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.