chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Spazio e leadership alle donne del Congo contro gli abusi sessuali

“Il Congo orientale è oggi uno dei posti più pericolosi al mondo per una donna”, scrive Sadia Hamed nel blog Enough [en] segnalando l'inaugurazione di un nuovo centro di accoglienza per donne vittime di abusi sessuali a Bukavu. “La città della Gioia” è nata grazie all’impegno congiunto di Eva Ensler [it], fondatrice del movimento V-Day [it], dell’Unicef e della fondazione congolese Panzi. È un punto di riferimento per le donne di questo Paese dove i gruppi armati utilizzano lo stupro come arma di guerra [it] per intimidire e disperdere le comunità controllando il ricco mercato minerario della zona. “La città della gioia è il frutto di tanti anni di sangue, sudore, lacrime e sogni” spiega John Prendergast, co-fondatore del progetto Enough, “è un luogo di speranza per le donne e le ragazze di tutto il Congo orientale ma è anche il simbolo di un futuro migliore per il Paese e la sua gente”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.