chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Zambia: il figlio del Presidente minaccia un giornalista

Un importante giornalista dello Zambia [en, come gli altri link, se non diversamente indicato] è stato recentemente minacciato da James, figlio del presidente zambiano Rupiah Banda, in seguito a un articolo apparso sullo Zambian Watchdog, uno dei principali siti di giornalismo investigativo, in cui si accusava James di essere un ladro e di essere coinvolto in importanti affari governativi, e i funzionari della State House [sede del Governo] di ubriacarsi e iniziare a bere già dalle 15 nei giorni di lavoro. L'articolo era intitolato “Il figlio ladro del Presidente Banda e gli ubriaconi corrotti che gestiscono la Zambia State House”.

L'articolo era ricco di particolari sugli affari nei quali sarebbe coinvolto James, sui pub che i funzionari frequentano abitualmente e su quali bevande consumano.

Pare che il giornalista, Anthony Mukwita, redattore di the Bulletin and the Record e corrispondente dallo Zambia per Bloomberg abbia ricevuto una telefonata di James, che l'avrebbe accusato di essere l'autore dell'articolo, non firmato. Ultimamente sono circolati su Internet documenti e articoli anonimi non differenti da questo. Non è però chiaro perché James abbia preso di mira Mukwita.

Mukwita stesso non è sempre rimasto estraneo a polemiche. Nel 2004, durante un programma con telefonate in diretta di cui era il presentatore, aveva letto in diretta un fax, al tempo definito sedizioso dal governo. Sfuggì alle persecuzioni andando in Australia dove proseguì gli studi di giornalismo, prima di tornare in Zambia alla fine del 2009. Anche lo Zambia Watchdog non è estraneo a polemiche e casi giudiziari.

Lo scorso anno un esponente del partito di governo MMD [ Movement for Multiparty Democracy, Movimento per una democrazia multi-partitica al potere dal 1991] è stato messo in carcere per aver “aggredito dei giornalisti” [it] ma è difficile dire se la polizia zambiana prenderà provvedimenti per le minacce di James Banda a Mukwita, perché nel momento in cui la storia è stata riportata dallo Zambian Watchdog, i funzionari della stazione di polizia alla quale è stato denunciato il fatto stavano ancora consultandosi coi loro superiori.
Anche se l'articolo originale è già stato rimosso dal sito web dello Zambian Watchdog e da quello di Zedleaks, la notizia delle minacce, pubblicata sullo stesso sito, ha provocato molti commenti [ Nota: il sito non permette link permanenti ai singoli commenti]:

Punta ha scritto, il 27 aprile 2011 alle 19.41:

My advice to you James is that fight another category of people to fight. Journalists will finish you like nothing you know. Wait

James, il mio consiglio per te è che tu scelga un'altra categoria di persone da combattere. I giornalisti ti distruggeranno come neanche puoi immaginare. Aspetta

Chi…h Chobe (nome abbreviato perché troppo scurrile)ha scritto, il 27 aprile 2011 alle 20.21:

I hope the threats reported on Mukwita are not real. I find them if true a bit worrying to RB [President Rupiah Banda] and the MMD. The time for intimidating people who hold different opinions to yours is long gone. I had doubts over the Drunken Master and the Chines Bar story, however this has just been confirmed by the reaction of JIMBO (James Banda) and BLING BLING DICK (Dickson Jere, presidential aide in charge of public relations) head. There reaction is nothing but a confirmation of the story. Like they say the truth Hurts and we look forward to hurt those that peddle them. This Duo thinks they run Zambia and can do as they wish. Let me warn them that life has a tendency of catching up with crooks. You may run and hide some time but indeed not all the time. To the police and all those that like keeping quite when the MMD is involved in shoddy things time will come when your time of reckoning will present itself. Keeping quiet and ignoring an evil deed is the same as committing it yourself. Charles Taylor did not lift a gun to kill people in Sera Leon but is being prosecuted for crimes committed by those below him. Now I understand the frequent visits to Libya, i bet Jimbo was always on those trips and a bit of Gadhafi’s sons behavior has rubbed on him. If the duo feel they have been unjustly represented let them go to court is that what they have advising other to do. But this cant be ,for they know there is some truth to the story. Bravo to the writer of that article “Tujili jili ( a form of local spirit)Drinkers running state house” it really hit them below the b.a.l.s.

Spero che le minacce denunciate nei confronti di Mukwita non siano vere. Se lo sono, le trovo un po’ preoccupanti per RB [il presidente Rupiah Banda] e il MMD. I giorni in cui si intimidiva la gente che aveva opinioni diverse dalle tue sono finiti da tempo. Avevo dei dubbi sulla storia del Drunken Master e del Chinese Bar, ma è stata appena confermata dalla reazione di JIMBO [James Banda] e del capo BLING BLING DICK [Dickson Jere, collaboratore del presidente, incaricato delle pubbliche relazioni]. La loro reazione non è altro che una conferma di questa storia. Come dicono loro, la verità fa male, e noi non vediamo l'ora di far male a chi la spaccia. Questo duo crede di governare lo Zambia e di poter fare quello che vuole. Lasciate che li avverta che la vita ha una certa tendenza a smascherare gli imbroglioni. Puoi scappare e nasconderti qualche volta, ma non tutte le volte. Per la polizia e tutti quelli che amano stare buoni quando il MMD è coinvolto in qualcosa di sleale, verrà un giorno in cui arriverà il tempo di fare i conti. Restare in silenzio e ignorare una cattiva azione è la stessa cosa che commetterla voi stessi. Charles Taylor non ha mai preso il fucile per uccidere qualcuno in Sierra Leone ma è sotto processo per crimini commessi da chi era ai suoi ordini. Ora, capisco i frequenti viaggi in Libia, e scommetto che Jimbo ha sempre partecipato a questi viaggi, e gli è rimasto attaccato un po’ del comportamento dei figli di Gheddafi. Se quel duo pensa di essere stato descritto in maniera ingiusta, lasciamo che vadano in tribunale, è quello che hanno consigliato ad altri di fare. Ma non succederà mai, perché sanno che c'è un po'di verità nella storia. ‘Bravo’ all'autore di quell'articolo “I bevitori di Tujili jili [un alcolico locale] che gestiscono la State House”, li ha veramente colpiti nelle p.a.l.e.

Yambayamba ha scritto il 27 aprile 2011, alle 22.51:

Hope Jimbo and his ilk have stolen enough to support themselves outside of Zambia once their “Mambala” father leaves States House. I don’t understand why you can’t just build legitimate businesses that would survive beyond your Dad’s presidency. You are busy wasting time and opportunity building sand castles which will crumble the minute your father looses an election.

Is it an Africa thing to behave so stupidly just because your dad is the Head of state?

This is the time for you Jimbo to learn from other African sons and daughters whose fathers have been Presidents—-corruption has not brought them any lasting fame or joy, but a lot of problems. So be careful what you do. Achieve something legal and concrete before it is too late. Whatever you have gotten illegitimately has the potential to be investigated and taken away from you once your father leaves office. It is amazing how people can’t learn from mistakes of others!!!!!!!!!!

Spero che Jimbo e quelli come lui abbiano rubato abbastanza da mantenersi, fuori dallo Zambia, quando il loro padre “Mambala” lascerà il governo. Io non capisco perché tu non possa semplicemente creare attività legali che sopravvivano alla presidenza del tuo Papà. Sei troppo occupato a perdere tempo e occasioni, costruendo castelli di sabbia che si sbricioleranno nel momento in cui tuo padre perderà un'elezione.

È una cosa [tipica] dell'Africa comportarsi così stupidamente solo perché il tuo papà è il Capo di Stato?

È venuto il momento per te, Jimbo, di imparare da altri figli e figlie africani, i cui padri sono stati Presidenti–la corruzione non ha portato loro fama e felicità durevoli, ma un sacco di problemi. Quindi attento a quello che fai. Realizza qualcosa di di legale e concreto prima che sia troppo tardi. Qualsiasi cosa tu abbia ottenuto illegittimamente ha la possibilità di essere investigata e portata via da te una volta che tuo padre avrà lasciato l'incarico. È incredibile come la gente non sappia imparare dagli errori degli altri!!!!!!!!!!

Mulongoti ha scritto il 27 aprile 2011 alle 22.59:

Proof please!! Just a lot of rubbish. Jimbo is not president. RB is president. If your child has been in a fight at school, it does not mean the father should lose his job. Kaponya behaviour iyo (that is ruffian behaviour). So pliz lets focus on jimbo instead of RB. If you have any proof then take it to the police/ACC/DEC or lets see it. Dont just use your influence as a journalist to bring down pipo you envy. Dont believe everything the press says.

Le prove, per favore!! È solo un sacco di immondizia. Jimbo non è il presidente. RB è il presidente. Se tuo figlio è stato coinvolto in una rissa a scuola, non vuol dire che il padre debba perdere il lavoro. Kaponya behaviour iyo [Questo è un comportamento da ruffiani]. Per cui, per favore concentriamoci su Jimbo invece che su RB. Se avete qualche prova portatela alla polizia o all'ACC [Anti corruption commission, Commissione anticorruzione] o al DEC [Drug enforcement commission, Commissione antidroga] o tiratela fuori. Non usare semplicemente la tua influenza come giornalista per far cadere persone che invidi. Non credete a tutto quello che dice la stampa.

viva rb ha scritto il 27 aprile 2011 alle 23.13:

SORRY BUT THIS IS BULLS..T LEAVE THE FAMILY ALONE MAN OBVIOUSLY THIS IS THE OPPOSITION DOING THIS. SORRY BUT F..K ZAMBIAN MEDIA

MI DISPIACE MA QUESTE SONO STR…TE LASCIA STARE LA FAMIGLIA, FRATELLO, OVVIAMENTE È L'OPPOSIZIONE CHE STA FACENDO QUESTO. MI SPIACE MA FANC..O I MEDIA ZAMBIANI

Sul sito di Zedleaks, le reazioni sono state queste.

zed ha detto:

Where is Mubarak’s son…Gbagbo’s son..soon Gadaffi’s son..soon Banda’s sons…only time will tell…

Dov'è il figlio di Mubarak… il figlio di Gbagbo..presto il figlio di Gheddafi..presto i figli di Banda…solo il tempo può dirlo…

Sola ha detto:

Both Jimbo and anthony are fools. However, anthony has too much hatred. One can actually feel it from his articles. Its too much. Just state the facts, and we can do the maths.

Sia Jimbo che anthony sono degli sciocchi. Comunque, anthony prova troppo odio. Si può capire dai suoi articoli. È troppo. Dateci solo i fatti, e noi ci ragioneremo [letteralmente: riportate i fatti, noi faremo i calcoli]

In ogni anno elettorale, i giornalisti, tanto del servizio pubblico che del settore privato, non hanno vita facile. I giornalisti nei media di Stato sono attaccati dall'opposizione con l'accusa di aver scritto male di questa, e quelli considerati vicini all'opposizione sono molestati. Quelli del settore privato sono accusati di andare contro l'establishment e sono di solito presi di mira da cellule del partito di governo o dagli apparati di sicurezza statali.

Il caso di Mukwita è solo uno dei molti simili, quello che preoccupa, però, è l'eventualità che James Banda dia seguito alle minacce.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.