chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Filippine: stato di calamità nazionale dopo il tifone Sendong

Nei giorni scorsi il Presidente ha dichiarato lo stato di calamità nazionale [en, come i link successivi] dopo che la tempesta tropicale Sendong (‘Washi’ nel codice internazionale) ha distrutto gran parte dell'area settentrionale dell'isola di Mindanao, nel sud del Paese. Secondo fonti governative, 1.080 persone hanno perso la vita e altre 1.000 continuano a mancare all'appello, dopo che la settimana scorsa Sendong ha provocato inondazioni nelle città di Cagayan de Oro e Iligan.

Rubz ha condiviso la storia di una sopravvissuta:

Verso le 10 ha sentito tremare il tetto, mentre la pioggia scendeva senza sosta. Poi, all'improvviso, i suoi genitori l'hanno chiamata perché il livello dell'acqua si stava alzando. Quindi hanno deciso di arrampicarsi su un albero per mettersi al sicuro, ma la casa di un vicino si è diretta verso di loro buttando giù l'albero e portando via anche suo padre. Lei si è messa a saltare ripetutamente finché è riuscita ad afferrare un grande tronco sul quale è rimasta a cavalcioni sul fiume Cagayan de Oro, fino a quando ha visto una famiglia che stava a galla aggrappata a un frigorifero. Ha chiesto loro aiuto e l'hanno aiutata ad aggrapparsi al frigorifero, su cui si tenevano 6 persone, tra cui un bambino. Tutto è successo durante la fredda notte, perciò non sono riusciti a vedere molto, tuttavia hanno potuto sentire le grida di aiuto di molte persone. Quando poi si è fatto giorno, hanno visto che vicino a loro c'erano molti corpi senza vita.

Panoramica delle inondazioni. Foto di Tony Alejo su Facebook.

Panoramica delle inondazioni. Foto di Tony Alejo su Facebook.

La casa di Mindanoan è stata danneggiata dalle inondazioni:

Sono successe molte cose da quando ieri mi sono svegliato: sono sopravvissuto a forti piogge e venti, ho sopportato molte ore di blackout, ho scoperto che non avevamo più scorte d'acqua, mi sono reso conto che anche la nostra umile casa a Cagayan de Oro City è stata danneggiata e che non avremmo avuto scelta se non affrontare perdite economiche. Nonostante tutto, io e la mia famiglia abbiamo ancora molto di cui essere grati: tutti noi siamo sani e salvi e in grado di fornire aiuto a coloro che ne hanno bisogno.

Con l'hashtag #sendong, i netizen esprimono la loro solidarietà per le vittime dell'inondazione:

@jeffcanoy: Una donna ha identificato il cadavere di suo marito dopo aver riconosciuto il loro anello di nozze sul suo dito. #Sendong #heartbreak

@momblogger: Per favore, in questo momento non diciamo alle vittime che la vita va avanti. Il trauma è troppo recente. Volteranno pagina per iniziare una nuova vita quando sarà il momento.

@piacayetano: Non dobbiamo pensare che le piccole cose che facciamo per aiutare le vittime di #Sendong siano insignificanti. Contano.

In questo video si vede l'avanzare dell'acqua sull’isola di Bayug:

I netizen si stanno anche attivando per diffondere informazioni su come fornire aiuto agli sfollati, in aggiunta a quello fornito dalla Croce Rossa e dai soccorsi del Governo. Le foto scattate dai lettori sono state pubblicate anche su Facebook:

Auto danneggiata. Foto di Alam Kana Nakin.

Auto danneggiata. Foto di Alam Kana Nakin.

Una strada inondata. Foto from Alam Kana Nakin

Una strada inondata. Foto di Alam Kana Nakin

Una scena in un centro di evacuazione. Foto di Beatriz Arcinas Cañedo.

Una scena in un centro di evacuazione. Foto di Beatriz Arcinas Cañedo

Un villaggio inondato. Foto di Rachel Monterona

Un villaggio inondato. Foto di Rachel Monterona

Pacier Decierdo evidenzia la necessità di un'alfabetizzazione scientifica per ridurre al minimo le dure conseguenze delle tempeste:

Nonostante il nostro dolore per le vittime della tragedia causata da Sendong, non possiamo fare a meno di imparare da ciò che è successo. Sia il popolo che il Governo possono contribuire affinché sia fatto in modo che una simile tragedia venga evitata, imparando come funziona il nostro pianeta e come i suoi processi vengono alterati dai cambiamenti climatici.

Facciamo sì che questa tragedia sia un doloroso promemoria per il popolo e i politici affinché si ricordino che al giorno d'oggi, prendere delle decisioni sulla base di un'alfabetizzazione scientifica di alto livello è una questione di vita o di morte.

Stuart Santiago non è entusiasta del discorso del presidente nel dopo-tempesta:

“sentire” il presidente chiedersi perché il taglio e trasporto illegale di tronchi d'albero non si interrompa nonostante l'ordine da lui dato, perché le persone non evacuino nonostante gli avvertimenti, perché le persone costruiscano e vivano in zone rischiose, perché i soccorritori debbano rischiare la vita per salvare le persone che si rifiutano di dare retta agli avvertimenti: tutto ciò non ispira fiducia nel fatto che il presidente con i suoi super-poteri sia sul punto di trovare il modo di attenuare i devastanti effetti di futuri Sendong.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.