chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cina: festival della carne di cane – crudeltà o fattore culturale?

In alcune zone della Cina la carne di cane è considerata una prelibatezza della tavola e la pratica di consumarla esiste [it] dal 550 DC, se non da prima. Tuttavia, visto che al giorno d'oggi sempre più cinesi possiedono cani come animali domestici, si considera mangiare carne di cane un'abitudine crudele e barbara.

Negli ultimi anni, gli attivisti per i diritti degli animali hanno lanciato diverse campagne, sia online [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] che offline, contro il consumo di carne canina. Ogni anno, chiedono l'abolizione del festival annuale di carne canina, dove si mangia stufato di cane con litchi accompagnato da liquore forte. L'evento ha luogo nella città di Yulin, provincia del Guangxi, durante il solstizio estivo del calendario lunare. Quest'anno, la data è il 21 giugno. D'altra parte, i residenti locali sostengono che il festival sia parte del patrimonio culturale e della pratiche tradizionali della città.

L'anno scorso, gli attivisti per i diritti degli animali hanno stimato che sarebbero stati uccisi più di 10,000 cani durante il festival. Qui sotto vi è il report di Apple Daily sulla preparazione della carne di cane nel festival 2013:

La campagna di quest'anno contro il festival di carne canina è cominciata all'inizio di maggio. Da allora, un certo numero di celebrità come Chen Kun e Yang Mi hanno espresso il loro parere a favore dell'abolizione del festival. Con l'avvicinarsi del festival, su Sina Weibo i netizen cinesi hanno iniziato a condividere messaggi contro il festival. Qui di seguito c'è un tipico messaggio [zh] della campagna scritto dall'utente “Singing Feifei” (@踏歌的菲菲), con allegati due stickers della campagnai: 

Two campaign stickers against the dog meat festival circulated in Weibo. Via "Singer Feifei" Weibo.

Due stickers della campagna contro il festival della carne canina che circolano su Weibo. Immagine dell'utente “Singer Feifei”.

为什么要有狗肉节?!把人装在笼子里,看着自己的同伴一个一个被杀,自己等待被宰杀,那种绝望的眼神再让人类自己看看!

Perchè abbiamo bisogno del festival della carne canina? Immaginate mettere esseri umani in una gabbia a guardarsi l'uno con l'altro mentre vengono uccisi e aspettano il proprio turno. Lo sguardo disperato nei loro occhi.

Con il supporto della popolazione, gli animalisti sono andati a Yulin a fare pressione al governo locale per fermare il festival. In aggiunta alla prospettiva dei diritti degli animali, hanno messo davanti la sicurezza del cibo e l'argomentazione giuridica secondo cui il Ministro dell'Agricoltura abbia deliberato un regolamento di quarantena per cani e gatti lo scorso anno, richiedendo la quarantena per gli animali prima che venissero trasportati. Dal momento che la quarantena in laboratorio costerebbe dai 200 ai 300 yen per cane (all'incirca 30-48 dollari), i residenti locali non sarebbero inclini a sostenerne il costo. 

Per evitare l'accusa che le autorità siano coinvolte nell'incoraggiare il consumo illegale di carne canina, il governo di Yulin ha rilasciato un comunicato stampa il 6 giugno [zh, come tutti i link seguenti] in cui “non c'è niente che si chiami “Festival del Solstizio d'Estate della Carne Canina con Litchi” e che il cosiddetto festival “non è mai stato istituito da nessun governo o organizzazione civile…è una forma di raduno sociale durante il solstizio d'estate”.

Mentre il governo di Yulin se ne lava le mani del festival, gli amanti della carne di cane e i residenti della città stanno controbattendo, dicendo che gli animalisti non hanno il diritto di fermare le persone dal mangiare carne di cane.

La cultura culinaria cinese e l'argomento dei diritti individuali hanno anche trovato una grande eco nei social media cinesi. Per esempio, l'utente “Xiya protector” (@希瓦的守护) ha detto:

我个人很喜欢狗,也从不吃狗肉,但是我不会也没有理由反对玉林人吃狗肉,一个人不能因为自己的个人喜好而去否定其他人的喜好。

Mi piacciono i cani e non ho mai mangiato carne di cane, ma non trovo nessuna ragione per opporsi agli abitanti di Yulin che ne mangiano. Un individuo non può negare le scelte degli altri a causa delle proprie preferenze. 

L'utente Lu Daheng (@卢-达恒) crede che la controversia sia frutto di un conflitto culturale:

狗是我们的朋友不能吃,这其实是西方传入来中国的思想 而玉林吃狗节系当地传统节日狗肉能不能吃表面上看系人同狗的问题 其实这是东方和西方思想碰撞问题 广西玉林"狗肉节"

Lu Daheng: il cane è amico dell'uomo e non può essere mangiato. Una tale idea viene dal mondo occidentale. Il festival dalla carne canina è una tradizione locale di Yulin. L'argomento che la carne di cane non può essere consumata non ha a che fare, come sembra, con la relazione dell'uomo con il cane ma con il conflitto tra pensiero occidentale e orientale.

Finora l'argomento più convincente è quello della sicurezza del cibo. Il compromesso potrebbe essere un sistema che garantisca la sicurezza della carne di cane piuttosto di un divieto incondizionato. Il dottor Lui Lang su Weibo ha suggerito:

如果我们要保证狗肉的食品安全,那么就必须从源头抓起,要有规范的养殖场,同时还要有严格的养殖档案和每只犬的外在标示,以方便可追溯。合理的防疫和驱虫 […] 这样下来的狗肉价格应该超过进口牛肉。

Se dobbiamo garantire la sicurezza della carne di cane, gli allevamenti dovrebbero essere regolati. Ogni cane dovrebbe essere marcato così che se c'è qualcosa di sbagliato, possa essere rintracciato fino all'allevamento. I cani dovrebbero essere vaccinati e prendere regolari antiparassitari. […] Se vengono adottate tutte queste misure, il prezzo della carne di cane sarebbe molto più cara del manzo.

Ma gli animalisti non sono felici dello scambio, l'utente Disaur ha esclamato:

我们抵制狗肉节,抵制吃狗肉,当然,我们也永远不吃狗肉。吃狗肉与否,诚然,是每个人的自由,我们无权干涉。但我们呼吁大家共同抵制所谓狗肉节,谴责屠宰、制售狗肉的商家。贩售、屠宰猫狗永远不可能合法化 […]

Noi boicottiamo il festival della carne canina e la pratica di mangiare il cane. Non mangeremo mai carne di cane. Certamente, il consumo della stessa è una libertà dell'individuo e noi non abbiamo il diritto di intervenire. Ma dobbiamo boicottare il festival, condannare i massacri e i commercianti di cani. In nessun modo il commercio e il massacro di cani e gatti possa essere legalizzato [… ]

1 commento

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.