chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Artista portoricana scrive “la canzone folk politica del 2014″ contro la violenza

La copertina di “Small Town Heroes”, il nuovo album del gruppo.

La copertina di “Small Town Heroes”, il nuovo album del gruppo.

“The Body Electric”, brano composto dalla cantautrice portoricana [en, come i link seguenti] Alynda Lee Segarra del gruppo Hurray for the Riff Raff, è stata proclamata la canzone folk politica del 2014 dalla radio statunitense National Public Radio (NPR). Il brano è uno splendido inno contro la violenza e l’oppressione nei confronti delle donne, delle persone di colore e dei queer.

Segarra ha parlato a NPR del significato di “The Body Electric”:

La canzone mi ha insegnato la connessione tra la violenza di genere e la violenza razziale. In questo momento in America il corpo sta diventando un’arma. I nostri corpi vengono usati contro di noi. I corpi delle persone di colore sono considerati implicitamente pericolosi. La corporatura e l’altezza di una persona di colore sono considerati motivi per ucciderla. Questa è sostanzialmente una folle paura del potere e delle capacità delle persone di colore. E’ la stessa malvagia idea che ci porta a colpevolizzare le donne per gli attacchi dei loro assalitori. Normalizzare lo stupro, la violenza domestica e l’omicidio di donne di tutte le razze è un tentativo di privare di umanità il corpo femminile. Oggettivare e ridicolizzare il corpo femminile è in definitiva sintomo di paura nei confronti del potere delle donne.

La violenza nei confronti delle donne di tutto il mondo, gli stupri, gli omicidi di transessuali e le recenti uccisioni di giovani uomini di colore negli Stati Uniti, hanno portato alla creazione della canzone. Segarra ha aggiunto: “Spero che la canzone infonda potere e restituisca l'umanità alle persone che si sentono vittime di violenza e oppressione, sia che queste esistano nelle nostre antiche storie e canzoni o che stiano marciando in protesta in questo momento”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.