chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

La riforma delle imprese statali in Cina è troppo soft per gli economisti

A cartoon circulated widely online depicting the contradiction between enhancing competition and public ownership in SOE's reform. Non-commercial use.

Una vignetta molto diffusa in rete che raffigura la contraddizione nel rilanciare allo stesso tempo la competizione e le proprietà pubblica. Scopo non commerciale.

Il governo cinese ha definitivamente introdotto un piano [en, come i link seguenti salvo diversa indicazione] di riforma concreto per le sue imprese statali (SOEs), ma tutti gli economisti che speravano nella privatizzazione rimarranno amaramente delusi.

Le imprese statali (SOEs) sono entità legali di proprietà dello stato cinese e sono coinvolte in attività commerciali. Oltre alle enormi banche o alle società di telecomunicazioni, le imprese statali cinesi includono anche catene alberghiere, società di sviluppo immobiliare, ristoranti e centri commerciali. La maggior parte di queste aziende di minore “importanza strategica” ora si trovano in difficoltà economica.

Nonostante sia l'economia cinese, in rallentamento, sia le imprese di stato, colpite da una dilagante corruzione, necessitino di una riforma, alcuni economisti hanno trovato le misure troppo moderate. Esse non riescono a rompere con le limitazioni ideologiche e tradizionali sul commercio e non colpiscono i vantaggi degli interessi personali.

In base al documento, pubblicato il 13 settembre, la Cina cercherà di modernizzare le sue imprese statali, migliorando la gestione del patrimonio dello stato, promuovendo le proprietà miste e prevenendo l'erosione dei beni statali.

Il governo istituirà diverse società operative a capitale statale, simili alle SOEs di Singapore gestite dalla “Temasek Holdings”. La Commissione per l'Amministrazione e la Supervisione dei Beni di Proprietà dello Stato non interverrà più direttamente nella gestione della maggior parte delle SOEs e il ruolo del governo si sposterà dal compito iniziale di “gestione del patrimonio” verso la “gestione del capitale”, attraverso società di investimento di proprietà dello Stato.

Allo stesso tempo, il documento sottolinea che “la direzione del Partito sulle SOEs è di vitale importanza per assicurate il loro sviluppo ad orientamento socialista e per rilanciare la loro competitività e competenza.” A tal fine, “lo status legale delle organizzazioni del Partito nel contesto delle imprese dovrebbe essere chiarito nella struttura dell'amministrazione aziendale”. Invece della privatizzazione, il nuovo piano pone l'accento sul rafforzamento e sulla proprietà pubblica.

Questo approccio riflette le contraddizioni innate del piano di riforma economica del 2013, il quale prevede che i mercati abbiano un “ruolo decisivo” nella ricerca di stanziamenti e allo stesso tempo che il “ruolo dominante” del settore statale venga preservato.

Molti economisti, in particolare quelli che credono che la privatizzazione giochi un ruolo fondamentale nella ristrutturazione delle SOEs e nel rimodellamento dell'economia del paese, hanno criticato attraverso dei messaggi su Weibo (il Twitter cinese) le linee guida del piano, ritenute fallimentari per la risoluzione degli attuali problemi di corruzione nelle imprese statali.

Liu Shengjun, un famoso economista ha domandato [zh] riguardo l'enfasi posta sulla direzione del partito e ha richiesto una più profonda emancipazione ideologica al fine di un'ulteriore spinta della riforma delle SOEs [zh]:

思想解放将是决定国企改革命运的关键。就国企改革的观念障碍而言,我们必须就两个问题展开认真的辩论:国企做大做强有利于让市场发挥决定性作用、有利于中国经济转型吗?坚持党的领导,就必然要强化党组织在国企的作用吗?要回答这两个问题,需要一场新的思想解放

L'emancipazione ideologica potrebbe essere la chiave per ottenere progressi nella riforma delle imprese di stato. Come per gli ostacoli congetturali presenti nella riforma delle SOEs, dovremmo promuovere un serio dibattito su due questioni: Le imprese di stato potranno diventare più grandi e più forti, tali da permettere al mercato di giocare un ruolo decisivo nella trasformazione dell'economia cinese? Aderendo alla direzione del Partito rafforzeremo il ruolo delle organizzazioni statali all'interno delle SOEs? Abbiamo bisogno di una nuova campagna sull'emancipazione ideologica per rispondere a queste due domande.

Sheng Hong, direttore dell’ Unirule Institute of Economics, un centro di ricerca indipendente, ritiene che il problema della corruzione delle SOEs non può essere risolto senza una contestazione del loro stato di monopolio [zh]:

现在因为垄断国企存在,占有全国资源的很大一部分,这么大的资源造成的损失一年得数万亿。我国经济增长减速,很大程度上因为垄断国企存在和保护垄断的结果,这是一个迫在眉睫的问题,不改一天损失上百亿。如果不想解决这个问题,那改革是干嘛?

Il monopolio di proprietà statale possiede la maggior parte delle risorse del paese, causando ogni anno una perdita di mille miliardi di RMB. L'ampio rallentamento dell'economia è causato dall'esistenza dei monopoli di proprietà dello stato e dalla protezione di questi ultimi. Questo è un problema fondamentale che costa circa 10 miliardi di RMB al giorno. Perché il governo mette in pratica le riforme se non vuole davvero risolvere questo problema?

改革是解决问题的,这次的改革基本没有针对我说的问题,比如说国企垄断权问题、国企免费和低价使用国有资源的问题、不上交利润的问题、国企内部没有限制分配的问题,这些问题才是问题。在我看来更严重的是,国企的存在就是问题。

La riforma è destinata a risolvere i problemi, ma questo piano non è indirizzato alle questioni di cui ho parlato, come quelle del monopolio delle imprese di stato, l'utilizzo gratuito e a basso costo da parte di queste ultime delle risorse di proprietà dello Stato, il problema del mancato trasferimento dei profitti e quello della mancanza di limitazioni agli stanziamenti nelle SOEs. Questi sono i problemi reali. A mio parere, ciò che è più grave è il problema stesso dell'esistenza delle imprese pubbliche.

Zhang Weiying, un famoso economista dell’ Università di Pechino ha inoltre criticato la “posizione dominante” delle SOEs [zh]:

目前的经济增长放缓说明,除非彻底改革增长模式,中国很难持续保持经济高增长。其次,国企在关键行业的垄断已造成广泛的不满。大量研究都证明国企不如民企有效率。如果民企不能成长为真正的市场主体,我相信中国经济会在将来遇到大麻烦

L'attuale rallentamento economico dimostra che per la Cina è difficile mantenere alta la crescita economica, a meno che il governo non corregga il modello di crescita. In secondo luogo, il monopolio delle SOEs nei settori chiave ha dato vita ad un malessere esteso. Numerosi studi hanno dimostrato che le SOEs sono meno efficienti delle aziende private. Io ritengo che l'economia cinese potrebbe andare incontro a grandi problemi se le aziende private non saranno in grado di dominare il mercato.

Zhang Wenkui, membro del Centro Ricerca e Sviluppo del Consiglio di Stato, dubita che il modello di una impresa statale basato sullo stile delle Tamesek di Singapore possa funzionare in Cina [zh]:

我国学习淡马锡已经学了十多二十年,根本学不来。淡马锡下面的国企搞得不好、资本回报低,或者资本需要转移到其他领域去,淡马锡就可以卖掉;还有,淡马锡的独立运营是受到新加坡的法治体系保证的,可以基本上避免政府干预和长官意志。这两个核心要素中国很难学。

Dopo aver analizzato la Tamesek per più di dieci anni, risulta chiaro che la Cina non può replicare il suo successo. La Temasek può liquidare le sue imprese statali se le loro prestazioni diminuiscono o se ha bisogno di investire in altri settori. L'attività indipendente della Temasek è stata garantita dal sistema legale di Singapore, che in sostanza aggira il governo e gli interventi ufficiali.

Wu Jinglian, un famoso economista riformista cerca di persuadere il PCC ad abbandonare il modello sovietico di economia socialista [zh]:

我写了给党中央的信《关于社会主义的再定义问题》。针对‘国有制是公有制高级形式,是社会主义必须追求的目标’,我说这是苏联教科书定义,是错的。我赞成邓小平‘社会主义本质在于逐步实现共同富裕’。是不是社会主义跟国有制比重大小没有关系!

In una lettera “Sulla ridefinizione del socialismo” indirizzata al Comitato Centrale del Partito, ho sostenuto che la retorica de “la proprietà statale è una forma avanzata di proprietà pubblica, l'ambizione che il socialismo deve perseguire”, definizione proveniente dal testo dell'Unione Sovietica, è errata. Sono d'accordo con Deng Xiaoping sul fatto che “l'essenza del socialismo è la realizzazione graduale della prosperità comune”. Il socialismo non ha nulla a che fare con la proprietà pubblica!

Wu ha inoltre affermato che il monopolio partito-stato dell'economia potrebbe portare infine ad un capitalismo clientelare [zh]:

改革就是要打破“国家辛迪加”(党国大公司)。现在就是列宁的国家资本主义:有市场,但国家掌握着所有的“制高点”,“制高点”在中国叫“命脉”。建立了社会主义市场经济体制,但其实有沉重的旧体制遗产比如“国进民退”,继续发展下去就是权贵资本主义

La riforma è destinata ad eliminare il “Sindacato di Stato” (i monopoli partito-stato). L'economia cinese attuale è in realtà il capitalismo statale rivendicato da Lenin: nonostante la presenza del mercato, lo stato controlla tutte le “altezze di comando” dell'economia, spesso definite “linfa vitale” della Cina. Sebbene la Cina abbia sviluppato l'economia socialista di mercato, ma essa sorregge il peso dell'eredità del vecchio sistema, quindi “come il settore statale avanza così il settore privato si ritira.” Se continua a svilupparsi [in questo modo], la Cina diverrà un sistema di capitalismo clientelare.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.