chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Honduras: assassinata l'attivista e leader indigena Berta Cáceres

Photo: Berta Caceres in interview with the media Venas Abiertas. Screenshot taken from the video, available on Youtube.

Berta Caceres intervistata dall'organo di stampa Venas Abiertas. Immagine: Youtube.

Dopo anni di battaglie per l'ambiente e per le comunità indigene, la promotrice dei diritti umani Berta Cáceres è stata assassinata in Honduras il 3 marzo, come riporta SOAWatch [en, come tutti i link seguenti, salvo diversa indicazione]:

Intorno alla mezzanotte di ieri, il coordinatore generale del COPINH, Berta Cáceres, è stata assassinata nel suo paese natale, La Esperanza, Intibuca. Almeno due persone hanno sfondato la porta della casa dove Berta stava trascorrendo la serata, al Residence Libano, sparando e uccidendola.

Conosciuta nel mondo per il suo attivismo, la Cáceres aveva vinto il Goldman Environmental Prize lo scorso anno, per aver fermato con successo la costruzione di un'importante diga. Insieme alla fama era giunta un'ondata di minacce di morte, come riferito dal comunicato stampa che ha accompagnato il suo premio:

Quelle che (non) si sono fermate sono le minacce di morte alla Cáceres. Il suo assassinio non sorprenderebbe i suoi colleghi che conservano un elogio funebre – ma sperano di non doverlo mai utilizzare. Nonostante questi rischi, lei porta avanti la presenza pubblica per proseguire il suo lavoro. In una nazione con uno dei più alti tassi di omicidi, la Cáceres spera che la vittoria ad Agua Zarca porti speranza agli attivisti che combattono lo sviluppo incontrollato in Honduras e in tutta l'America Latina.

L’ organizzazione “Testimoni per la pace” ha riassunto contro quali forze la Cáceres andò quando si oppose alla diga:

Dopo il golpe in Honduras nel 2009, appoggiato dagli USA, si spalancarono le porte alla vendita di terre honduregne e risorse naturali a società nazionali e transnazionali. Per esempio, il colpo di stato garantì 47 concessioni per dighe idroelettriche con una sola legge, senza consultare le comunità che sarebbero state direttamente colpite e quindi violando convenzioni internazionali come la convenzione 169 della Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), che richiede che lo stato honduregno difenda la terra indigena e le risorse naturali e che prevenga la loro rimozione forzata.

Proprio negli ultimi giorni, l'organizzazione della Cáceres, COPINHHONDURAS [es], parlò apertamente contro la repressione a danno delle comunità indigene, condividendo prove dell'esproprio della comunità Lenca:

Cronologia di un esproprio: le terre vengono sottratte a numerose comunità Honduregne Lenca

L'Inviato Speciale delle Nazioni Unite per i Diritti dei popoli Indigeni ha inoltre sottolineato gli abusi subiti dalla comunità Lenca e la loro battaglia per una migliore condizione ambientale. Durante la sua recente visita in Honduras ha dichiarato:

Nel corso della mia visita ed esaminando la situazione delle popolazioni indigene, ho osservato la situazione critica in cui versa questa gente per quanto riguarda i diritti sulle loro terre e le risorse naturali, violenza, impunità e corruzione, accesso alla giustizia e mancanza di adeguati servizi sociali come salute e istruzione.

L'Honduras, piagato da una corruzione endemica, detiene un orrendo record quando si tratta di assassini di donne e attivisti per l'ambiente. Le organizzazioni di tutto il mondo chiedono a gran voce che il governo honduregno intraprenda delle azioni per dedicarsi ai problemi per cui la Cáceres ha speso la sua vita. Gli attivisti si appellano anche ad altri paesi per fare pressioni sui funzionari honduregni, che hanno appena dato vita alla Honduran Commission Against Impunity.

Ci sono buone speranze che la commissione si riveli una opportunità per mostrare la volontà politica del governo. Al momento, ciò che è certo all'indomani dell'assassinio della Cáceres è il bisogno disperato della nazione di un meccanismo che aiuti a fermare l'ondata di violenza, corruzione e impunità.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.