chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

L'Ucraina bloccherà i siti che ‘danneggiano la sovranità nazionale’

Manifestazione a supporto di Novorossiya a Mosca, 11 Giugno 2014. Fonte: Artem Tkachenko, CC BY-SA 3.0.

Il Ministro ucraino delle Politiche di Informazione sta preparando una lista di siti [ru, come tutti i link seguenti] che “danneggiano la sovranità ucraina” come parte degli sforzi per sostenere la nuova politica di sicurezza sull'informazione del paese, firmata il 25 febbraio dal Presidente Petro Poroshenko.

Il Ministro delle Politiche di Informazione Yuriv Stets, durante la conferenza stampa del 2 marzo, ha detto che “nelle prossime due settimane,  [tramite il vice ministro Dmitry Zolotukhin] vorrei presentare all'esperto consiglio del Ministero delle Politiche di Informazione, composto da esperti dei media e da funzionari pubblici, una lista di siti che dovrebbero essere bloccati”.

Simbolo del Ministero Ucraino delle Politiche di Informazione

La misura sembra avere come obbiettivo la diffusione di informazioni pro-separatiste e pro-russe: secondo la dichiarazione rilasciata dall'Amministrazione Presidenziale, la politica è stata introdotta “prima di tutto con la prospettiva di contrastare l'impatto dell'informazione russa dannosa nelle condizioni di guerra ibrida scatenata da questo.”

Stets dice che siti come la Primavera Russa e Novorossiya, che sono associati con movimenti pro-Russi nati in Ucraina nella primavera del 2014 e la promozione di stati separatisti nel est e sud Ucraina, rispettivamente, saranno aggiunti alle lista nera del Ministro.

Il Ministero delle Politiche di Informazione non sarà comunque solo responsabile per il blocco dei siti. Stets ha detto che il Servizio di Sicurezza Ucraino (SBU) e un consiglio di esperti analizzeranno i suggerimenti del Ministro, nonostante non esista al momento nessun protocollo relativo. “Stiamo cercando un meccanismo che li bloccherà nel prossimo futuro,” ha detto Stets.

Stets ha suggerito che il suo ministero raccoglierà informazioni sui siti che pensa dovrebbero essere bloccati e dopo verranno spediti ad un tribunale per una decisione ufficiale, rimarcando che il consiglio di esperti che controlla i siti da bloccare non agirà come una censura di stato.

La nuova teoria di sicurezza sull'informazione dell'Ucraina autorizza il Ministro delle Politiche di Informazione a monitorare i mass media e internet per controllare le informazioni che ritiene illegali in Ucraina— inclusi quelli che si figurano come una minaccia per la sicurezza nazionale del paese.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.