chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

La rivoluzione iraniana in standby

Due ragazzi arabi Ahwazi ad Ahwaz, nel sud-ovest dell'Iran. I gruppi etnici non persiani costituiscono il 50% della popolazione iraniana. Foto di Ahwaz (tramite Wikimedia Commons)

Un confronto dei recenti eventi in Medio Oriente con le rivoluzioni popolari che si sono verificate nell'Europa orientale nel 1989-1990 rivela una varietà di illuminanti paralleli. La caduta dei regimi oppressivi in ​​Polonia, Germania dell'Est, Ungheria, Cecoslovacchia, Romania, Bulgaria e Albania [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] furono tutti risolti entro due anni dalla rispettiva rivolta di ciascun paese, e nella maggior parte dei casi l'obiettivo principale della rivoluzione era rovesciare i sistemi di governo oppressivi sostituendoli con qualcosa di più unificante. Le rivoluzioni tunisina, egiziana e libica avevano obiettivi simili e nel giro di pochi mesi hanno anche rovesciato i rispettivi regimi.

L'altra faccia della medaglia era la Jugoslavia, che – come in Yemen, in Siria e in Iraq – si è trasformata in guerra, con perdite di vite umane su larga scala, la devastazione delle infrastrutture del paese e una crisi umanitaria che si è riverberata poi a livello globale.

A quel tempo, la Jugoslavia aveva i livelli più bassi di unità nazionale tra i paesi dell'Europa orientale e la rivolta cercò non solo di smantellare il sistema di governo, ma anche di eliminarlo. A differenza di Yemen, Siria e Iraq, tuttavia, l'ex Jugoslavia aveva un sistema politico che riconosceva ufficialmente più identità nazionali e garantiva loro autonomia politica in diverse parti del paese.

Alcuni gruppi sostengono che ci sia stata una cospirazione occidentale per smantellare la Jugoslavia e altri incolpano la cattiva gestione dell'élite politica. Indipendentemente dalla causa della crisi, i leader jugoslavi hanno avuto un'opportunità storica di utilizzare il fatto della stabilità del paese da oltre 70 anni per rafforzare l'unità tra i vari gruppi etnici. Invece, i serbi al potere cercarono di intensificare la superiorità industriale ed economica serba al fine di monopolizzare il potere politico e militare. Gli intellettuali e i politici serbi hanno promosso la superiorità serba, alimentando lo sciovinismo nazionale e l'odio verso i musulmani bosniaci, gli albanesi e i croati. Le richieste da parte dei gruppi dissenzienti sono state accolte con sanguinose repressioni. Anche la gran parte dell'élite politica serba che si opponeva al Partito socialista al potere in quel momento era con il regime. Il risultato fu una guerra civile.

L'Iran, proprio come la Jugoslavia, è un grande paese composto da molte nazioni diverse tra loro. Quando la rivoluzione islamica ha avuto luogo in Iran nel febbraio 1979, c'era solo un gruppo minoritario in conflitto con la Repubblica islamica e contrario alla rivoluzione: la minoranza curda. Oggi, secondo l'accademico neo-liberista iraniano riformista Sadegh Zibakalam, ce ne sono molti altri, tra cui azeri turchi, musulmani sunniti, baluchi e arabi ahwazi. Zibakalam ha chiesto che la Repubblica islamica tenga duro, poiché “se questo regime viene rovesciato, non è ovvio che un paese dell'Iran come lo conosciamo rimarrà. I metodi sbagliati che abbiamo adottato hanno portato tutte [queste persone] ad allontanarsi da noi “.

La situazione attuale in Iran ricorda molto la lotta dei gruppi etnici non serbi per la rappresentanza nella Jugoslavia governata dalla Serbia. Mentre la costituzione iraniana garantisce ufficialmente la libertà di espressione culturale e la diversità linguistica, la diversità etnica è uno degli argomenti che il regime ha ritenuto più problematico affrontare, nonostante il fatto che le minoranze etniche costituiscano il 50% della popolazione iraniana.

L'élite persiana e l'intellighenzia hanno anche adottato pratiche sociali oppressive che cercano di minare l'autonomia, la rappresentanza e l'umanità delle minoranze etniche, forse per paura che il riconoscimento dei diritti delle minoranze etniche metta in discussione il dominio persiano e potrebbe portare al collasso del regime.

Il mito iraniano di un'identità persiana unificata deriva direttamente da oltre un secolo di ideologia suprematista ultranazionalista che ha resistito fermamente a qualsiasi tipo di analisi critica. In Iran, i persiani sono indottrinati dalla nascita a credere di essere razzialmente superiori, un'idea supportata non solo dalle loro comunità e famiglie, ma anche da tutti i tipi di media. La maggior parte dei persiani non ha familiarità ed è persino ostile nei confronti dei problemi affrontati dalle minoranze in Iran e gli intellettuali di lingua persiana non sono riusciti a promuovere una cultura della tolleranza e del rispetto. Le minoranze non sono rappresentate in settori importanti come i media e l'istruzione, e nei media sono descritte come meno intelligenti, più violente e quindi meno degne di godere degli stessi diritti dei persiani.

Non è raro, ad esempio, quando ci si rivolge agli arabi ahwazi, il mio gruppo etnico, che i persiani esprimano sentimenti razzisti come “Non siete veri arabi! Sei arabizzato a causa della vicinanza con i paesi arabi, ma in realtà sei solo di lingua araba “. Oppure “Se desideri esprimere il tuo arabismo o difendere ciò che chiami” identità araba “, esci di qui. Vai in Arabia Saudita! ” Tali sentimenti negano l'intera esistenza e la storia degli arabi Ahwazi nella loro patria dell'Iran. Anti-arabismo radicato negli atteggiamenti sul posto di lavoro, stampato sui giornali, promosso in televisione, di cui si parla sfacciatamente dai funzionari del regime e propagandato dagli intellettuali, e un fattore chiave nel mantenere la facciata del nazionalismo iraniano/persiano. Gli attivisti arabi Ahwazi sono comunemente accusati di secessione e di minacce alla sicurezza nazionale, un'accusa che di solito comporta la pena di morte o una pena detentiva molto dura.

Al momento, alti funzionari del regime al potere si oppongono persino all'idea che alle minoranze etniche venga consentito di ricevere un’istruzione nella loro lingua madre. La questione è che l'insegnamento in una lingua diversa dal persiano minerebbe l'unità della nazione iraniana. Ciò nonostante l'articolo 15 della Costituzione iraniana del 1979 consenta di offrire istruzione e una varietà di media in lingue diverse dal persiano.

Anche la principale opposizione iraniana non è riuscita ad affrontare la questione cruciale dei diritti delle minoranze etniche. Nella rivolta avvenuta a Teheran contro il regime nel 2009, ad esempio, l'opposizione etnica non ha partecipato, poiché considerava il movimento come un mero derivato del regime stesso.

Le minoranze etniche iraniane hanno iniziato a rivendicare apertamente i propri diritti nazionali quando il governo centrale è stato destabilizzato nel 1979, e hanno continuato a farlo nel corso degli anni. Tali eventi, tuttavia, incontrano violente repressioni da parte dei servizi di sicurezza iraniani e della Guardia rivoluzionaria. Questo incoraggia solo un nuovo radicalismo, un'ondata crescente di malcontento e opposizione che si sta diffondendo in tutto il paese con crescente ferocia. Poiché non c'è nulla nella storia dell'Iran a sostegno dell'idea che un Iran unificato che includa tutte le sue nazioni di minoranza etnica sia persino possibile, i gruppi di minoranza iraniana sentono di non avere altra scelta che ricorrere alla resistenza violenta al fine di preservare la loro eredità, cultura e sopravvivenza sotto la leadership profondamente razzista del paese. Questo sarà probabilmente il fattore principale per portare avanti una rivoluzione nel paese.

Dal momento in cui ha inizio una potenziale rivolta in Iran fino all'istituzione di un sistema più equo, le parti interessate che hanno investito nel futuro dell'Iran possono limitare le conseguenze potenzialmente disastrose imparando dalla storia di paesi come la Jugoslavia. Nel 1979, la maggior parte degli iraniani si è riunita concordando che una monarchia non era un sistema di governo che desideravano portare avanti. È essenziale, quindi, che l'opposizione iraniana inizi a rappresentare le richieste delle minoranze etniche e le sostenga nell'ottenimento dei diritti nazionali e del diritto all'autodeterminazione, altrimenti il ​​paese potrebbe benissimo affrontare una situazione militarmente avanzata simile a quella vissuta dalla Jugoslavia.

È ora che il popolo iraniano decida quale tipo di struttura di governo non centralizzata può sostituire più efficacemente l'attuale regime per soddisfare le esigenze di tutti, non solo della maggioranza persiana.

Rahim Ahwaz è un attivista iraniano per i diritti umani e si occupa di diritti delle minoranze etniche.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.