chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Governatore dell'Angola licenziato per aver criticato il suo partito in un'intervista

L'ex-governatore Isaac dos Anjos, licenziato lo scorso giugno. Foto: Screenshot/YouTube

Il governatore della provincia di Benguela in Angola, Isaac Maria dos Anjos, è stato licenziato [pt, come i link seguenti] dopo aver rilasciato un'intervista controversa a Voice of America (VOA), il canale radio-televisivo finanziato dal governo degli Stati Uniti, trasmesso in diretta su Facebook.

Anjos era stato invitato a partecipare al programma Angola Fala Só (L'Angola parla da sola), registrato a Benguela il 1° giugno, in cui ha risposto alle domande dei presenti e degli spettatori che seguivano l'intervista in diretta tramite Facebook.

Siamo pronti per iniziare. Sono le 14.00 e siamo qui all'Hotel Mombaka con il Governatore Isaac Dos Anjos. Alle 15 ci sarà il secondo gruppo di esperti con la società civile.

Durante l'intervista, Dos Anjos ha criticato il proprio partito, l'MPLA (Movimento Popolare per la Liberazione dell'Angola), che governa l'Angola da quando ha ottenuto l'indipendenza dal Portogallo nel 1975, dichiarando:

(…) Nós temos ainda no nosso léxico político os partidos da independência. Eles (partidos políticos) são muitos pesados. (…) Nós queremos que no futuro tenhamos pessoas que dirijam o país no respeito pelas normas gerais e o cidadão possa andar a vontade, para ter uma coisa não deve estar conotado com alguma bandeira (partidária)…depois que eu falei aqui com esses micros todos, nem sei se o meu emprego não está em risco.

[…] Sulla scena politica ci sono ancora gli stessi partiti che c'erano al momento dell'indipendenza. Sono ancora molto influenti. […] In futuro vogliamo persone che governino il paese rispettando le leggi generali, cittadini liberi di muoversi, qualcosa che non sia collegato alla bandiera di un partito politico… dopo aver detto questo davanti a tutti questi microfoni, magari rischio anche di perdere il mio lavoro.

Il video con questo stralcio dell'intervista è stato condiviso su YouTube:

L'8 giugno, dos Anjos è stato licenziato con un decreto governativo e al suo posto è stato nominato Rui Falcão Pinto de Andrade, già governatore della provincia di Namimbe, che verrà sostituito da un altro membro del partito.

L'MPLA ha giustificato la decisione di licenziare dos Anjos affermando che era in corso la riorganizzazione del partito in vista delle elezioni del prossimo agosto. Queste saranno le prime elezioni dal 1979, ossia da quando il Presidente José Eduardo dos Santos non è più a capo dell'MPLA.

Gli utenti di internet hanno però puntualizzato che dos Anjos era già abbastanza malvisto dalla leadership dell'MPLA a causa delle sue critiche nei confronti del partito. L'intervista con VOA è stata l'ennesima goccia nell'oceano.

A maggio, i media angolani avevano ad esempio riferito di “incomprensioni”  tra il Governatore del Benguela e alcune sezioni dell'MPLA e in particolare di fonti all'interno del partito al governo che avevano rivelato di aver creato una commissione di gestione per sostituire Isaac Dos Anjos.

Ad aprile, Isaac dos Anjos aveva già rilasciato un'intervista a DW África Portuguese, che fa parte dell'emittente televisiva internazionale tedesca, in cui criticava il proprio partito:

(…) Não vale a pena escamotear mais e nos guerreamos com os argumentos do passado. Sofremos uma grande pressão internacional e nacional para mudarmos. Foi uma guerra longa e essa guerra também foi uma guerra civil. E, por ter sido civil, fica difícil [dizer] quem participou no bem, quem participou no mal. Levámos muito tempo a negociar a paz. Foram anos sucessivos, mas conseguimos agora ter 15 anos de paz.

Temos que prestar contas ao povo. Não podemos chegar aqui e só falar das vitórias. Temos que falar também dos nossos fracassos – não pode ser a nossa oposição a ter o começo. Eu próprio tenho que dar a cara. Mas não vou fazê-lo sozinho, os directores que estiveram a ganhar salários comigo têm que vir.

[…] Non è più il momento di fare giochetti e di farsi la guerra con argomentazioni del passato. Le pressioni a livello internazionale e nazionale ci impongono di cambiare. È stata una guerra lunga ma anche una guerra civile, ed essendo stata civile, è difficile dire chi era dalla parte del giusto o del torto. Negoziare la pace ha richiesto tempo. Ci sono voluti anni, ma siamo riusciti a mantenerla per 15 anni.

Dobbiamo essere responsabili nei confronti di chi ci ha eletto. Non possiamo limitarci solo a parlare delle vittorie. Dobbiamo parlare anche dei nostri errori; non dobbiamo lasciare che sia l'opposizione a farlo. Anch'io mi devo prendere le mie responsabilità, ma non lo farò da solo. Devono farlo anche i leader che riscuotono uno stipendio.

Sui social media questo argomento ha scatenato un acceso dibattito. Clitorclilson Bombestergue Pacoy Cosme, uno studente universitaria di Luanda, ha sottolineato che le opinioni dissenzienti del politico licenziato non sono una novità:

 Em 2015 Isaac Maria Dos Anjos chamou a governação do MPLA de um governo incompetente por importar até paliteiros dos dentes. Em Maio de 2016 numa palestra da OMUNGA Isaac Dos Anjos alertou a Juventude a não apostarem mais no MPLA, aconselhou indirectamente os jovens a aderirem a CASA-CE.

Nel 2015 Isaac Maria dos Anjos aveva apostrofato il governo dell'MPLA come incompetente per aver addirittura approvato l'importazione di porta-stuzzicadenti. Nel maggio 2016, durante un discorso a favore di OMUNGA (una ONG nazionale che difende i diritti dei minori), Isaac dos Anjos aveva suggerito ai giovani di non riporre più la loro fede nell'MPLA, invitandoli indirettamente a sostenere CASA-CE (la coalizione dei partiti di opposizione).

Kikas Pedro Moises è angolano e vive nella stessa provincia del governatore licenziato:

O povo Benguelense estão triste com a má atitude do presedente da República de Angola pela exoneração do Governador de Benguela Isáac Maria dos Anjos, por ele foi o melhor governador de todos os tempos porq sabe separar as coisas de trabalho e a política!

I Benguele sono rattristati dall'atteggiamento dimostrato dal Presidente della Repubblica dell'Angola nei confronti del licenziamento del Governatore di Benguela Isáac Maria dos Anjos, perché è stato il miglior governatore in assoluto, capace di separare i suoi interessi professionali dalla politica.

António Pinto Uassamba si è chiesto quali siano i reali motivi dietro il licenziamento di un governatore con le elezioni alle porte:

A pergunta que não quer se calar é: O que esteve na base da exoneração de Isaac dos Anjos, uma vez que em termos de timing, o acto pode ser perigoso para o partido da situação que vai às eleições em Agosto próximo?

La domanda che non può essere ignorata è: su quali basi è stato licenziato Isaac dos Anjos, considerato che, in termini di tempistica, questa mossa potrebbe rivelarsi pericolosa per il partito al potere che si presenta alle elezioni il prossimo agosto?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.