chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Venezuela: leader dell'opposizione ai domiciliari, ma sono ancora centinaia i prigionieri politici in carcere

Il leader dell'opposizione, Leopoldo López, fotografato nel 2012 dall'utente “Danieldominguez19″. Immagine utilizzata con licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported.

Con un improvviso colpo di scena, il leader dell'opposizione venezuelano, Leopoldo López, è stato trasferito dal carcere di Rame Verde e messo agli arresti domiciliari. Leopoldo López stava scontando una pena di 14 anni per l'accusa di “incitamento alla violenza” in occasione delle proteste del 2014; un'accusa che ha sempre negato.

Le ripetute proteste verificatesi nel 2014 [en] erano una reazione alla crisi economica e agli alti tassi di violenza urbana che hanno dominato il panorama venezuelano negli ultimi anni. Le manifestazioni hanno preso il via dal tentato stupro di una studentessa venezuelana [en] in un campus di Cristóbal e si sono poi estese alle città vicine [en] dopo le prime repressioni da parte del governo, culminate nella morte di alcuni giovani manifestanti e nell'arresto di moltissimi altri.

Anche se il numero di vittime è ancora oggetto di contestazioni, sia i media internazionali [en] che quelli locali [es, come i link seguenti salvo diversa indicazione] hanno calcolato che durante le proteste sono state uccise oltre 40 persone e che centinaia sono state arrestate.

Le reazioni del pubblico agli arresti domiciliari di López sono state contrastanti. Alcuni dei sostenitori dell'opposizione li vedono come una vittoria nei confronti del governo e altri media hanno interpretato il trasferimento di López come un cambio di rotta nella crisi venezuelana. Gli osservatori della comunità internazionale hanno reagito positivamente, intravedendo negli arresti domiciliari un passo avanti verso una possibile negoziazione tra le parti.

Tuttavia, per molti leader e  sostenitori dell'opposizione, il ritorno di López a casa è tutt'altro che una vittoria, perché dovrà comunque scontare lì la restante parte della pena. Dall'altro lato, la sentenza è stata messa fortemente in dubbio, poiché la prova principale a supporto della condanna è uno studio sui discorsi di López effettuata dall'esperta in linguistica Rosa Amelia Asuaje, che ha recentemente dichiarato che il giudice “ha manipolato le sue parole”. Quindi, se molti hanno celebrato la “liberazione” di López su Twitter, altri hanno invitato il pubblico alla cautela:

Leopoldo López non verrà usato come una moneta di scambio. È tornato a casa, ma sia lui che i venezuelani sono comunque prigionieri del regime.

Leopoldo López non è libero. López è agli arresti domiciliari. Diciamo le cose come stanno.

Sul sito collettivo Prodavinci, l'analista Luis Vincente León ha speculato sui motivi che possono avere spinto il governo a cambiare lo stato di detenzione di López. Secondo León, il governo ha percepito gli effetti delle manifestazioni in corso e della pressione internazionale e si è forse aperta la strada verso un possibile dialogo, anche se i risultati potrebbero non essere graditi a tutti:

Hay, sin duda, una oportunidad para la negociación, pero una negociación que no es popular en ninguno de los extremos y que implica concesiones. Me refiero a una negociación donde se reconocen las partes y se abren espacios, sin plantear un conflicto existencial, pero que permita al país retomar a la constitución como brújula necesaria. Una negociación que camine hacia la coexistencia política en un país sin presos políticos y con plenas libertades y con un horizonte claro y aceptado por todas las partes de elecciones libres, transparentes y con voto universal, directo y secreto.

C'è indubbiamente la possibilità di negoziare, ma sarà una negoziazione in cui si chiederanno concessioni che non verranno accolte tanto favorevolmente da nessuna delle parti. Mi riferisco a una negoziazione in cui le parti vengono riconosciute a pari merito e in cui si possano aprire degli spazi senza mettere sul tavolo un conflitto esistenziale. Una negoziazione che potrebbe portare il paese a vedere nuovamente nella costituzione un punto di riferimento. Una negoziazione che potrebbe portare a una coesistenza politica, in un paese senza prigionieri politici e dove tutti godono della massima libertà, con un futuro sereno accettabile per tutti, e con elezioni libere e trasparenti basate su un voto universale, diretto e segreto.

Un primo passo?

Secondo Luis Almagro, Presidente dell'Organizzazione degli Stati Americani, gli arresti domiciliari di López sono solo il primo passo. L'elenco dei prigionieri politici, arrestati in particolare dall'inizio delle proteste, è ancora molto lungo. Come scrive la giornalista Laura Weffer:

La lista de los que permanecen tras las rejas es aún larga e injusta. Taxistas, carpinteros, cajeros de banco, estudiantes, militares, hombres y mujeres; en la mayoría de los casos ni siquiera hay una condena y por diversas circunstancias, todos son considerados como presos políticos, de acuerdo con la lista del Foro Penal.

L'elenco delle persone che sono ancora dietro alle sbarre è lungo ed iniquo. Tra i detenuti ci sono tassisti, falegnami, impiegati bancari e personale militare (uomini e donne). Nella maggior parte dei casi non c'è stata nemmeno una condanna. Per motivi diversi, sono tutti considerati prigionieri politici secondo quanto indicato nell'elenco [dell'organizzazione] Foro Penal.

L'articolo di Weffer riporta il lungo elenco di persone che sono state arrestate negli anni scorsi e durante le proteste degli ultimi tre mesi. Secondo la ONG Foro Penal, i prigionieri politici in Venezuela sono 431, di cui 346 arrestati durante le proteste. In molti casi, il contesto giuridico è confuso e disorganizzato, e le speranze di un rapido rilascio scarse.[L'organizzazione] raccoglie anche testimonianze di prigionieri, come Juan Pablo Giraldo, che raccontano la loro vita quotidiana in carcere:

Mi vida ha cambiado drásticamente y he pasado dos años por momentos muy duros. No pierdo la fe de pronto obtener justicia y salir en libertad para regresar a mi hogar en San Cristóbal, y que no solo sea mi libertad sino la del resto de presos políticos. […] Aquí comparto con otros presos políticos que aunque no los conocía, se han vuelto como mi familia. A mi llegada al Helicoide, ellos me recibieron y fueron generosos ayudándome. Hoy yo sigo el ejemplo de mis compañeros facilitándoles a los que continúan llegando por persecución política…

La mia vita è drasticamente cambiata. Ho passato un periodo molto difficile negli ultimi due anni. Credo ancora nella giustizia e spero di essere rilasciato per tornare a San Cristobal. Non parlo solo per me, ma anche per il resto dei prigionieri politici […] Condivido questa speranza con gli altri, anche se non li ho mai incontrati prima. Sono diventati la mia famiglia. Quando sono arrivato al carcere di El Helicoide, tutti mi hanno accolto e aiutato con la loro generosità. Seguo il loro esempio.

Le organizzazioni di difesa dei diritti umani hanno denunciato casi di tortura [en] nelle carceri e il ricorso a tribunali militari per la condanna e l'arresto di civili [en]. Il numero dei civili uccisi durante le proteste iniziate nell'aprile 2017 [it] non è noto. Il Ministro degli Interni ha parlato di 70 vittime, ma i media indipendenti, come “Efect Cocuyo”, ne hanno contati almeno 94, oltre a migliaia di feriti e centinaia di arrestati

Per leggere altri articoli sugli ultimi sviluppi nel paese, consultare la sezione Cosa sta succedendo in Venezuela? [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.