chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Asunción, Paraguay: una città in trasformazione che sta escludendo i suoi residenti

Asunción sta vivendo un fenomeno abitativo in cui le famiglie della classe media stanno lasciando i quartieri residenziali e i più bisognosi si stanno stabilendo sulle rive del fiume. (Foto: Juana Barreto, riprodotta con permesso).

Asunción, la capitale del Paraguay e la più grande città del paese, ha sostenuto uno sviluppo enorme negli ultimi anni a spese dei suoi residenti più vulnerabili. Questa storia di Julio Benegas mette in risalto la loro capacità di recupero e la solidarietà di fronte a questi cambiamenti. Questo articolo, originariamente pubblicato il 13 novembre 2017 da Kultural, è ripubblicato su Global Voices con permesso.

“Non ci vogliono qui. Vogliono una Asunción alternativa, una in cui i bisognosi non siano in vista”, dice Mirta Chávez con calma e attenzione, come se stesse rivelando un fatto su cui ha riflettuto più di un migliaio di volte. Chávez è l'abituale presidentessa del quartiere San Jorge di Asunción, la capitale del Paraguay. Non ha bisogno di essere nominata ufficialmente, poiché tutti nei vicoli appiattiti con case di legno, mattoni e zinco la chiamano presidentessa. “Faccio del mio meglio per i miei residenti e non accetto compromessi né negozio con i politici”, dice orgogliosamente del proprio ruolo.

Questo quartiere, che si estende da viale Artigas fino al fiume Paraguay, ospita persone che lavorano nelle fabbriche, negli impianti per la lavorazione della carne e nei negozi, che raccolgono rifiuti riciclabili o che lavorano come collaboratori domestici. Chi ha un reddito maggiore vive con una base più solida. Chi ha un reddito basso o molto basso, cioè quasi tutti quelli che si guadagnano da vivere raccogliendo bottiglie e lattine di alluminio e plastica, vive nelle aree più vulnerabili. Più si è vicini al fiume, maggiore è la povertà.

Mirta Chávez vive al confine di un'area paludosa che, in termini geografici, significa essere in una zona di Asunción soggetta alle piene del fiume. Le famiglie che vivono lì sono quelle che hanno costruito i propri servizi di quartiere, tra cui acqua, illuminazione elettrica, strade e scuole.

Secondo il censimento del 2012, una persona su cinque vive nelle paludi a nord e a sud di Asunción. Durante gli anni '80 e '90, la maggior parte delle persone che migrarono dalla campagna alla città finirono nelle paludi meridionali. Questo non è il caso delle paludi settentrionali, che comprendono il vecchio quartiere di Ricardo Brugada, noto anche come Chacarita. Le persone vivono lì da molto tempo. All'inizio del XX secolo, le aree più alte e più solide erano abitate dagli operai degli impianti di lavorazione della carne, delle fabbriche, dei porti e delle stazioni dei treni e degli autobus, che oggi non sono più operative.

Mirta Chávez ha 35 anni e, proprio come i suoi fratelli e sorelle e i suoi genitori, ha vissuto per tutta la vita al confine con le terre più solide delle paludi settentrionali.

Durante le inondazioni del fiume Paraguay tra il 2014 e il 2015, tutti nella zona sono stati evacuati dalle loro case. A seguito di queste alluvioni, per diversi mesi circa 20.000 famiglie dovettero trasferirsi, il che costò allo stato 20 milioni di dollari in aiuti, la stessa quantità di denaro che è stata spesa per costruire il primo tratto dell'autostrada Costanera [es, come tutti i link seguenti].

Tuttavia, durante questo periodo anche altre cose sono emerse, come il lato eroico di Mirta. Mirta ha riunito gli abitanti per trovare lamiere, chiodi, grossi vasi e cassette di emergenza. È stata anche nominata portavoce per tenere discorsi e trattare con i residenti del quartiere alto che contestavano i loro campi temporanei. 

Quartieri inscatolati dai progetti infrastrutturali

La minaccia più latente ora è una di sabbia, pietra e asfalto: la Costanera Norte, uno dei più importanti progetti del governo di Horacio Cartesper per la città di Asunción. È un'autostrada che collegherà il centro città con la strada che conduce verso le città di Luque e Mariano Roque Alonso. Si pensa che allevierà la congestione assurda del traffico che affligge questa parte della capitale. L'enorme muro che è già stato costruito per questa autostrada ha ingabbiato i residenti delle paludi settentrionali.

Con il muro finito, l'acqua non fluirà più all'interno dal fiume Paraguay. Tuttavia, l'acqua piovana non avrà alcun posto dove drenare. I residenti non hanno ancora sperimentato questa situazione, ma possono immaginare cosa significherà vivere accanto ad una specie di enorme diga, in uno stagno artificiale.

I residenti organizzati hanno un'alternativa a questo progetto guidato dal governo: lo chiamano Difesa Costiera. Questa è una proposta progettata dall'ingegnere Ricardo Canese e dall'ingegnere industriale Mercedes Canese, che prevede un sistema di canali e pompe d'acqua per riportare l'acqua al fiume attraverso tubature sotto il muro, senza bisogno di eseguire riempimenti di terra sul territorio. Anche se verrebbero lasciati senza una vista diretta e un accesso diretto al fiume, la loro parte della città rimarrebbe intatta e non ci sarebbe bisogno di trasferirsi.

Nel settembre 2014, quando il Comune di Asunción stava progettando aree industriali per la zona delle paludi, migliaia di residenti bloccarono l'accesso al municipio. Vennero accolti con una repressione violenta. Quando Mirta Chávez se ne andò, aveva ricevuto colpi alla schiena e in altre parti del corpo. “Ho paura che un giorno di questi ti sparino”, le disse suo marito Arnaldo Penayo.

Nelle paludi settentrionali, quelli con reddito inferiore vivono più vicino al fiume. Molti di loro si dedicano alla raccolta di bottiglie e lattine in alluminio e plastica. (Foto: Juan Carlos Meza, riprodotta con permesso).

In difesa di un poco di ossigeno in città

È una domenica tormentata dalle stagioni: una mattina fredda e un pomeriggio caldo, con nuvole incombenti che si preparano a far piovere. Leticia Galeano, una regista di 41 anni, trasporta fertilizzanti per il giardino e una piccola pala per scavare nel parco Pavetti. Il sole rivela un verde intenso nel giardino, puntellato da una fila di bottiglie di vari colori.

All'ingresso del parco c'è una “tenda della resistenza” con una bandiera accartocciata del Paraguay legata ad un bastone, proprio come negli insediamenti rurali del nord-est del paese. Gli ex abitanti del quartiere Trinidad vogliono preservare quel poco che rimane di questo parco.

Oggi, nel parco Pavetti rimane una sola area di grandi alberi che coprono la zona di transizione tra la terra bruna della regione del Chaco e il rosso fuoco della regione orientale. La maggior parte dei suoi ultimi alberi sono stati abbattuti per lasciare spazio alla strada che porta fuori da quello che sarà un progetto di cemento e vetro: Jade Park, un lussuoso edificio a tre torri. L'edificio è promosso utilizzando la frase: “Vivi la città, respira la natura”. Lo sta costruendo la società Jiménez Gaona & Lima, di proprietà della famiglia del Ministro dei lavori pubblici. È lo stesso ministero che sta costruendo l'autostrada Costanera Norte, che rinchiuderà il quartiere di Mirta Chávez.

Jade Park è un'impresa del Fortune International Group, un gruppo americano con potenti azionisti come Barcos & Rodados e Tierra Buena del gruppo Cartes, un gruppo associato al Presidente Horacio Cartes. Secondo una dichiarazione dell'amministratore delegato del gruppo di investimento, Guillermo Petri, Jade Park è un progetto che consisterà di tre torri nel mezzo di un quartiere basso di Asunción e rappresenta un investimento di 92 milioni di dollari.

La vecchia area di Trinidad, che si trova nelle zone a basso reddito composte da case di campagna e piccole riserve, sta lottando contro l'attuale pressione sugli alloggi. Nella zona circostante ci sono case che sembrano bunker ed edifici residenziali per la classe benestante che occupano interi isolati, lasciando soltanto una manciata di abitazioni a basso reddito, insufficienti e praticamente isolate.

Memoria contro lo sradicamento

Nelle paludi, avere radici significa che famiglie numerose vivono a stretto contatto, comunità che hanno lavorato collettivamente per accedere a diritti di base. (Foto: Juana Barreto, riprodotta con permesso).

Ana Galeano descrive ciò che sta accadendo alle famiglie della classe media e della classe medio-bassa di Asunción come segue: “Attualmente la città di Asunción sta escludendo la popolazione della classe media e la popolazione bisognosa si sta stabilendo sulle sponde del fiume”.

Afferma che la popolazione vulnerabile è aumentata di tre volte e, allo stesso ritmo, la classe media è stata spinta verso altri comuni: “Da un lato ciò è dovuto all'incapacità di stabilirsi all'interno del sistema produttivo e dall'altro all'aumento del costo della vita in città (tasse di proprietà, luce e acqua, trasporti, ecc.).”

Quello che sta accadendo oggi a Trinidad è già successo, su scale differenti, in altri quartieri come Las Mercedes, Barrio Jara e Villa Morra. I vecchi isolati a basso reddito sono stati trasformati in strade con recinzioni elettriche e alte mura, oltre che in strade deserte.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.