chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Il cambiamento climatico è all'origine del prosciugamento del lago Baikal in Russia, dicono gli esperti

Cove with Shamans Rock Olkhon Island Lake Baikal, Russia. Photo by Flickr user amanderson2. CC BY 2.0

Insenatura con la roccia degli sciamani nell'isola di Olkhon (Shamans Rock Olkhon Island) nel lago Baikal in Russia. Foto da Flickr dell'utente amanderson2. CC BY 2.0

Questo articolo [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione] è stato scritto da Mikhail Matveev per 350.org, un'organizzazione che costruisce un movimento climatico globale, e viene ripubblicato su Global Voices come parte di un accordo di condivisione.

Nei primi giorni del 2015, il Ministro delle Risorse Naturali in Russia, Sergei Donskoi, ha dichiarato ufficialmente [ru] il lago Baikal come una zona di emergenza, in seguito al calo catastrofico del livello delle sue acque. Baikal è il maggior lago di acqua dolce nel mondo ed è inserito nella lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. È l'orgoglio della Russia e anche una delle sue destinazioni turistiche più popolari.

Inoltre, il lago Baikal e il fiume Angara da esso alimentato costituiscono la fonte idrica di molte città. E il calo del livello delle acque potrebbe prosciugare i loro bacini idrici. Per preservare l'approvvigionamento idrico delle città, deve diminuire la quantità di acqua che scorre attraverso le dighe delle centrali idroelettriche, il che equivale a una riduzione della produzione elettrica.

Il ministro russo ha formulato la ragione del prosciugamento del lago Baikal in parole povere: “Il clima”. Che cosa diavolo è successo al cima?

Gli esperti credono che le precipitazioni nella regione del lago Baikal fluttuino in un ciclo che si estende per molti decenni. Quello che sta succedendo attualmente va comunque oltre i margini della normale variazione. A fine marzo 2015, ad esempio, il livello delle acque del lago è sceso a 9 cm sotto il livello critico. Un tale periodo di penuria d'acqua non si era visto [ru] da 100 anni. Secondo il Ministero delle Emergenze, il flusso di acqua in ingresso nel lago è stato solo il 65% della norma climatica nell'estate e nell'autunno del 2014.

I fondali poco profondi del lago Baikal sono una realtà nel contesto del drammatico cambiamento climatico in Russia: secondo il Centro Metereologico Russo (Rosgidromet), l'aumento della temperatura media avviene qui 2,5 volte più rapidamente che a livello globale. Il cambiamento climatico ha determinato un drastico aumento del numero di disastri naturali, compresa la siccità.

Increase in dangerous climatic events in Russia, according to Rosgidromet

Aumento di eventi climatici pericolosi in Russia, secondo il Rosgidromet.

Il secondo rapporto del Rosgidromet prevede dettagliatamente situazioni simili, come una delle probabili conseguenze del cambiamento climatico: 

As a result of increased interannual variability of the runoff, above all seasonally, abnormally high-water as well as abnormally low-water years and seasons are possible. The financial damage caused by low water could be compared to that of floods, since it complicates the work of storage reservoirs, disrupts the water supply to cities and industrial facilities, decreases the production of hydropower, endangers river navigation and lowers the quality of the river water.

Come conseguenza della maggiore variabilità interannuale dei deflussi, soprattutto stagionali, ci saranno probabilmente anni e stagioni con livelli delle acque insolitamente bassi e altri con livelli incredibilmente alti. I danni finanziari causati da bassi livelli delle acque sono comparabili con quelli delle inondazioni, poiché complicano il lavoro dei bacini idrici di riserva, pregiudicano il rifornimento idrico delle città e delle infrastrutture industriali, riducendo la produzione idroelettrica, mettendo in pericolo la navigazione fluviale e diminuendo la qualità delle acque fluviali.

Il calo del livello delle acque è solo uno dei problemi del lago Baikal. Il più terribile è forse ancora celato sotto la superficie lacustre. Nell'autunno del 2014, le sponde del lago hanno iniziato a trasformarsi in una poltiglia maleodorante di piante acquatiche.

L'ecosistema del lago si è formato grazie alle acque limpide e incredibilmente fredde (generalmente sotto i 10 °C) ed è rinomato per i suoi agglomerati di spugne di acqua dolce, che creano qualcosa di simile alle barriere coralline dei Caraibi.

Purtroppo queste spettacolari spugne stanno morendo e il loro habitat viene acquisito dalle stesse piante acquatiche (Spirogyra è il loro nome accademico) che vengono spinte a riva dalle tempeste. E il paesaggio unico, “simile alle barriere coralline”, viene sostituito da un fondale fangoso, caratteristico di uno stagno riscaldato dal sole, piuttosto che di un profondo e tiepido lago Baikal.

Gli esperti discutono sulle cause di questi problemi. I ricercatori dell'Istituto di Limnologia hanno lanciato un allarme concernente l'inquinamento delle acque e sollecitano l'adozione di misure urgenti per limitare lo scarico dei liquami nel lago. Nel frattempo Nina Abarinova, vice ministro dell'ambiente e delle risorse naturali della regione Irkutsk, ritiene che la radice del problema sia il basso contenuto di acqua e l'elevata temperatura delle acque.

Le acque di Baikal si stanno infatti riscaldando. Secondo uno studio pubblicato [ru] già nel 2008, la temperatura superficiale dell'acqua del lago Baikal si è innalzata di 1,21 gradi dal 1946.

In una prospettiva complessiva, ogni fattore è correlato ad altri, e il cambiamento climatico ha un ruolo fondamentale. Persino l'inquinamento delle acque è correlato indirettamente al clima: il drammatico declino dell'afflusso d'acqua porta allo sviluppo di zone stagnanti, che accumulano sporcizia. Considerevolmente, la nemesi delle “barriere coralline” del Baikal è simile a quella dei loro parenti ai Caraibi, nell'oceano Pacifico e Indiano; il cambiamento climatico e l'inquinamento delle acque uniscono le forze per indebolire le spugne e i coralli, che necessitano stabilità, creando contemporaneamente anche opportunità eccellenti per la crescita delle piante acquatiche.

Quello che sta succedendo nella regione di Baikal è soltanto un esempio dell'enorme evidenza che il riscaldamento globale non annuncia alcun effetto positivo, neanche per il freddo russo. È deplorevole che la società russa odierna sia a malapena preparata a riconoscere questi problemi globali, nonostante la realtà stia bussando alla porta con un frastuono sempre maggiore. La speranza è che l'attivismo climatico nella regione riesca a sensibilizzare sul singolo problema forse più importante del XXI secolo, in particolare considerando che ci sono già i primi progetti di successo.

Aggiornamento: Durante la stesura di questo testo nel 2015, un altro disastro ha colpito questa regione. Numerosi incendi boschivi a Khakassia e Tyva (vicino al lago Baikal) hanno ucciso più di 30 persone, lasciando centinaia di senzatetto. Il governatore di Khakassia ha dato la colpa [ru] a una “mai vista prima” anomalia climatica, ovvero temperature elevate e forte vento, come causa del disastro.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.