chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

L'Egitto ospita il primo Convegno ONU sulla Biodiversità tenutosi in Medio Oriente

Il convegno sulla diversità biologica, 2018. Fonte: Ahmed Saba. Foto usata con autorizzazione

Il primo Convegno sulla Biodiversità delle Nazioni Unite tenutosi in Medio Oriente si è svolto dal 17 al 29 novembre 2018 a Sharm El Sheikh, in Egitto, per la 14esima Conferenza delle Parti.

Originariamente lanciato nel 1992 come parte del Summit sulla Terra di Rio, il Convegno sulla diversità biologica [en, come i link seguenti] è un accordo globale fra 196 nazioni che rappresentano il “crescente impegno della comunità globale per la salvaguardia della diversità biologica, l'uso sostenibile dei suoi componenti e l'uso equo dei benefici derivanti dalle risorse genetiche.”

Mentre numerose e importanti storie di successo sono emerse nel corso degli anni, correlate agli ecosistemi per il loro sostentamento, il recente rapporto di Living Planet del Fondo Mondiale per la Natura (WWF) mostra che la biodiversità è in continuo declino in tutto il mondo, con conseguenze devastanti per le popolazioni e il pianeta.

Ci sono forti segnali del fatto che il pianeta sia entrato nella sua sesta estinzione di massa, provocata dalle attività umane che hanno un impatto su foreste, terreni acquitrinosi, fiumi, oceani e altri ecosistemi critici.

È inoltre ormai evidente che anche la maggior parte dei 20 Obiettivi di Aichi per la Biodiversità (Aichi Biodiversity Targets), stabiliti nel 2010 per affrontare alcune delle maggiori sfide ambientali che ci aspettano e previsti nel 2020, non saranno raggiunti.

“Gli sforzi globali per invertire la perdita in natura sono stati finora privi di urgenza, impegno politico ed effettiva realizzazione,” dice Marco Lambertini, direttore generale di WWF International in una dichiarazione fatta al Convegno.

“Salvaguardare e ripristinare la natura e la biodiversità è fondamentale per la nostra salute, il benessere, l'economia e una costante e crescente prosperità in tutto il mondo,” ha aggiunto Lambertini.

Come prima conferenza sulla biodiversità ospitata nella regione, la Conferenza delle Parti (COP) di quest'anno offre una opportunità unica per discutere sulla salvaguardia della natura in Medio Oriente, sull'attuale lacuna negli sforzi per prevenire un ulteriore degrado ambientale e su come questo ha un impatto diretto nella vita umana nella regione.

“COP14 è incentrata sulle questioni critiche in Medio Oriente,” dice Kishan Khoday, il team leader della regione araba riguardo Cambiamento Climatico, Riduzione dei Rischi di Calamità, Energia ed Ambiente del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite:

These include the role of biodiversity and ecosystems in countries affected by conflict and displacement and how nature-based solutions can help prevent crisis and speed recovery by reducing social vulnerability.

Questo include il ruolo della biodiversità e degli ecosistemi nelle nazioni colpite da conflitti ed esodi, e come le soluzioni basate sulla natura possono aiutare a prevenire le crisi e ad accelerare il ripristino, riducendo la vulnerabilità sociale.

La Giordania e il Libano, ad esempio, ospitano entrambi più di 1 milione di rifugiati siriani, generando nuove tensioni nell'economia e creando anche gravi implicazioni su sistemi critici di spartiacque e le falde acquifere – molti dei quali sono in prossimità dei campi profughi e delle comunità ospitanti.

Le lacune nelle politiche governative per integrare la resilienza e la salvaguardia degli ecosistemi, e nella gestione delle comunità che ospitano i rifugiati acuiscono il problema. Le comunità devono usare strumenti di valutazione ambientale strategica per identificare e gestire il rischio per gli ecosistemi in partenariato con i governi.

Khoday aggiunge:

COP 14 and the work supported by the CBD, UNDP and partners more broadly help to scale up and replicate successful conservation initiatives in the region to address the growing fragility of land, water and other ecosystems essential for sustainable peace and prosperity.

COP 14 e il lavoro sostenuto da CBD, UNDP e i partner aiutano a promuovere, a replicare più ampiamente e con successo le iniziative di salvaguardia nella regione, per affrontare la crescente fragilità di territorio, acqua e altri ecosistemi essenziali per una pace e una prosperità sostenibili.

Cos'è a rischio?

Fino al 12% della biodiversità marina in alcune zone del Golfo Arabo potrebbero andare perse prima della fine del secolo, se le nazioni nella regione non adotteranno misure per affrontare la pesca eccessiva, l'inquinamento e la distruzione degli habitat.

Secondo il parere degli scienziati della British Columbia e dell'Università dell'Australia Occidentale, uno scenario climatico di ordinaria amministrazione avrà un grave impatto sulla ricchezza delle specie (il numero di specie diverse in una comunità ecologica) al largo della costa di Arabia Saudita, Bahrain, Qatar e gli Emirati Arabi Uniti (EAU). Questo potrebbe portare significative conseguenze economiche in futuro, in particolare nelle comunità costiere rurali che dipendono fortemente dalla pesca per l'alimentazione e il lavoro.

Fra le otto nazioni comprese nel Golfo si prevede il peggior impatto negli EAU, con una perdita prevista di più del 40% del suo potenziale di pesca.

“È improbabile che questo abbia gravi conseguenze economiche, poiché gli EAU non sono molto dipendenti dalla loro industria ittica. L'industria della pesca marina genera circa l'uno per cento del loro PIL,” dice Mariam Khalfallah, una studentessa Ph.D. dell'iniziativa di ricerca Sea Around Us (il mare intorno a noi) presso UBC, dice a Global Voices:

On the other hand, Bahrain could lose almost 9 percent of its catch potential by 2090, which will significantly affect Bahraini coastal communities.

D'altra parte, il Bahrain potrebbe perdere quasi il 9% del suo potenziale di pesca fino al 2090, con un significativo impatto sulle comunità costiere del Bahrain.

Fra i più colpiti dalla perdita di risorse e habitat naturali saranno le donne, in particolare nelle comunità rurali.

Un comitato si è riunito il secondo giorno del COP per discutere le azioni ambientali sensibili [alle specificità] di genere e il ruolo delle donne nel mondo arabo come protettrici della biodiversità e attori resilienti.

Il professore Yomin Elhamaky, presidente del Liberal Forum Egypt e relatore leader del comitato, spiega:

Women are amongst those most severely impacted when communities are displaced because of the destruction of biodiversity — which is why it is essential that any and all efforts of conserving natural resources and habitats take into account gender-sensitive climate action.

Le donne sono tra coloro che vengono più gravemente colpiti, quando le comunità sono dislocate a causa della distruzione della biodiversità. Ecco perché è essenziale che tutti gli sforzi per salvaguardare le risorse e gli habitat naturali tengano conto dell'azione climatica sensibile [alle specificità] di genere.

Secondo Women’s Environmental Network, le donne costituiscono la maggior parte dei poveri nel mondo, tendono ad avere redditi più bassi e hanno una maggiore probabilità di dipendenza economica rispetto agli uomini. Tutto questo limita gravemente la loro capacità di far fronte a difficili condizioni ambientali.

Elhamaky aggiunge:

But, despite cultural sensitivities and traditions, Arab women are not a liability and can play an extremely important role in sensitizing change when it comes to awareness, which this part of the world lacks, about the role nature plays in our lives.

Tuttavia, nonostante le sensibilità culturali e le tradizioni, le donne arabe non costituiscono una passività e possono giocare un ruolo estremamente importante nel sensibilizzare un cambiamento, quando si tratta della consapevolezza che manca in questa parte del mondo sul ruolo che la natura gioca nella nostra vita.

Poiché l'impatto della perdita di biodiversità non è sempre lineare e immediato, esiste un'enorme lacuna nella consapevolezza pubblica sulle conseguenze dello stress ambientale. Un ostacolo che viene discusso come una delle maggiori sfide nell'intraprendere azioni urgenti presso il COP.

Il Dr. Gamal Gomaa Medani, vicesegretario generale presso la Federazione Araba per la Salvaguardia della Fauna e Flora Selvatica, dice:

It’s a global problem but — speaking as a scientist working in the Arab world — one of the biggest challenges on the CBP gaining the highest political relevance in this part of the world to speed and scale the work toward a sustainable future is how little people understand the importance of biodiversity.

È un problema globale ma parlando come uno scienziato che lavora nel mondo arabo, una delle maggiori sfide nel CBP, che guadagna la massima rilevanza politica in questa parte del mondo per accelerare e incrementare il lavoro verso un futuro sostenibile, è come poco la gente comprenda l'importanza della biodiversità.

Medani mette in guardia:

If people don’t understand how they will be affected, they will never care.

Se la gente non comprende l'impatto che subirà, non se ne preoccuperà mai.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.