chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Diritto all'informazione: con la nuova legge in vigore, il Ghana prenderà la stessa strada della Nigeria?

Un dibattito del comitato per i media presso il Club Suisse di La Presse. Foto di Eric Bridiers, reperita presso U.S. Mission. [Creative Commons Generic (CC BY-ND 2.0) via Flickr, March 5, 2013]

Il 21 maggio scorso, il presidente ghanese Nana Akufo-Addo ha messo l'accento [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] sulla legge per il Diritto all'Informazione (RTI) che è stata approvata dal Parlamento il 26 marzo scorso.

Questa legge garantisce ai cittadini il diritto a ricercare, accedere e ricevere informazioni dagli enti pubblici. L’ intento è quello di abilitare i cittadini ad un facile accesso all’ informazione riguardanti programmi pubblici e servizi e, allo stesso tempo, promuovere la trasparenza governativa e combattere la corruzione.

L'UNESCO afferma che la libertà d'informazione è una “parte integrante del diritto alla liberà d'espressione”. In Africa, il diritto alla libertà d'espressione è contenuto nella Carta africana dei diritti degli uomini e dei popoli e nella Dichiarazione di principi sulla libertà di espressione in Africa.

Questa legge è un importante strumento di controllo sul potere governativo, che permette ai cittadini, ai media e ai difensori dei diritti umani di chiedere conto agli attori governativi dei loro doveri di funzionari pubblici. In assenza di questo tipo di leggi, le violazioni delle leggi nazionali e dei diritti umani hanno più probabilità di accadere.

I responsabili dei programmi di Open Society Foundation hanno scritto che la sfida più grande per l'attuazione della legge sulla libertà di informazione nel continente risiede nei timori per la sicurezza nazionale, che i governi hanno usato come scusa per ridurre la trasparenza:

Perhaps the biggest single constraint to the effective implementation of access to information in Africa is the regional challenge of insecurity and mass-casualty terrorism. Negotiating the balance between guaranteeing public safety and security on the one hand and open and transparent government on the other has not been easy.

Forse il principale ostacolo all'effettiva attuazione dell'accesso all'informazione in Africa è la sfida della regione africana all'insicurezza e all'alto numero di vittime del terrorismo. Non è stato facile negoziare un accordo per garantire la sicurezza individuale e la sicurezza nazionale, da un lato, e un governo aperto e trasparente, dall'altro.

L'approvazione della Legge per il Diritto all'Informazione ha segnato la fine di un iter lungo due decenni del disegno di legge inizialmente proposto nel 1999 e poi aggiornato nel 2003, 2005 e 2007.

Il disegno di legge era stato finalmente mandato in Parlamento nel 2010, tuttavia la spinta per l'approvazione crebbe nel 2017. Ciò è dovuto alla formazione della Coalizione mediatica per il diritto all'informazione, la quale, con il “supporto della società civile negli 11 mesi scorsi, ha messo sotto pressione il Parlamento per l'approvazione del disegno di legge”, secondo quanto affermato dall'organo di stampa ghanese MyJoyOnline.

Il Ghana si unirà ad altri 22 paesi africani che hanno adottato leggi sul diritto all'informazione (AFEX dispone di un elenco completo fino al 2017), ma, come altri hanno notato, l'esistenza della legge non ne garantisce una solida attuazione.

Il Ghana diventerà come la Nigeria?

La Nigeria, il vicino di casa del Ghana, ha attraversato un processo legislativo altrettanto lento prima che la Libertà di Informazione (FOI) venisse sancita con la legge del maggio 2011, dall'allora presidente Goodluck Jonathan. Nel caso della Nigeria, la legge sulla libertà d'informazione è stata preceduta da un decennio di attivismo che ha incluso tre viaggi attraverso il parlamento nigeriano e l'Assemblea Nazionale.

Mentre la società civile e la stampa hanno lottato per rendere gli affari del governo più trasparenti e aperti, il governo si è opposto a queste mosse.

Ayobami Ojebode, professore di comunicazione, ha scritto che la ragione della “riluttanza” ad approvare il disegno di legge era una manifestazione della “lotta secolare in Nigeria (e altrove) tra stampa, cittadini e società civile da un lato e governo dall'altro”.

La legge nigeriana dà a tutti il diritto di richiedere informazioni “in custodia o in possesso di qualsiasi pubblico ufficiale, agenzia o istituzione”. In linea di principio, la richiesta di informazioni in Nigeria può essere fatta oralmente a un governo autorizzato o a un funzionario pubblico “che deve poi ridurre la domanda in forma scritta e fornire una copia della domanda scritta al richiedente”. Una richiesta può anche essere fatta per iscritto o tramite terzi per i richiedenti analfabeti.

Ma in pratica, questa libertà non è stata così facile da esercitare. In uno studio del 2014, Ifeoma Dunu e Gregory Obinna Ugbo hanno scoperto che la maggior parte dei giornalisti nigeriani stavano sotto utilizzando la legge, perché essa è difficile da sfruttare nella pratica. Pur essendo a conoscenza dell'esistenza della FOI, la maggior parte dei giornalisti che hanno partecipato allo studio non ha “mai fatto uso della legge nell'adempimento delle proprie responsabilità giornalistiche”. Oltre l'80% degli intervistati ha dichiarato che alcune autorità governative non si sono conformate ai principi della legge e che hanno contestato l'uso della legge.

Questo studio è stato condotto solo tre anni dopo che la FOI è diventata legge in Nigeria. Oggi, molti più giornalisti e gruppi della società civile hanno tenuto d'occhio il governo attraverso le applicazioni della FOI. Un progetto, noto come FOI Vault, segue il numero di richieste presentate e a quale agenzia governativa.

Abayomi Akinbo, un professionista dello sviluppo, ha descritto per Global Voices alcune delle limitazioni delle richieste di FOI in Nigeria: La legge sulla libertà d'informazione si scontra ancora con la legge sul segreto di stato, che rimane vincolante per i funzionari pubblici nigeriani. Così, poiché la maggior parte dei funzionari nigeriani “pensa che tutto sia un segreto”, la maggior parte delle richieste di informazioni sono “ignorate o ricevono una risposta superficiale”.

Ciò dimostra che i funzionari nigeriani hanno ancora bisogno di sviluppare le loro capacità in base al reale funzionamento di una richiesta di informazioni. Suggerisce inoltre di modificare la legge sui segreti ufficiali per eliminare i conflitti con la FOI.

L'approvazione della legge sul Diritto all'Informazione in Ghana viene osservata con il fiato sospeso. Come ha dimostrato l'esperienza nigeriana, l'approvazione di una legge è una cosa, ma la sua attuazione è un'altra.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.