chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Un tempo celebrato da Omero, il Monte Ida in Turchia perde gli alberi e sta diventando un “monte calvo”

Foresta sul Monte Ida, foto usata previa autorizzazione, licenza CC 3.0

Mentre la Turchia sta rapidamente aumentando le attività di estrazione mineraria su larga scala [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione], una intensa attività di deforestazione condotta da una società canadese ha scatenato le proteste. Agli attivisti si sono uniti noti artisti turchi per sensibilizzare l'opinione pubblica, ma il taglio di quasi 200.000 alberi può impedire che il governo assegni altre concessioni per attività minerarie?

La Turchia apre la porta all'attività mineraria straniera su larga scala 

Interessata a espandere il suo settore minerario, la Turchia ha sviluppato una politica che attira investitori stranieri, offrendogli speciali condizioni per sviluppare quella che sembra una priorità economica strategica. Nel 2000 la Direzione Generale della Ricerca ed Esplorazione Mineraria (MTA) e il Ministro dell'Energia hanno iniziato a realizzare una mappatura dei depositi minerari. Nel 2004 il governo ha anche modificato la Legge sulle Miniere, assegnando le concessioni di esplorazione mineraria alle imprese, riducendo le imposte e permettendo le attività in zone precedentemente protette. Infine, nel 2010, ha iniziato a convertire le concessioni di esplorazione in concessioni operative.

Una delle società straniere presenti sul mercato turco è Alamos Gold, una società con sede a Toronto, che sta perlustrando i territori dal 2010. In base al sito web della società, ha acquisito numerosi progetti il 6 gennaio 2010 da un'altra società canadese, Fronteer Development and Teck Resources, per un importo forfettario di 90 milioni di dollari. Alamos Gold ha ricevuto la sua concessione operativa dal Dipartimento turco dell'Energia e delle Risorse Naturali a marzo 2019.

Ha iniziato immediatamente le attività, nonostante le numerose richieste della municipalità di Canakkale [tr] di interrompere questa procedura, che mette in pericolo l'ambiente e il sostentamento della popolazione locale.

Il timore del cianuro scatena una protesta, online e in loco, contro la deforestazione 

Un metodo tradizionale utilizzato dalle società aurifere è la lisciviazione in cumulo – un processo che dissolve l'oro e lo estrae dalla roccia metallifera con l'ausilio del cianuro. Gli attivisti ambientalisti e la popolazione locale temono che Alamos Gold intenda utilizzare circa 20.000 tonnellate di cianuro, una sostanza chimica letale, che può danneggiare la flora e la fauna circostante in caso di sversamento. Se fuoriesce, questa sostanza chimica letale può inquinare la diga nelle vicinanze, che fornisce acqua a più di 180.000 persone e irriga oltre 5.000 ettari di terreno.

Uniti attraverso gli hashtag #KazdağınaDokunma [Non toccare i Monti Kaz] e #KazDağlarıHepimizin [I Monti Kaz appartengono a tutti noi] un gran numero di attivisti, politici e rappresentanti di organizzazioni non governative hanno invaso le piattaforme dei social media, per esprimere la loro preoccupazione. Il 26 luglio 2019 hanno anche iniziato a organizzare le proteste su larga scala. Il risultato è adesso un campo di 24 ore, istituito in prossimità del sito di costruzione, che mantiene la “vigilanza sull'acqua e la consapevolezza”, come si può vedere [tr] in questo articolo.

Mentre il Ministro dell'Energia e delle Risorse Naturali ha affermato in una dichiarazione che non si utilizza il cianuro, tuttavia questo non è quanto dichiara il sito web di Alamos :

A dilute cyanide solution will be applied to the crushed ore over a 90 day leaching cycle with the pregnant solution collected and processed through the adsorption-desorption-recovery (“ADR”) plant where gold and silver doré bars will be produced.

Una soluzione diluita di cianuro sarà applicata alla roccia metallifera frantumata durante un ciclo di lisciviazione di 90 giorni, con questa soluzione gravida prelevata e trattata attraverso l'impianto di assorbimento-desorbimento-recupero (“ADR, adsorption-desorption-recovery”), dove saranno prodotte le barre di oro e argento dorato.

In una intervista con Reuters, John McCluskey, amministratore delegato di Alamos, ha negato tutte le critiche, aggiungendo che l'area tornerà al suo stato originario dopo i sei anni previsti per il progetto. “In sei anni e mezzo, ci si concentrerà sul rimboschimento. E in un decennio, o forse un po’ di più, avrà di nuovo l'aspetto di una foresta,” ha detto. McCluskey ha inoltre spiegato che non è stata la società a tagliare gli alberi, ma le autorità del governo. Tuttavia, una foresta piantata dagli uomini e lasciata alla crescita naturale impiega circa 100 anni per maturare, come spiegano gli esperti.

Musica per interrompere il taglio degli alberi

Bianet, una piattaforma locale indipendente di informazione online [tr], ha riportato ad agosto che, contrariamente a quanto sostenuto da McCluskey, Alamos sta davvero tagliando gli alberi mediante un subappaltatore, Dogu Minga Mining. In effetti, il sito di informazione dichiara [tr] che l'impresa sta tagliando gli alberi dal 2017. A questo punto, la questione non è più chi li ha tagliati, ma come prevenire che succeda di nuovo, poiché 500 acri di terreno sono stati livellati e tutto l'habitat naturale è stato distrutto.

Finora le autorità sono state irremovibili nello studiare le rivendicazioni. La mozione per indagare sulla costruzione della miniera, portata in parlamento da 26 deputati del principale partito di opposizione in Turchia, Partito Repubblicano del Popolo (CHP), è stata respinta dal Partito al governo, Partito per la Giustizia e lo Sviluppo (AKP) e l'alleato Partito del Movimento Nazionalista (MHP).

Una delle principali organizzazioni nazionali impegnata nella salvaguardia dell'habitat naturale, TEMA (Fondazione turca per combattere l'erosione del suolo, il rimboschimento e la salvaguardia degli habitat naturali) ha pubblicato un significativo video con due hashtag di tendenza: #altindaolumvar (c'è la morte nell'oro) e #KazDaglariHepimizin (i monti Kaz appartengono a tutti noi):

TEMA ha anche lanciato una petizione [tr] per interrompere le attività estrattive. Al momento della redazione di questo articolo, la campagna ha raccolto più di 500.000 firme.

I contestatori sono stati affiancati da molti celebri artisti e scrittori turchi. “Un insulto contro il patrimonio del nostro mondo” è come il celebre scrittore e musicista turco Zülfü Livaneli ha descritto la crisi in una lettera aperta scritta a UNESCO. In passato un Ambasciatore Goodwill di UNESCO, Livaneli ha chiesto all'istituzione di aiutare a “sensibilizzare l'opinione pubblica internazionale sull'orribile attacco contro il nostro storico Monte Ida e la popolazione locale di Ida”.

Un'altra celebrità culturale locale, il pianista Fazil Zay, ha dato un concerto [tr] a fine agosto 2019 nel luogo della protesta:

Il sindaco di Canakkale, Ulgul Gokhan, ha detto in una intervista con Bianet che esistono altri contratti di attività mineraria stipulati in questa regione. Quando diventeranno operativi, ha aggiunto, seguirà un'ulteriore distruzione.

Altre persone si sono rivolte alle piattaforme dei social media, invitando il governo canadese a prestare attenzione alla questione:

Caro signor Trudeau, abbiamo bisogno del tuo aiuto, la società mineraria canadese Alamos Gold sta distruggendo i nostri alberi sul Monte Ida #KazdağınaDokunma

I Monti Kaz sono il polmone della nostra regione e nazione. C'è un ecosistema straordinario in questa regione. Non restare in silenzio mentre stanno distruggendo la nostra foresta. #Kazdağınadokunma questa nazione appartiene a tutti noi.

Siamo ancora sul Monte Ida/ #kazdağları #Kazdağınadokunma #suvevicdannöbeti #mountida

Prendi posizione per il tuo respiro.

Sebbene le autorità minerarie locali abbiano dichiarato in passato di prendersi cura e prestare attenzione alle questioni ambientali, vi sono scarse prove per credere veramente alle loro parole. In Turchia, le regole che disciplinano la pubblica amministrazione (“Rule of Law“) tendono spesso ad andare di pari passo con gli interessi del governo, piuttosto che il contrario. E tanto per iniziare, anche se diverse persone potrebbero rivendicare la proprietà di Kaz Dağlari, [il monte] appartiene innanzitutto alla natura, ed è sacro, come Omero ha detto una volta [it].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.