chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Lavoratori migranti in Thailandia si organizzano per combattere lo sfruttamento nell settore ittico

I membri della Rete sui diritti dei pescatori mostrano il loro kit di pronto soccorso, dopo aver partecipato alla sessione di formazione su salute e sicurezza. Foto usata con autorizzazione.

Al largo delle coste della Thailandia, un'industria ittica si espande e soddisfa il business multi miliardario di tonni, gamberi e calamari. Ma nell’epicentro della catena di approvvigionamento alimentare marittima, lo sfruttamento e la schiavitù del debito sono pratiche di lavoro comuni.

Coloro che lavorano su pescherecci sono generalmente cittadini birmani e cambogiani costretti a lasciare le loro terre natali a causa della povertà e attratti dalla promessa di uno stipendio e delle rimesse. Per arrivare in Thailandia e trovare un lavoro, molti usano i servizi degli intermediari dell'immigrazione e delle agenzie di collocamento, che possono addebitare prezzi elevati [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione] per la documentazione e i pass che forniscono.

Queste tariffe, che vanno da 15.000 a 30.000 baht thailandesi (da 500 a mille dollari), vanno ben oltre la disponibilità della maggior parte dei lavoratori. Solitamente queste tariffe vengono pagate dai loro nuovi datori di lavoro nel settore ittico, in questo modo i pescatori cominciano a lavorare già pesantemente indebitati con i proprietari delle barche. Una volta iniziato, molti lavoratori stranieri devono aspettare dai 6 ai 12 mesi per ricevere uno stipendio. Se desiderano lasciare il lavoro, i capitani delle barche possono trattenere il loro passaporto, mettendo in chiaro che il debito dovrà essere pagato con gli interessi prima di andarsene.

Negli ultimi anni, i consumatori sono diventati sempre più consapevoli dello sfruttamento sistematico dei lavoratori immigrati nel settore della pesca thailandese. Reportage, film e memorie di pescatori che descrivono in dettaglio pratiche di lavoro pericolose, sete e fame, violenza fisica, mancanza di cure mediche, turni di venti ore senza riposo, e il sistema di schiavitù del debito, hanno esercitato pressioni in modo che le autorità thailandesi agiscano.

All'inizio del 2019, la Thailandia è stata il primo paese in Asia a ratificare la Convenzione sul lavoro nel settore della pesca dell'Organizzazione internazionale del lavoro, che mira a garantire condizioni di vita e di lavoro dignitose ai lavoratori dell'industria ittica. Questo rappresenta un passo importante verso la regolamentazione del settore della pesca thailandese, ma secondo Ussama Kaewpradap, principale organizzatore della Rete sui Diritti dei Pescatori, questa convenzione potrebbe essere solo un'altra “riforma sulla carta”:

[Reforms] have been poorly implemented and only minimally enforced. Although there have been a lot of changes in the industry in the past few years, fishers have seen little direct benefit and still toil in poor working conditions. [en, come tutti i link successivi, salvo diversa indicazione]

[Le riforme] sono state attuate in modo inadeguato e applicate solo in minima parte. Sebbene negli ultimi anni ci siano stati molti cambiamenti nel settore, i pescatori hanno visto pochi benefici diretti e continuano a lavorare duramente in condizioni di lavoro sfavorevoli.

Parlando con Global Voices per e-mail, Ussama spiega che, dopo aver ratificato la Convenzione sul lavoro nel settore della pesca, il governo thailandese ha avviato un processo di coinvolgimento degli stakeholder che contribuirà a dare forma alla legislazione finale che renderà effettiva la Convenzione. Questi stakeholder, osserva, comprendono le autorità governative, l'associazione dei proprietari di barche e le organizzazioni non governative, ma non i pescatori stessi.

Questo perché ai lavoratori migranti viene ancora negato il diritto alla libertà di associazione secondo la Legge del 1975 sulle Relazioni Lavorative in Thailandia, che impedisce ai migranti di iscriversi formalmente ai sindacati e di servire nei comitati sindacali. Fino a quando il governo thailandese ratificherà le convenzioni dell'Organizzazione internazionale del lavoro in materia di libertà di associazione e contrattazione collettiva, lo sfruttamento e gli abusi continueranno.

Non solo i lavoratori migranti in Thailandia non sono autorizzati a sindacalizzare, ma possono inoltre lavorare in un solo settore economico. I pescatori birmani e cambogiani, ad esempio, non possono cercare lavoro nel settore manifatturiero o agricolo. E se lasciano un lavoro, devono trovare un nuovo datore di lavoro in meno di 15 giorni o il loro visto verrà revocato.

Dal momento che la legge del 1975 sulle relazioni sindacali della Thailandia riconosce solo quei sindacati gestiti da cittadini thailandesi, la Rete sui dei Diritti dei Pescatori è in uno stato di limbo legale, poiché è composta principalmente da lavoratori migranti birmani e cambogiani. Tutto ciò, tuttavia, non ha impedito alla Rete sui diritti dei pescatori di organizzare i pescatori nei loro luoghi di lavoro, educarli sui loro diritti, formarli sulla tutela di salute e sicurezza sul luogo di lavoro, sviluppare le loro capacità per intraprendere azioni collettive e difendere i loro diritti di fronte alle autorità thailandesi, alle aziende ittiche e agli organismi internazionali. Ussama aggiunge:

By building a union, fishers have the power of a united voice to demand structural and systemic changes in the industry.

Creando un sindacato, i pescatori hanno la forza di una sola voce per chiedere cambiamenti strutturali e sistemici nel settore.

I membri della Rete sui Diritti dei Pescatori mostrano il loro kit di pronto soccorso dopo aver partecipato alla sessione di formazione su salute e sicurezza. Foto usata con autorizzazione.

In un paese in cui i lavoratori migranti temono la deportazione e in un settore in cui i datori di lavoro spesso usano violenza fisica contro i lavoratori, il processo di costruzione del sindacato è un compito lento, che richiede la creazione di relazioni di fiducia tra i pescatori. Una volta creata la fiducia, gli organizzatori possono fornire ai pescatori la formazione e kit di pronto soccorso, un’educazione ai diritti e la capacità di agire.

Uno degli organizzatori, un giovane ex pescatore birmano di nome Chan Myae Aung, ha parlato con Global Voices via e-mail. Chan Myae Aung racconta delle sue giornate lavorando su una barca da pesca prima di diventare un organizzatore sindacale con la Rete sui Diritti dei Pescatori:

The fishing boat was very dangerous. We were surrounded by dangerous machines, and they became even more dangerous because we weren’t trained properly on how to operate them.

La barca da pesca era molto pericolosa. Eravamo circondati da macchine pericolose, che lo sono diventate ancora di più perché non eravamo addestrati adeguatamente su come farle funzionare.

A causa di negligenti pratiche di salute e sicurezza sul posto di lavoro, Chan Myae Aung probabilmente riporterà ferite per tutta la vita. Aggiunge:

Chan Myae Aung, un organizzatore della Rete sui Diritti dei Pescatori. Foto utilizzata con il autorizzazione.

Once, my wrist was hit by a rope running through a winch, and it took me two months to recover. To this day, my wrist still has not fully healed and I still have pain and problems moving it. My employer gave me 5,000 Baht ($120 USD) for the injury and medical treatment, and that was all. Nowadays, when I lift heavy things, I always have a sharp pain in my wrist.

Una giorno, una fune che attraversava un argano ha colpito il mio polso e mi ci sono voluti due mesi per riprendermi. Ad oggi, il mio polso non è ancora completamente guarito, mi provoca ancora dolore e ho difficoltà a muoverlo. Il mio datore di lavoro mi ha dato 5000 baht (120 dollari) per l'infortunio e le cure mediche, niente di più. Tutt’ora, quando sollevo oggetti pesanti, ho sempre un forte dolore al polso.

Circa un anno prima di diventare organizzatore, Chan Myae Aung ha aiutato ad organizzare uno sciopero a bordo della sua barca da pesca.

Our captain wanted to fish in a restricted area (offshore a national park), and many of us were concerned because we had heard about a group of fishers that had recently been arrested because they followed their captain’s order and got caught fishing in a restricted area. Those fishers went to jail, but their captain was granted bail. I was afraid that the same thing would happen to us, so we decided as a group to stop work.

Il nostro capitano voleva pescare in un'area soggetta a restrizioni (al largo di un parco nazionale) e molti di noi erano preoccupati, perché avevamo sentito parlare di un gruppo di pescatori che erano stati recentemente arrestati dopo aver seguito l'ordine del loro capitano ed erano stati trovati a pescare in un'area riservata. Quei pescatori sono finiti in prigione, mentre al loro capitano è stata concessa la cauzione. Avevo paura che ci sarebbe successa la stessa cosa, così abbiamo deciso, come gruppo, di smettere di lavorare.

L'azione di sciopero ha convinto il capitano della barca ad evitare di entrare nell'area soggetta a restrizioni e di rientrare in porto. I pescatori così hanno evitato potenziali arresti ed espulsioni.

Fino a quando la Thailandia non riconoscerà il diritto di pescatori come Chan Myae Aung di formare un sindacato, il loro benessere continuerà a dipendere da autorità di controllo, agenti di polizia e proprietari di barche riluttanti, inefficienti o indesiderati. Chan Myae Aung sottolinea l'obiettivo della creazione del loro sindacato:

Building our own union is the only long-term solution to fix problems. With our own union, we will be able to fight for ourselves, and win the kind of respect and dignity we deserve.

Costruire il nostro sindacato è l'unica soluzione a lungo termine per risolvere i problemi. Con il nostro stesso sindacato, saremo in grado di combattere per noi stessi e guadagnarci il tipo di rispetto e dignità che meritiamo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.