chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

VIDEO: Come si riscaldano i gatti giapponesi in inverno? Con i ‘Kotatsu’, proprio come gli esseri umani

japanese cats in kotatsus

Un gatto in un ‘kotatsu.’ Dal canale Kagoneko su YouTube.

L'inverno è arrivato in Giappone [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione]. Il 24 novembre 2016, Tokyo ha vissuo la sua prima nevicata di novembre in 54 anni. Anche se la neve ha forse sorpreso, annuncia l'inizio di una stagione non troppo confortevole in Giappone: l'inverno.

Mentre i torridi mesi estivi sono resi più tollerabili grazie agli impianti di aria condizionata onnipresenti, i gelidi mesi invernali del Giappone sono talvolta crudeli. Il riscaldamento centralizzato non è così diffuso in Giappone, come in altre nazioni sviluppate. Molte persone utilizzano, invece, le stufe a cherosene per riscaldare, oltre a una tecnica chiamata kotatsu [it]: un tavolo basso in legno, equipaggiato con una pesante coperta e riscaldato da un termosifone al di sotto.

La parola kotatsu evoca immagini di tepore e calore, non solo per gli esseri umani. Anche i gatti domestici adorano il kotatsu, spesso fanno un sonnellino sotto il tavolo, dentro la coperta, vicino al radiatore elettrico.

Come raccontato dal blog giapponese Fundo, il vlog Kagoneko (かご猫 Blog, Blog “Gatto in una scatola”) su YouTube cattura questa scena tradizionale di calore e confort.

Il vlog carica regolarmente video di gatti in Giappone,anche i gatti accoccolati sotto a un kotatsu.

I gatti adorano accoccolarsi vicino al radiatore elettrico. Il blog di Nekobako cattura perfettamente questo scenario:

Guarda su Nekokago vlog gli aggiornamenti.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.