chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Utenti iraniani e hongkonghesi si connettono attraverso una campagna online contro l'accordo Cina-Iran

Gli screen dei commenti sulla pagina Instagram di LIHKG. Dal profilo Facebook LIHKG.

Con l'hashtag #China_get_out_of_Iran (Cina fuori dall'Iran) [en, come i link successivi, salvo diversa indicazione], un grosso numero di utenti Instagram (IG) dell'Iran si sono riversati sull'account IG del sito web di Hong Kong di tipo Reddit LIGHK, attirando l'attenzione degli hongkonghesi su un accordo commerciale e militare con l'Iran della durata di 25 anni che la Cina si oppone di firmare.

Superando le barriere linguistiche e culturali attraverso conversazioni con gli utenti iraniani, gli utenti LIGHK hanno contribuito alla promozione della campagna su varie piattaforme di social media.

All'inizio di questo mese, diversi media hanno riferito che la Cina e l'Iran avevano elaborato un partenariato lungo 25 anni — un accordo che la rivista Forbes ha ipotizzato possa valere fino a 400 miliardi di dollari.

Secondo una bozza dell'accordo rilasciata dal New York Times, la Cina investirà in infrastrutture per l'Iran — tra cui banche, telecomunicazioni, porti, e ferrovie — mentre l'Iran fornirà alla Cina una fornitura di petrolio fortemente scontata. L'accordo  potrebbe avere un terribile impatto sui rapporti internazionali e sugli equilibri geopolitici, dal momento che consentirebbe alla Cina di stabilire la sua influenza in Medio Oriente e nell'Eurasia, divenendo così una minaccia per gli interessi americani.

Forse a causa della dura repressione della libertà di espressione imposta dal governo iraniano e della barriera linguistica fra i due Paesi, pochissimi media hanno riportato la reazione dei cittadini iraniani alla notizia della partnership.

Eppure, gli iraniani cercano ancora fortemente di esprimere la loro opinione, principalmente attraverso i social media. LIGHK ha pubblicato uno screen di alcuni dei commenti che circolano su Twitter:

La gente dall'Iran sta cercando aiuto attraverso #china_get_out_of_iran sulla nostra pagina Instagram.

L'utente @h.vahidel su Twitter ha cercato di spiegare agli abitanti di Hong Kong l'accordo fra Iran e Cina:

An island in Iran has been bought by China’s government and oil operation for 25 years. This is a kind of colonization.

Un'isola in Iran è stata acquistata dal governo cinese e dall'operazione petrolifera della durata di 25 anni. Si tratta di una sorta di colonizzazione.

Un altro utente social dell'Iran, @dearlostkarma, ha aggiunto:

Hey, iranian here. First i must apologise for some of the misunderstanding, the iranian officials are going into a contract with ccp that gives them military and land access for 25 years including ports and maritime routes, they have also agreed that china may occupy some islands in Persian Gulf. Fellow iranians who have protested against this deal with ccp were attacked by the 五毛 [WuMao are pro CCP trolls] and as they struggled to find ccp related forums they resorted to spam this message here…

Qui parla un iraniano. Per prima cosa, devo scusarmi per alcune incomprensioni, gli ufficiali iraniani stanno stipulando un contratto con il ccp che dà loro accesso militare e terrestre per 25 anni oltre ai porti e alle vie marittime, inoltre hanno lasciato via libera alla Cina nel caso voglia occupare alcune isole presenti nel Golfo Persico. Gli iraniani che hanno protestato contro questo accordo con il PCC sono stati attaccati dai 五毛 [WuMao sono troll professionisti pro PCC] e quando si sforzavano di trovare forum relativi al PCC, loro hanno fatto ricorso allo spam di questo messaggio qui…

Le isole alle quali i cittadini iraniani fanno riferimento sono Kish [it] e Qeshm [it]. Nel 2016, la Cina ha avviato una joint venture con l'Iran per la costruzione di un terminale petrolifero in Qeshm. Inoltre, alcuni critici ritengono che la Cina abbia programmato di stabilire una presenza militare nell'area con l'affitto dell'isola Kish.

In risposta alla richiesta dei cittadini iraniani di concentrare l'attenzione sulla questione, gli utenti LIHKG hanno richiesto iniziative di solidarietà sulle piattaforme social utilizzando una lista di hashtag che includevano #فروش_ایران_ممنوع [ar] (cioè “l'Iran non è in vendita”), #چین_برو_گمشو [ar] (cioè “Cina fuori dai piedi”), #No2IRChinaTreaty, e #China_get_out_of_Iran.

Un utente su Twitter ha risposto alla richiesta e ha spronato i suoi follower a partecipare alla campagna online:

Queshm, un'isola dell'Iran, sta per essere occupata dalla Cina. Molti iraniani coraggiosi si appellano all'aiuto dall'estero. Quindi per favore aiutateli! Ci sono anche vittime della tirannia del PCC.

Il consigliere distrettuale di Hong Kong a favore della democrazia, Jordan Pang, ha scritto:

Nel frattempo, le persone in Iran gridano #china_get_out_of_iran
La Cina ci ha regalato il Coronavirus, e adesso le stiamo fornendo il petrolio, non mollare Iran.
//Quando la Cina ha incontrato l'Iran

Lo studente attivista Sunny Cheung di Hong Kong ha spiegato l'accordo:

1. Gli iraniani chiedono l'arresto dell'accordo economico e di sicurezza con la #Cina. La Cina ne sta guadagnando dal disastro economico dell'Iran con la sua strategia trappola del debito. L'esperienza degli abitanti di Hong Kong prova che il #PCC non tende mai ad onorare le sue promesse.

In entrambe le zone, gli hongkonghesi e gli iraniani parlavano fra loro della questione:

Grazie. Sono con te.
La tirannia cinese vuole conquistare il mondo. Nel nome della libertà, il mondo dovrebbe unirsi contro la Cina.
Non dimenticate di #Boicottareiprodotticinesi

Supportiamo gli iraniani! Il mondo dovrebbe fermare il colonialismo della Cina!

Attualmente i dettagli dell'accordo di partenariato di 25 anni non sono stati rivelati ufficialmente, poiché i funzionari iraniani dicono di essere ancora in fase di definizione dei dettagli. essere ancora in fase di definizione dei dettagli.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.